Danzava un vento impercettibile

Danzava un vento impercettibile
senza tormento
gli occhi mormoravano lentamente
d’amore
mentre l’udito
si sentiva accarezzare dalla musica
e il cuore
ritmava al suo volere.

Aurelia Tieghi

Published in: on febbraio 2, 2020 at 07:47  Comments (4)  

Cercami

Dove ti suggerisce il cuore
che di sicuro lo sa perché
tante sofferenze ha passato
difficili da dimenticare.

Chiedigli
Dove si trova una donna
di mezza età
non più snella e sorridente
ma un po’ appesantita dagli anni.

Trovala
In luoghi appartati lontano
dal chiasso perché in questo
è sempre rimasta la stessa
intenta a leggere sognando
o a sognare ad occhi aperti.

Amala
Di nuovo perché per tanto tempo
ti ha aspettato senza mai tradirti
ed il suo amore per te è intatto
puro e inconfondibile
uguale ai suoi occhi
trasparenti e luminosi.

Come lo sono quelli
di chi ha pianto tanto.

Sandra Greggio

Published in: on febbraio 2, 2020 at 07:43  Comments (2)  

Desiderio, fottiti

“Desiderio, fottiti. “Vacanzina ai Caraibi?”
Turismo, triste invenzione. Stare fermi,
occhio al ciclone. “Che ne dice di questa
zuccheriera inglese dell’Ottocento?”
Orribile.
Attento a tutte le riproduzioni, ti faranno desiderare l’originale.
E attento all’originale, farà scattare negli altri
il desiderio di rubare. Desiderio, fottitti. “Berio.
L’ha mai sentito? In questo cd si riproduce all’infinito”.
No grazie, troppo serio “Pronto, desidera?”
Più niente, ci ho ripensato.
Desiderio di un condannato?
Essere un evasore. Dell’evasore?
Avere concordato. “Ti desidero “.
Moi non plus. “Ha mai considerato la convenienza
di una multiproprietà?” Certo, per fare una strage.
“E di questo tritaghiaccio che ne dice?” Finirei
col suicidarmi in cubetti. Desiderio, fottiti.
“Abbiamo mobili di richiamo, salotti chiavi in mano,
soffitte da primo piano, nani per giardinetti,
serrature in ricamo, porte con i merletti,
camini dentro ai letti, computer che dicono ti amo.
Li vuole?” No, richiamo.
Desideri del genere umano vi detesto.
Siete tristi e noiosi. Tutti eccetto questo.
Un disco di Battisti.”

JACK FOLLA

Published in: on febbraio 2, 2020 at 07:39  Lascia un commento