Paura di amare

La via dell’amore

germoglia

dai bassifondi della paura.

Risale

i vicoli del dolore

gira

rotonde d’incertezze

e s’inoltra

nei paesaggi lunari

del sogno.

 

Graziella Cappelli

Published in: on dicembre 31, 2017 at 07:37  Comments (9)  

Lasciatemi in un angolo

Lasciatemi in un angolo
Silenzioso e solitario
A riposare, riflettere,
Ricordare e a piangere
Se mi va,
Finalmente libera e
Senza pudore.
Lasciatemi stare per un po’,
Perché son proprio stanca
All’improvviso
Di tutta questa fatica inutile,
Di questa rincorsa
Forsennata al niente,
Di questo sentirmi aliena
Sul mio pianeta,
Straniera nella
Mia terra e delusa.
Lasciatemi perché
Sono ferita e devo curarmi
Il corpo e il cuore.
E se mi avvicinate
Sappiate tutto ciò,
Leggete bene
Il mio sorriso
Scorgendo quella
Ruga minuscola
E un po’ triste a lato
Della mia bocca.

Piera Grosso

Published in: on dicembre 31, 2017 at 07:31  Comments (6)  

Vuoto il nido

Vuoto qui il nido delle rondine amiche
volate con forzati voli per lontani lidi
e qui in attesa di uno sperato lor ritorno,
pur vuoto il nido oggi dei pensieri miei
cattivi che volati da me lontan lontani
che da lì si spera senza possibile ritorno

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on dicembre 31, 2017 at 07:06  Comments (6)  

L’urtima stella

Appena se ne va l’urtima stella
e diventa più pallida la luna
c’è un Merlo che me becca una per una
tutte le rose de la finestrella:
s’agguatta fra li rami de la pianta,
sgrulla la guazza, s’arinfresca e canta.

L’antra matina scesi giù dar letto
co’ l’idea de vedello da vicino,
e er Merlo furbo che capì el latino
spalancò l’ale e se n’annò sur tetto.
– Scemo! – je dissi – Nun t’acchiappo mica…-
E je buttai du’ pezzi de mollica.

– Nun è – rispose er Merlo – che nun ciabbia
fiducia in te, ché invece me ne fido:
lo so che nu m’infili in uno spido,
lo so che nun me chiudi in una gabbia:
ma sei poeta, e la paura mia
è che me schiaffi in una poesia.

È un pezzo che ce scocci co’ li trilli!
Per te, l’ucelli, fanno solo questo:
chiucchiù, ciccì, pipì… Te pare onesto
de facce fa la parte d’imbecilli
senza capì nemmanco una parola
de quello che ce sorte da la gola?

Nove vorte su dieci er cinguettio
che te consola e t’arillegra er core
nun è pe’ gnente er canto de l’amore
o l’inno ar sole, o la preghiera a Dio:
ma solamente la soddisfazzione
d’avè fatto una bona diggestione.

TRILUSSA

Published in: on dicembre 31, 2017 at 06:55  Comments (4)