Giovinezza

Nei tuoi occhi di perla
vedo danzare il mattino
al canto di una nuova stagione.
Senza fretta di attese
si muove leggero con ali intatte
sulla via sconosciuta dei sogni.
Giovinezza, come vorrei tornare
a perdermi nel tuo abbraccio,
e a passo lieve di danza
seguirla azzurra anch’io
quell’alba senza mai fine!

Fabio Sangiorgio

Published in: on marzo 18, 2019 at 07:31  Comments (1)  

Pizzicheria

“Ettogrammo, chilo, mezzochilo.
cacio, burro, prosciutto, salame,
acciughe, salacche, baccalà…”
Sono voci del gergo
di questo untuoso reame.
“Mi serve o non mi serve?
Ho tanta fretta! ”
“Aspetti…”
“Mi dia retta. .
Venga qua”.
S’infuria una servetta,
una s’acqueta.
“Il solito formaggio
ma con poca corteccia”.
E una sicura mano
apre una breccia nel parmigiano.
Molla e tira, tira e molla,
poca corteccia e di molta midolla.
Aver fretta ed aspettare,
pesare, tagliare, affettare,
entrare, andar via,
sono le note costanti
della quotidiana sinfonia
in una antica pizzicheria.

ALDO PALAZZESCHI

Published in: on marzo 18, 2019 at 07:30  Lascia un commento  

Bôgianen


A l’è na storia frusta
che soma bôgianen
a l’è nen vera
e soma gent
d’un epoca pi trista
a basta arcordè
le bataje per preparè
la nostra Italia.

Ancheuj as sent ancora
quaicos ed viv e’d caud
parei ‘d na fiama
a’n crij d’amour
perchè soma gent
ch’i foma poche ciancie
e soma gent andrinta sue radis.

§

E’ vecchia storia
che siamo bôgianen
non è vera
siam gente
d’un epoca più triste.
Basta ricordare
le battaglie per costruire
la nostra Italia.

Oggi si sente ancora
qualcosa di vivo e caldo
un grido d’amore
perchè siamo gente
che fa poche parole
e siamo persone
ancorate alle loro radici.

Marcello Plavier

Published in: on marzo 18, 2019 at 07:24  Lascia un commento  

Er modo nostrano

Chi ancora nu lo sa…se pò confônne
sentènn’ a parlà a ‘n modo …rusticano…
Se pò penzà ch’ è un inzurtà nostrano,
uno se pò offènne…Embè…oddio…dartrônne

sentènn’ a ddì “Mortacci tua!” – pe ddì –
è facile a fraintènne, ma nu è ‘r caso
de fàlla lunga…e ffàsse rode er naso,
ché tra romani se usa a ffà così!

È er modo nostro de fà un comprimento…
de salutà un amico…a un modo antico
e più sò “li mortacci…!…”, e più è amico,
e a nun dìjelo … ‘n sarebbe contento.

Sentènn’a ddì: “sta a côre come ‘n sorcio”,
pe ddì de ‘n giocatore che va in porta,
li soliti sò stati a ddì na scorta
de accuse tanto sceme … Ma qui, accorcio,

tàjo propio!…che si me mett’a ddì
de accuse inventate (che mo’ è de moda)
senza davéro nè-capo-né-coda,
‘n so mica ndo’ se pò arivà a finì…

Ma pe conclude, è mèjo a pecisà:
dì “li mortacci…!” a chi ce vòle male
diventa parolaccia – ed è un normale
rispônne a tono a chi ce fa incazzà.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 18, 2019 at 07:19  Lascia un commento