Sport?

Via dai mondiali? Affare di Stato!

Ci manca solo il lutto nazionale.

Ma se è sport non è forse naturale

non centrare sempre un buon risultato?

 

Ma come bromuro il calcio è usato:

se si vince l’ubriacatura sale,

pare che nulla possa andar male,

ma se si perde il Paese è disperato.

 

Fomentano i media questa follia:

aizzano i clan, gridano al disastro,

come se al default fossimo in balìa.

 

Eppure il calcio sport non è: è astro

fittizio, malato di bulimia.

Una macchina mangiasoldi a nastro.

 

Umberto Marinello

Published in: on novembre 24, 2017 at 07:48  Comments (2)  

Chiudo i tuoi occhi

Con garbo

chiudo i tuoi occhi

nell’ultimo saluto

nell’intimo sentire

il momento di lasciarci

è giunto

altre sponde non più terrene

ti attendono

cara mamma

e il tuo corpo immobile

si è arreso

nulla di questo mondo

più ti appartiene

non beni materiali

ci hai lasciato

ma il senso del vivere

e dell’amore

al di sopra del dolore

della sofferenza

della vita oltre la morte

 

Maristella Angeli

Published in: on novembre 24, 2017 at 07:02  Comments (8)  

Mi ribello alle massime e agli stereotipi

La pacatezza che mi fa da guscio e tana
è il mio riparo dai sentenziatori
_ho visto esseri umani prigionieri
di simboli e precetti
vivere come fossero immortali_
ho appreso a non bramare
a ritenere tutti, me compresa
per niente necessari
e ad essere-nonessere
senza gravare troppo sugli amori
senza aspettarmi troppo dagli amori
potrebbe dirsi noncuranza, ma
è la contezza di lasciare liberi
di andare o di restare

Cristina Bove

Published in: on novembre 24, 2017 at 06:59  Comments (3)  

Er micio nero

gatto-nero-500x300

Mentre guidavo, un gatto
nero com’ar carbone
m’attraversò d’un tratto
la strada da ‘n cantone
e, come ‘n disperato
cantava la canzone
der micio ‘nnamorato
ch’insegue la su’ gatta
per tutt’er vicinato.

Frenai de corpo e lesto
facenno li scongiuri
cambiai de direzzione
ond’evitar che presto
disgrazzie a profusione
me piovesser’addosso.

Così sentii la botta
striscianno contr’ai muri:
la machina sfasciata
m’aggiustò la giornata!

Er gatto me guardava
ridenn’a più non posso:
– Ma che te ridi, gatto? –
– Rido -, rispose schietto
– Perché me par’un matto!
Ma quanno sarti er fosso?
Già stamo ner futuro
e tu credi ch’un gatto
pur se di pelo scuro
te po’ portà sfortuna?

Mejo sarebbe stato
s’er gatto ‘nnamorato
er canto suo alla luna
avesse destinato,
s’invece de vagà
com’un cretino
lungo ste strade qua
der Prenestino
fusse rimasto a miagolà
s’un tetto affianc’a n’abbaino
pe portasse la gatta
drent’ar letto!

E ‘nvec’er maledetto
ha rotto li cojoni
a ‘n poveretto
(che ignaro der progresso,
delle moderne azzioni,
s’ostin’a fare er fesso)
siconno er quale per retaggio antico
er gatto nero mena gramo spesso
e porta jella quanto nun ve dico!

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI
Published in: on novembre 24, 2017 at 06:58  Comments (2)