Le nuvole

Le nuvole

nel cielo cobalto

come se gli angeli

si fossero

spiumati

per far intravedere

un po’ del loro cielo

 

Danila Oppio

Published in: on maggio 21, 2019 at 07:34  Comments (6)  

Ah se fossi qui

Ah se fossi qui,
ti chiederei un bacio forte sulla guancia.
Un bacio premuto a lungo,
come accadeva nei tempi
del mio noviziato da nonno
e del tuo da scolaretta…
quando sentivo come un’ingiusta frattura
quella lontananza di poche ore.
Ah se fossi qui,
vorrei l’esclusiva dei tuoi sogni, sapendo
che mai me li confesseresti;
eppure mi basterà chiedertelo, solo
per vederti arrossire, un poco, con discrezione.
Ah se fossi qui,
ti inviterei a parlare d’un qualunque
argomento, ‘che mi basterà osservarti
nei dettagli del viso con insistenza,
protratta oltre il limite dello sguardo
ammonitore della nonna,
per scoprire in superficie e dentro te
qualcosa che mi resti oltre il presente.
Ah se fossi qui,
sarebbe come il regalo d’una finestra
che s’apra s’una sorprendente prospettiva
rigenerante e vivifica, che fermi il tempo
della mia clessidra troppe volte costretta
a contare stanchi granelli di sabbia.
Ma se tu fossi qui,
come potrei cullarmi su questa malinconia
che mi stringe il petto e poi lo distende
che sento acquietante ed energetica insieme,
sapendoti felice, lì dove sei,
a realizzare il tuo futuro.

Nonno Carlo

 

Carlo Baldi

Published in: on maggio 21, 2019 at 07:11  Comments (6)  

Inter-Juve

Il verde è sommerso in neroazzurri.
Ma le zebre venute di Piemonte
sormontano riscosse a un hallalì
squillato dietro barriere di folla.
Ne fanno un reame bianconero.
La passione fiorisce fazzoletti
di colore sui petti delle donne.
Giro di meriggio canoro,
ti spezza un trillo estremo.
A porte chiuse sei silenzio d’echi
nella pioggia che tutto cancella.

VITTORIO SERENI

Published in: on maggio 21, 2019 at 07:07  Comments (2)  

Libera

Io sono libera
perché lo voglio,
sono libera perché
scelgo di volare,
libera perché vivo
tutto fin giù
nel profondo del mio mare,
perché mi tuffo
e non ho paura,
perché cammino
senza temere di cadere
e se cado penso liberamente
se restare caduta dove sto
per un po’
o rialzarmi e andare subito.
Sono libera perché so amare
e farmi amare e ci provo
con gran slancio e se non riesco
ci riprovo e riprovo ancora con coraggio,
niente ancore o zavorre,
prigioni o catene men che mai,
libera…
con spazi estesi attorno e in me
dove non si vedono confini.

Piera Grosso

Published in: on maggio 21, 2019 at 07:03  Comments (3)