Gli amori di Giovanni

Ho il piacere di comunicarvi che è in stampa il nuovo lavoro letterario dell’amico Giovanni De Simone. Si tratta di una raccolta di quindici racconti dal titolo “Amori”, per i tipi della Casa Editrice Kimerik di Patti (ME).  Vi riporto qui la breve presentazione dell’opera, che potrete ordinare sul sito dell’editore a questo indirizzo: “Quindici racconti, alcuni brevi, asciutti e altri lunghi e più complessi. Tutti efficaci e innervati da una costruzione stilistica nuova, ovattata da un’atmosfera che è una scala di note: dalla gioia, all’ansia, al dolore e, a volte, alla perdita predestinata e/o fatalistica, dell’amore. Il misterioso accadere relativo all’amore nelle sue varie sfaccettature è il fulcro dell’indagine poetica di De Simone. I suoi racconti narrano dell’imprevedibilità e del mistero con cui il sentimento amoroso, con la sua complicità del destino, si concretizza dinanzi a noi. Nell’ultimo racconto “Amletico amore” che è l’apice del narrare e della sperimentazione, prosa e poesia sono mescolati in uno stile originale e libero da schemi. I suoi versi esprimono un amore assoluto, ardente. Di rilevante il graduale crescente della forma poetica del Nostro che si espleta nell’originale sperimentazione ufficiale e personale.”

Ci complimentiamo con il caro Giovanni per la sua nuova fatica, augurandogli il successo editoriale che indiscutibilmente merita!

Il Cantiere

Published in: on gennaio 12, 2020 at 10:54  Comments (8)  

Dolce l’aria

Guardo l’ora, ma non è ancora tempo.
Giro la chiave nella porta e prendo
il primo libro che non dice nulla.
E all’improvviso, mentre leggo, si fa dolce
l’aria intorno a me: sfuma di azzurro.
Sei entrata nella stanza senza bussare.
Tutto diventa trasparente. Avanzi con un velo
di cielo sul capo.

NIKIFOROS VRETTAKOS

Published in: on gennaio 12, 2020 at 07:43  Lascia un commento  

Parentesi ( ) [ ]

… perché nel recinto del tempo si allevano paure come pollame da macello?
Paura di volare verso il firmamento.
Paura sospesa nel dormiveglia
demone
mascherata da angelo.

Paure nuove
attorcigliate da ghirlande di crisantemi
Paure indefinite, acque scontrose.

Paura arricchita
pulsante
che filtra nella sera deserta.

Paura d’oltreoceano sulle reminiscenze
Paura di latta, scarlatta o
spessa, come la pietra.
Paura scottante, scomposta, poco distante
crudeltà primitiva…

(non “gettare la spugna”mai)

Aurelia Tieghi

Published in: on gennaio 12, 2020 at 07:18  Comments (1)  

Champagne d’amore

La pietra miliare

piantata sui gradini

di questo vorticoso andirivieni

segna un altro passo

che conduce progetti

dove qualche postuma carezza

ripercorre il verso

sui registri freddi dell’archivio,

ma il vento la rigetta

e spalanca la porta

all’anno nuovo

nascondendo il pianto

dietro scoppiettare di allegria.

A mezzanotte esplode

il mondo intero

l’aria piena di fuochi d’artificio

sembra voglia stordire

col frastuono

il campo intenso di problemi.

Volano al cielo

tappi di bottiglia …

Stappiamo insieme

per ubriacarci

una bottiglia grande

di champagne d’amore.

 

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on gennaio 12, 2020 at 07:14  Comments (2)