Sulla soglia del tempo

Or che m’appresto a varcare la soglia            

del tempo fattosi momento,              

nel pavido concetto dell’avvento                                           

tutto si svuota e divien doglia.                                          

‘Sì della sera pria che il sol s’anneri                              

raccolgo gli ultimi colori,                                                  

dimentico con forza quei dolori                                    

e sciolti lascio i miei pensieri.                                            

Con sensi nuovi gusto, vedo e sento                                

e cerco la beltade ambita                                                  

in ogni increspatura della vita,                                          

finchè non vibra il cuor contento.                                      

Cerco pace nel mormorio del vento                              

o nell’incanto del silenzio                                                  

nella poesia trovo il mio assenzio,                                   

fra le sue rime godimento.

Dal rimosso dell’anima i consigli

ora divengono dovizia,                                                        

di veri abbracci vivo l’amicizia,                                          

mi dan gli affetti nuovi appigli.                                          

Così disegno ancora cose ardite

a mia misura, e in lealtà

rinfocolo d’un tempo facoltà                                                      

che mente non ha mai sopite.               

 

Alberto Baroni

Published in: on gennaio 20, 2018 at 07:32  Comments (11)  

A lume di luna

Quando la luna sfavilla nella notturna foschia
con la sua falce tenera e lucente,
la mia anima aspira a un altro mondo,
ammaliata da lontananze infinite.

Ai boschi, ai monti, alle candide cime
io mi affretto nei sogni come uno spirito infermo,
io veglio sul mondo tranquillo
e dolcemente piango e respiro la luna.

Assorbo questo pallido splendore,
come un elfo vacillo in una rete di raggi,
ascolto il silenzio loquace.

Mi è lontano il tormento del prossimo,
mi è straniera la terra con la sua lotta,
sono una nube, un alito di brezza.

KONSTANTIN DMITRIEVIČ BAL’MONT

Published in: on gennaio 20, 2018 at 07:31  Comments (3)  

E la luna

Si dissangua il tramonto

tra orli scarlatti di nuvole

va colorandosi di nero

quel cuore immenso.

Passi silenziosi

nel prato del cielo

sogni troppo grandi

per restare imprigionati.

Anime vuote le stelle

luci incredule e delirio

non esiste segreto

alla follia della notte.

Soltanto i pazzi guardano la luna.

 

astrofelia franca donà

Published in: on gennaio 20, 2018 at 07:16  Comments (2)  

Senza valori

Ci siamo dentro fino al collo
senza catenine e senza valori
lasciati soli a misurarsi con l’infinito
che nemmeno arriva al muro di fronte.

Per troppo tempo
ci siamo persi
in un mondo per allodole
ma le giostre
hanno finito la corsa.

Perfino i grossi anelli d’oro
con la testa di leone
hanno smesso di ruggire.

Perfino i visoni
si sono nascosti negli armadi
in decomposizione.

Stiamo correndo
su una rotonda senza traverse
e senza ritorno

Lorenzo Poggi

Published in: on gennaio 20, 2018 at 07:14  Comments (3)