Se muore un paese

Se muore un paese
muoiono pure i morti
insieme alle leggende
che legavano i muri
appiccicosi di storie.

Se muore un paese
scompare l’anima dai volti
e i cognomi cercano un posto
nel vuoto della città.

Se muore un paese
la ricostruzione sa di fotocopia in 3D
e nessuno lo riconosce.

Anche le strade si negano ai passanti.

Anche le pietre disconoscono il passato.

Le case hanno perso la voce.

Lorenzo Poggi

Published in: on novembre 22, 2018 at 07:33  Comments (4)  

Calvizie

Te ne vai in giro col parrucchino

ancor peggio, ti fai il riportino.

A ben vedere il Vate D’Annunzio

calvo fu, privo di pelo fittizio.

Non alzar al ciel le braccia

Che un cranio lustro sulla faccia

È migliore di cento falsi tuppè                       

La gioventù la torna minga indrè.

E volersi celare dietro una ringhiera

è come dir che in bocca tutti denti

sono tuoi, li hai pagati cari, accidenti!

ma fan parte d’una bella dentiera.

Ricorda Yul Brinner, Connery

Bruce Willis, e altre celebrity

Eran o son calvi famosi e belli

ricchi di fascino pur senza capelli.

 

Danila Oppio

Published in: on novembre 22, 2018 at 07:19  Comments (3)  

Tentare è l’infinito d’un verbotranello

Sotto i portici della città bianca
guizzavano pesci venuti dal mare
_ avevano appreso a volare da soli_
non sapevano che
l’insidia può essere un concavo azzurro
dipinto da un folle pittore
un’esca nell’arco
nel varco dei suoni

un coro di uccelli
diretti a paesi lontani
diceva di vita oltre muri e bastioni
oltre fumi d’incenso e colonne di chiese
mezzelune di sangue
_di pinne o di ali si va controsole_
si cade, si sale, si muore

i pesci non hanno mai sete
non sanno il sapore dell’aria
e annegano in volo

Cristina Bove

Published in: on novembre 22, 2018 at 07:16  Lascia un commento  

E così te ne vai tu pure, estate

E così te ne vai tu pure, estate.
Di giorno in giorno più breve è la luce,
più basso il cielo.
Un’ala lunga di vento
si stende liscia su la faccia del mondo.
E’ il vento umido, molle, delle sere precoci.
Cosa più resta al vecchio cuore
che già si gonfia di pianto?
Restano le tristi dolcezze di autunno
E la luce dell’ultima sera.

DIEGO VALERI

Published in: on novembre 22, 2018 at 07:04  Lascia un commento