Er comizziante

Votànno a mme voi fate un terno ar lotto,
ché come starò llì, in quattrequattrotto
io…m’arisòrvo tutto…ma ‘n ve pianto:
che…l’osso ve lo lascio, e anche ‘n po’ più!
È ora de parlàsse a tu-ppe-ttu:
èccome qua! Sò er mèjo e me ne vanto
e io! sò er solo a avéccelo, sto motto:
“Der bene der paese…me ne fotto!”

Ma nno…Scusat’er lapsus!…sto a sbajà…
Volevo dì: ” Votate, e…nu’ rompete!…”….
‘N ce sto a ‘zzeccàcce propio!…Nun ce còjo…
Ma che è che me fa dì quer che nun vòjo?!
Me stann’a ffà ‘r malocchio…Guà che imbròjo!
Ma io sò coccia dura e nu mme sciòjo!
Sò l’artri…Li sentite!…Li vedete!…
Perché sò er mèjo, e stann’a rosicà!

Votàteme!…Ma, mbeh?…Ma che ciavéte!
Sò l’artri! che ve fôtteno…Sapete!?
Che dite?…Er “fôtto” ve l’ho detto io?…
Ma è stato solo ‘n fiotto d’onestà…
Lo giuro: ve sto a ddì la verità!
Ma nno! der “fotto”… Dico…- santiddio!
me fate rimbrojàmme, ma…vedete,
si ‘n vinco io…er terno lo perdete!

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 3, 2018 at 07:19  Comments (1)  

Pranzare solo

È freddo, pranzo di erbe due uova
un sorso di vino, un poco di pane
alla finestra curioso il sole mi appare
nella stanza il chiarore si spande

tranquillo, distrattamente mangio,
solo, mi fa compagnia il pensiero
di lei, chissà cosa fa, ora,
lontana, in questo momento

Ancora si sente un canto d’uccello
il sole è amico per dare allegria
il merlo compagno di tante mattine
bussa al vetro della mia cucina
mi ricorda che ha fame, che vuole mangiare.

Sento freddo ed un gran sorso di vino
mi scalda le vene. Nella quiete del giorno
penso alle donne, quante, che pranzano
sole, senza darmi un cenno d’amore,
è certezza assordante che mi fa trasalire
non importa, mi parlo da solo.

E’ bosco in silenzio l’ora di pranzo,
per ogni pianta che si parla da sola
è voce e ascolto di foglie a stormire.
Un riverbero amico mi scuote,
è luce l’aroma di un buon caffè
e ritorno normale, in pace con me.

Marcello Plavier

Published in: on giugno 3, 2018 at 07:15  Comments (1)  

Amore, vola da me

Amore,
vola da me
con l’aeroplano di carta
della mia fantasia,
con l’ingegno del tuo sentimento.
Vedrai fiorire terre piene di magia
e io sarò la chioma d’albero più alta
per darti frescura e riparo.
Fa’ delle due braccia
due ali d’angelo
e porta anche a me un po’ di pace
e il giocattolo del sogno.
Ma prima di dirmi qualcosa
guarda il genio in fiore
del mio cuore.

ALDA MERINI

Published in: on giugno 3, 2018 at 07:02  Comments (2)  

La mia mente

ti crea
in fluttuanti
miraggi
Come la primavera
i fiordalisi,
che animano
i campi…

Anileda Xeka

Published in: on giugno 3, 2018 at 03:09  Comments (1)