Preghiera al cielo

Sale la luna nel buio della notte

il blu del cielo mi fa pensare ai tuoi occhi

buonanotte amore ovunque tu ora sia

c’è ancora una speranza in fondo alla malinconia

 

Quanto tempo è passato, son diventato vecchio

ma c’è una ruga nel cuore che non si vede allo specchio

stringo nella mia mano, ancora, mentre ti penso

la foto di noi due che ormai non ha più senso

 

Ma adesso che viene il buio potrò sognarti ancora

immaginare che il tempo non sia passato in un ora

mi basterà guardarti, sentirti dentro di me

amore mio, raccontami di te

amore mio, finalmente sono con te.

 

Sandro Orlandi

Published in: on ottobre 2, 2018 at 07:29  Comments (6)  

Pioggia d’agosto

Nel mio giardino triste ulula il vento,
cade l’acquata a rade goccie, poscia
più precipite giù crepita scroscia
a fili interminabili d’argento…
Guardo la Terra abbeverata e sento
ad ora ad ora un fremito d’angoscia…

Soffro la pena di colui che sa
la sua tristezza vana e senza mete;
l’acqua tessuta dall’immensità
chiude il mio sogno come in una rete,
e non so quali voci esili inquiete
sorgano dalla mia perplessità.

«La tua perplessità mediti l’ale
verso meta più vasta e più remota!
È tempo che una fede alta ti scuota,
ti levi sopra te, nell’Ideale!
Guarda gli amici. Ognun palpita quale
demagogo, credente, patriota…

Guarda gli amici. Ognuno già ripose
la varia fede nelle varie scuole.
Tu non credi e sogghigni. Or quali cose
darai per meta all’anima che duole?
La Patria? Dio? l’Umanità? Parole
che i retori t’han fatto nauseose!…

Lotte brutali d’appetiti avversi
dove l’anima putre e non s’appaga…
Chiedi al responso dell’antica maga
la sola verità buona a sapersi;
la Natura! Poter chiudere in versi
i misteri che svela a chi l’indaga!»

Ah! La Natura non è sorda e muta;
se interrogo il lichène ed il macigno
essa parla del suo fine benigno…
Nata di sé medesima, assoluta,
unica verità non convenuta,
dinanzi a lei s’arresta il mio sogghigno.

Essa conforta di speranze buone
la giovinezza mia squallida e sola;
e l’achenio del cardo che s’invola,
la selce, l’orbettino, il macaone,
sono tutti per me come personae,
hanno tutti per me qualche parola…

Il cuore che ascoltò, più non s’acqueta
in visïoni pallide fugaci,
per altre fonti va, per altra meta…
O mia Musa dolcissima che taci
allo stridìo dei facili seguaci,
con altra voce tornerò poeta!

GUIDO GOZZANO

Published in: on ottobre 2, 2018 at 06:57  Comments (1)  

Madre la terra

e si diventa fiume
dallo sgorgare dalla fonte ctonia
all’esondare, a volte, in libertà illusorie
il greto non trattiene
e il letto finge d’essere un torrente
che scorre nel disordine dei sassi
prima d’abbandonarsi ed ammarare
in un fluire lento
acqua nell’acqua

Cristina Bove

Published in: on ottobre 2, 2018 at 06:54  Comments (4)  

Cuppido…ancora c’è!

Nun ve sto a ddì quer ch’è successo, un giorno…!….
Lui stava a ‘nnà a ‘na festa, da ‘na parte…
E lei – senza sapé – anche lei ce parte…
Così che llì, pe ffòrza se ‘ncontròrno.

Nun solo!…Che…l’hai visto a accènn’er fòco ?
Beh!…Guasi che facéveno scintille
quer lui e lei, llì, principiànn’er gioco
che te fa arzàtte la pressione a mille.

Gnènte de che…se badi!…du’ ‘nnocenti
Che er solito Cuppido (ancora esiste!)
li pìa de mira…e queli sò impotenti
-si sò de qualità…’N se pò! resiste!…

Ed è un momento – quello – che viè inciso
dar sangue drent’ar còre e ne la mente
ché…poi pò vienì giù tutt’er Monviso
che a scancellàllo nun esiste gnènte!

Che avòja li ciartroni a spianà tutto…
tutt’er mèjo der mèjo che c’è ar mônno!
Sippuro tanto l’hanno messo a lutto
buttànno via li resti a ‘no sprofônno!

Tornann’a bomba – immèzz’a tanta ggènte –
pe queli due la sala è come vòta;
c’è l’innamoramento, ch’è crescente
tra l’accarezzamento de ‘gni nota.

Co bbòna pace de chi ‘r sentimento
lo vò vedé finito all’ottocento…
Ma è tanto scemo…e miope…e disattento
da nun vedé che ‘n s’è pe gnènte spento.
Arde!…Sì, arde…E allora?…Sei scontento?
Lo senti, o nno, che vola assieme ar vento!?
Che nu lo pò ammazzà nisun evento,
e se ne frega si c’è er malcontento
fra chi ‘n vò ar mônno un propio scernimento.

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 2, 2018 at 06:52  Comments (2)