L’inconscio

Nell’acqua totalmente
immota e trasparente,
giace una nave, dorme in fondo al mare.

Cercando storie da recuperare
affronto l’immersione in apnea
e visito quel tacito relitto
pieno di casse, gabbie, scatoloni,
ricordi abbandonati alla marea.

Apro quella con su scritto “emozioni”
e vedo, oh meraviglia, su uno scrigno
le lettere iniziali del tuo nome
dietro le bolle del mio fiato, corto;
e mentre studio, assorto, come aprire
lo scrigno della gioia e del dolore,
debbo già risalir, mi scoppia il cuore.

Santi Cardella

Published in: on Mag 15, 2019 at 07:11  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/05/15/linconscio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Complimenti, Santi, bravissimo come sempre ma, questa volta, con un argomento insolito.
    Sandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: