Pazzi e poeti

Dicono che solo i pazzi o i poeti
possano arrampicarsi sulle pareti
e andare a comprare il cielo oltre il soffitto.
O che sentano le voci
nel frastuono del silenzio
che da sempre li accompagna.
Dicono che solo i pazzi o i poeti
possano parlare con chi non c’è
o intavolare discussioni con l’altro io.
O che vedano fiumi scorrere
tra le mani e passeri zampettare sulla spalla
tra i rami nudi di realtà vagheggiate.
Dicono che solo i pazzi o i poeti
siano attrezzati per l’aldilà
perché lo misurano appena nati.
O che si perdano nei sogni
felici di non trovare più la strada
e inoltrarsi su sentieri di bosco.
Dicono che solo i pazzi o i poeti
ascoltino i discorsi delle nuvole
mentre lasciano le loro ombre sui campi.
O che sappiano cogliere filamenti
di luce quando non è stagione
o adagiare gli aquiloni sopra gli arcobaleni.

Lorenzo Poggi

Published in: on novembre 22, 2019 at 07:27  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/11/22/pazzi-e-poeti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Bella!

  2. Bellissima!
    Sandro

  3. La tua poesia è stupenda.
    Giuseppe

  4. Grazie a tutti!

  5. Che bello essere pazzi poeti!
    Molto bella e profonda.
    Un caro saluto

    Maristella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: