Il netturbino

In un porto d’autunno dai rami indecisi
dove muoiono le rive
confuse dal vento
ho contato i pidocchi alle funi
una ruga di sole
ha invecchiato il mattino
e sul mio volto 
niente di allora:

lunghi e umidi baci dove annegare senza posa nell’interno coscia

adesso
solo un oceano di scarpe dalla finestra
e la mia mano che saluta
sorridendo come un infisso.

In un porto d’autunno dai rami indecisi
ci siamo amati
con la presunzione dell’eterno
due foglie secche 
adagiate sul viale
ed un netturbino ci ha spazzato di lato.

Massimo Pastore

Published in: on dicembre 8, 2019 at 07:36  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2019/12/08/il-netturbino/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Sempre originale
    Tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: