Chi sono?

.
WHO AM I?
.
My head knocks against the stars.
My feet are on the hilltops.
My finger-tips are in the valleys and shores of universal life.
Down in the sounding foam of primal things I reach my hands and play with pebbles of destiny.
I have been to hell and back many times.
I know all about heaven, for I have talked with God.
I dabble in the blood and guts of the terrible.
I know the passionate seizure of beauty
And the marvelous rebellion of man at all signs reading “Keep Off.”
My name is Truth and I am the most elusive captive in the universe.
.
§
.
La mia testa batte contro le stelle.
I miei piedi sono sulle cime dei colli.
Le punte delle mie dita sono nelle valli o alle sponde della vita
universale.
Giù nella mormorante spuma delle cose primitive protendo la
mia mano e gioco con le selci del destino.
Molte volte sono stato all’inferno e son tornato.
So tutto del paradiso, poichè ho parlato con Dio.
M’imbratto nel sangue e nelle visceri del terribile.
Conosco l’ardente ratto della bellezza
E la straordinaria ribellione dell’uomo a tutte le insegne che
portano scritto: «Proibito».
Il mio nome è la Verità, e io sono il più elusivo prigioniero
dell’universo.
.
CARL SANDBURG
Published in: on marzo 7, 2020 at 07:47  Lascia un commento  

Pietà

Ad ogni battito del tempo

la paura m’inabissa.

Pioggia di morte

bagna la mia mente

stanca.

I sospiri del cuore

alzano lentamente gli occhi

affidando al loro sguardo

la speranza di ottenere

Pietà.

 

Simone Magli

Published in: on marzo 7, 2020 at 07:27  Lascia un commento  

Non più

Amarezza e delusione mi son
venute incontro che dopo anni
che quello sperato ad occhi aperti
sogno di riveder ancor quel
tempo mio passato alla vision
diversa se ne andò come sottil
vetro calpestato, non più quella
chiesetta non più quel campanile
non più quelle campane: il mattutino
il mezzodì e il tocco del vespero serale
che il ritmo davano al viver nostro
quotidiano del mio piccol borgo
contadino: la sveglia del desco
l’ora e il tempo del riposo, non
più: uno stabilimento una ciminiera
e ogni tanto di una sirena il suono!

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on marzo 7, 2020 at 07:23  Lascia un commento