Chiarodiluna

Guardate la terra che mette fuori i palinsesti notturni

portieri e informatori
asciugacapelli abbandonati sulla tangenziale incolta
profumo di gomma strappata all’asfalto
e creme
per lubrificare vagine

Il cane
muove la coda nel cerchio celeste
ordina da bere
il solito topo di grazia
sgraziata
e siede sul culo
ficcanaso
e lercioso

L’orizzonte corre incontro al treno
le rotaie rugginose si innamorano
perfettamente
mentre sbottono la camicia
alla strada

Come vedi ho perso nuovamente il mio lasciapassare
e me ne infischio
degli ubriachi addormentati sulle scale dei musei
è soltanto un’altra notte
fradicia di miseria

Ma ecco
entrare di corsa il chiarodiluna
a succhiarmi le ciglia.

Massimo Pastore

Published in: on novembre 20, 2019 at 08:10  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/11/20/chiarodiluna/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: