Mezza età

MIDDLE AGE

Now the midwinter grind
is on me, New York
drills through my nerves,
as I walk
the chewed-up streets.

At forty-five,
what next, what next?
At every corner,
I meet my Father,
my age, still alive.

Father, forgive me
my injuries,
as I forgive
those I
have injured!

You never climbed
Mount Sion, yet left
dinosaur
death-steps on the crust,
where I must walk.

§

Il morso del mezzo inverno
è su di me ora, New York
mi perfora i nervi
intanto che cammino
lungo vie ormai già macinate.

Quarantacinquanni,
e poi? E poi cosa?
A ogni svolta
incrocio mio padre
ancor vivo, alla mia stessa età.

Padre, perdonami ti prego
le ferite che t’ho inferto,
così come io perdono
tutti coloro
che ho ferito.

Tu non hai mai salito
il Monte Sion, eppure
lasciasti sulla dura crosta
letali orme di dinosauro,
che io devo seguire.

ROBERT LOWELL

Published in: on ottobre 14, 2019 at 07:29  Lascia un commento  

Assenza

Conosco il volto del vuoto

ha il suono del pianto

il lento scrosciare della pioggia

l’ancestrale richiamo del mare.

Conosco il passo del’assenza

ha il turbine del tuono

il silenzio della notte

il giogo della solitudine.

Conosco la ferita del distacco

ha la forza di strapparti dentro

l’eco tenace della memoria a curarti

il peso dolente dell’insonnia a cullarti.

Conosco la tua storia

è simile alla mia

entrambi continuiamo

l’impervia ascesa verso la meta,

tu in cielo, io in terra.

 

Roberta Bagnoli

Published in: on ottobre 14, 2019 at 07:16  Comments (3)  

Requiem per l’Amazzonia

Hanno incendiato
l’Amazzonia
per lucro.
Il potere
non ascolta le tue grida.
Crepitano fiamme
s’innalzano
e avvolgono
i polmoni del modo.
Son torce
che avviluppano
in una devastazione acre
infernale.
Non più nidi
né covi
né tane.
Si contorcono gli animali
urlano
con le groppe
in rogo
non trovano vie di fuga.
Rimangono lì
carbonizzati
nel fumo
che sale i nuvole asfissianti
e ricade
in cenere di morte.

Graziella Cappelli

Published in: on ottobre 14, 2019 at 07:12  Comments (6)