Che in tutto fra tutte suprema sia

Che in tutto fra tutte suprema sia
la legge del mercato, che a lei deva
subordinarsi restando utopia
per sempre tutto quello che solleva

l’uomo da se stesso sembra alla mia
mente quasi incredibile. Ma alleva
menti per crederci l’economia
trionfante, fa che ciascuna s’imbeva

di quel credo miserabile e creda
a esso fieramente come al più santo
vangelo; e non ha scampo chi rimpianto

dell’altro s’ostina finchè non ceda
di schianto il cuore a provare e di noia
trema dove per altri è ottusa gioia.

GIOVANNI RABONI

Published in: on febbraio 8, 2018 at 07:49  Comments (3)  

Su di me…

Dolce come miele,
l’eco delle parole
sussurrate nella notte,
malizioso ed eccitante
si posa su di me
come improvvisa carezza,
e nascosto dentro il ritmo
del respiro… cresce il piacere

Patrizia Mezzogori

Published in: on febbraio 8, 2018 at 07:47  Comments (3)  

Il tempo per un poco si fermasse

Di quel blocchetto spesso
solo quel trentuno colorato
vive lo staccherà doman
la mano uno strappo muore
così un anno e già li pronto
è un rosso uno di gennaio
su un blocco vergin intonso
ed ad assottigliarsi pronto
e neri rossi e neri cadranno
via via quei colori dei giorni
segno e il tempo si consuma
ma quest’anno nuovo vorrei
che per un poco si fermasse
l’ora dando più spazio ai miei
d’amor pensieri: gli ultimi forse!

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on febbraio 8, 2018 at 07:25  Comments (5)  

Maretta…sotto, sotto…E puro sopra…

In giro nfra lombrichi e vermi vari
c’è maretta…c’è odor de ribbellione
a seguito de’n fatto d’eccezione
che va a toccà li gusti alimentari…

Secônno quarche scellerato, infatti,
la dieta òjo d’uliva e pommidori,
fettina, ‘n po’ de pasta e vari odori…
nun va più bbène manco pe li gatti!

‘N so chi – li cosi sui ‘n se li sa ffà –
st’ a mmétte in testa a tutti che li vermi
sò er cibbo der futuro, e da li schermi
st’a predicà … st’a ffà pubbricità…

“Noi scioperàmo…E ‘n fàmo più li buci!
E senza più li buci, li teréni
saranno duri e pieni de veleni…
Basta, perciò, a passà ste idee truci!”

‘Na Chianina, che stava pascolànno
sentènno de ste cose prènne a ddì:
“A mme ‘n me dite gnènte: io sto qui
p’ èsse “fiorentina”!…Che ìte cinaciànno…!”…

E bachi…e grilli…e larve e cavallette
se méssero a inizzià un casino tale
che ognuno co quer ciarvèllo gegnàle
pijò er gran fuggi, fuggi…E più, ‘n potette!

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 8, 2018 at 07:23  Comments (2)