Come al calar dello stremato sole

 

 

Come al calar dello stremato sole,
l’ultima scena neutra si mostra
sul palco di quel solito teatrino
dov’è che prima ho dato e ricalcato
l’andirivieni della mia esistenza;

come al calar dello stremato sole
– se proprio stelle stentan l’accensione –
smanioso attendo i segni dalla Luna
ma a Venere nel cielo io non credo
che pur di luce di pianeta splende,

così, all’imbrunire d’entusiasmi,
malinconia d’un vespro già nascente,
divento quasi mago, mago ardito
ed alte al cielo agito le mani.

Ricerca d’energia forte mi assale
e mi dispongo all’immaturo conto
che va pagato per sentirmi meglio.

Aurelio Zucchi

Annunci
Published in: on settembre 17, 2019 at 07:29  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/09/17/aspettero-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: