Pajara salentina

Vecchia pajara che un bel dì lasciai
soletta tra le piante di carrube
mi pare d’ascoltare un suon di tube
tra i sassi dove muta te ne stai.

Oggi le vecchie note riascoltai
quasi di cornamusa sulle giubbe
e ti lambisce debole una nube
il tempo sfidi ma non muori mai.

Il viso hai rosso come il sottofondo
che una donna sul volto s’è spalmato
pare che tu appartenga a un altro mondo.

L’azzurro del ciel t’ha accarezzato
e infondi l’allegria di un dì giocondo
anche se sei un rudere invecchiato.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on gennaio 20, 2020 at 07:47  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2020/01/20/pajara-salentina/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Particolare bravo Piera


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: