L’urtima ottobrata

Si che giornata! Tutta che sprofuma
de raggi de st’ormai fine ottobbrata,
che a sgargamèlla beve la vampata
ancora infin’a tardi…Ma mo’ sfuma

er bèr marchingegno-slunga-giornata
e er buio rincomincia a venì in fretta
ché er tempo vòle côre e nun aspetta,
che abbasta a ddà la luce a la serata!

Gua’, Betti’! È l’ urtimo tramonto a st’ora,
che un tempo fàrzo arigàla, pe st’anno…
Fàmose còje che se stàmo amànno
financh’er sole, de môccolo, odora.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 10, 2017 at 07:18  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/11/10/lurtima-ottobrata/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Mi garba assai armando
    Tinti

  2. Bella sì! Piera


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: