Mentre con i tuoi capelli per competere

MIENTRAS POR COMPETIR CON TU CABELLO

Mientras por competir con tu cabello
oro bruñido al Sol relumbra en vano;
mientras con menosprecio en medio el llano
mira tu blanca frente el lilio bello;

mientras a cada labio, por cogello,
siguen más ojos que al clavel temprano,
i mientras triunfa con desdén lozano
de el luciente cristal tu gentil cuello;

goza quello, cabello, labio y frente,
antes que lo que fué en tu edad dorada
oro, lilio, clavel, cristal luciente,

no sólo en plata o víola troncada
se vuelva, mas tú y ello juntamente
en tierra, en humo, en polvo, en sombra, en nada.

 

§

Mentre con i tuoi capelli per competere
L’oro brunito splende al sole invano,
Mentre il bel giglio con disprezzo ammira
La tua candida fronte in mezzo al piano,
Mentre più sulle labbra tue si posano
Gli occhi che sul garofano da cogliere,
Ed altezzoso il tuo bel collo rosa
Trionfa sull’avorio opalescente,
Godete collo e chioma e labbra e fronte
Prima che ciò che fu in età dorata
E l’oro e il giglio e il cristallo lucente
Non solo argento o una viola spezzata
Diventino, e con loro tu mutata
In terra, in fumo, in pòlve, in ombra, in niente..

LUIS DE GÓNGORA Y ARGOTE

Published in: on aprile 20, 2018 at 07:43  Lascia un commento  

Giorni d’incertezza

Sospiri di zucchero filato
in questi giorni di malinconia
spinti dalla consapevolezza
che il passato non può tornare
a donare nuovo soffio di vita.

Amore costruito in sofferenza,
un libro che mai verrà sfogliato
perché fatto di pagine bianche
e di pensieri che, volando
nell’abbagliante luce del sole,

sbiadiscono i colori dei fiori
come fossero fragili cristalli,
frantumati dal susseguirsi insulso
di giorni e notti sempre uguali
dove il riposo non ha sollievo

E’ il delirio a scandire le ore
di giornate prive di carezze,
racchiuse nel silenzio perpetuo
di parole che mai verranno dette
adombrando anche l’ultima speranza.

Patrizia Mezzogori

Published in: on aprile 20, 2018 at 07:31  Comments (2)  

L’amore è l’amore

il giorno alle costole

e

se la corsa

è troppo lunga

giochi eccessivi

urtano

i pensieri

fare i bagagli

partire

quale stazione?!

salire sul treno

quale destinazione?!

…di tutte le cose:

l’amore è l’amore

.

Giovanni De Simone

Published in: on aprile 20, 2018 at 07:15  Comments (5)  

Desintonizzazione

Ho una lacuna di conforto
per chi piange d’amore andato a male
e cerco un’amarezza più incisiva
un pianto a farmi viva
magari senza troppa convinzione
o forse inadempiente
come un riparo di coperta corta

Sono parole astruse
quelle che sento battere alla porta
parole in una cesta abbandonata
orfane nella ruota degli esposti

La mia pietà è finita
e sono sola con le mie magagne
ma vorrei
quadrare cerchi nelle logoteche
disegnare diagrammi di certezza
essere un genio che trascriva il vero
in equazioni sopra una lavagna

Cristina Bove

Published in: on aprile 20, 2018 at 06:58  Lascia un commento