I nostri amici vittoriosi

Cari amici, ancora una volta e con grande piacere, vi informo che il nostro strepitoso Santi Cardella ha meritato corona d’alloro essendosi classificato al primo posto nel prestigioso Concorso Internazionale di Poesia, Narrativa e Saggistica “Veretum” nella sezione poesia in vernacolo, con la bellissima

’U gira…suli

Sicilia, ’nta ’n’aricchia t’aiu a parrari

d’un misteriu ca tegnu dinta o cori

fattu ca nun mi fa cchiù arragiunari:

dunni va ’u suli quannu scinni e mori?

S’ammuccia nicu nicu ’nta li grutti

di li vulcani sparsi sutta ’u mari,

astuta a luci e nni fa fissa a tutti

ca arristamu alluccuti a talïari?

Ma doppu comu fa ’stu schifïusu

a spuntari ’nto cielu suspirannu

supra i pissiani dunni sta Maria?

e dda mi lassa stupitu e cunfusu

quannu s’affaccia tenniru e cantannu

sutta a li cigghia di la bedda mia!

 

Santi Cardella

Il prossimo 9 giugno, presso il palazzo L. Romano di Patù (LE) riceverà una pioggia di meritatissimi applausi, ai quali unisco i miei, assieme a vivissimi complimenti per la sua grande arte. Caro Santi, questa tua strepitosa serie di successi lascia piacevolmente stupiti e, ormai conoscendoti, restiamo in attesa d’applaudirti per ulteriori tue imprese letterarie.

Ma Santi non è il solo ad aver conseguito un importante riconoscimento: cari amici ho il grande piacere di informarvi che la nostra Sandra Greggio nella terza edizione del prestigioso e affollatissimo Concorso Internazionale di Poesia “L’infinito” di Vergato (BO) si è classifica al quarto posto, a pari merito con altri valenti poeti, ed in presenza di 260 partecipanti con 600 composizioni. Questa la bellissima poesia oggetto dell’onore attribuitogli da una qualificata giuria:

Sabbie mobili

Ti ho seguito
nel tuo gioco proibito,
ti ho seguito
come un’onda segue altra onda
spingendola.Onda dopo onda,
bacio dopo bacio
ti ho seguito,
e mi son ritrovata in alto mare

…non sapendo nuotare.

Sandra Greggio

Alla nostra ottima Sandra i più vivi complimenti per questa brillante affermazione e, restando in attesa di altre sue affermazioni letterarie, mi unisco agli scroscianti applausi da lei ricevuti il 26 maggio scorso nel corso della cerimonia di premiazione.

Piero Colonna Romano

Published in: on maggio 31, 2018 at 18:03  Comments (7)  

Un’estate

Ancora penso a quegli occhi

luccicanti di cielo

che giurare mi chiesero

di donargli un domani.

Di una estate fu il sogno

che sfumò nell’autunno

e volò come foglia

senza fare rumore.

Di quel giorno lontano

solo un volto rimane,

annebbiato è lo sfregio

che aspro rese il cammino.

Ancor penso a quegli occhi

luccicanti di cielo,

a cui ancor ora

donerei il mio domani.

 

Alberto Baroni

Published in: on maggio 31, 2018 at 17:42  Comments (4)  

Dentro il tuo abbraccio

 

Dentro il tuo abbraccio

ancora mi tuffo

rido e piango

muoio e rinasco

oppure vi sosto

Le mie, le tue braccia

nel tremore del bacio

una gioia, un dolore

Siamo nel vento frenetico

che ci sta portando via…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on maggio 31, 2018 at 07:48  Comments (2)  

Amiche

Cantare alla luna

ubriache di vita.

Danza su un filo

i giorni da venire.

Germana studiava

e preparava giochi

da strappare a giorni vuoti.

Riflessi in ritagli di specchi.

Olga ingoiava silenzi

frutti insapore

beveva malinconia

Eppure aveva guizzi di gioia.  

Pamela disegnava

arabeschi di realtà

pallidi, in cerca di colori

per dipingere il domani.

Nerina aveva già domani

nelle borse dei suoi occhi neri.

Ultima immagine, sposa generosa.

Presto varcò il confine del mistero.

Su una terrazza aspettavamo l’alba

sedute su un soffio fugace

Affacciate sull’immenso

ricche di gioventù.

 

Liliana Tuozzo

Published in: on maggio 31, 2018 at 07:18  Comments (5)  

A paura mia

Tengo nemice? Faccio ‘o paro e sparo…
‘E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »
E nun tremmo si sent’ ‘e di: «Te sparo! »
Chillo c’ ‘o ddice, ‘0 ddice, nun ‘0 ffà.
Si è p’ ‘o buciardo, nun me movo, aspetto.
(‘A buscia corre assaie, ma campa poco).
‘O vuò vedè? ‘0 canusce comm’ ‘o «sette»,
va pè parlà, se fa una lamp’ ‘e fuoco.
‘A calunnia? E chella «è un venticello»,
dico vicin’ a ‘o viento: «Nun sciuscià? »
Quann’ha fatt’ ‘a sfucata vene ‘o bello,
allor’ accuminciamm’ a raggiunà.
E manco ‘a morte, si me tene mente,
me fa paura. ‘ A morte è generale.
Ll’uommene sò rumanze differente,
ma tènen’ una chiusa, unu finale.
M’arròbbano? Arreduco mmiez’ ‘a via?..
J’ fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul”o fesso!

EDUARDO DE FILIPPO

Published in: on maggio 31, 2018 at 07:02  Comments (2)