La barca di Sant’Andrea

Ne ho visto di mare,
di giornate serene e di tempeste,
ne ho viste di bufere e di marosi
di fredde e diacce tramontane
di scirocchi umidi ed uggiosi,
ne ho viste tirar reti con le mani.

Ne ho visti di bambini e giovinetti
affaccendarsi e in mar tuffare i remi,
ne ho sentite canzoni e imprecazioni
e risa genuine sotto il sole.

Ne ho visti occhi ridenti
di naviganti coi calzoni corti
felici di solcare pochi metri,
illusi di toccar lidi lontani.

Quante volte la sabbia mi ha colpita
spinta dal vento senza una ragione,
l’onda rabbiosa il volto m’ha bruciato
e il ruggir dei marosi ancora ascolto,
mi bastano due gocce per gioire
quando un’ondata pazza mi colpisce
spruzzando un po’ di mare sui miei fianchi.

Anche i miei remi adesso sono stanchi
li cerco e non li trovo:
senza le mie stampelle
rimango ferma e asciuga la mia pelle.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on gennaio 29, 2019 at 07:33  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/01/29/la-barca-di-santandrea/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: