Incertezze

Non sono solo.
Cerco la solitudine.
Nonostante l’età il sole ancor s’affaccia
mi regala giocose presenze
che scoraggio, allontano.

E sì, l’età mi schiaccia,
l’entusiasmo non manca,
a volte anzi abbonda e tracìma,
mi trascina.
Ma resto razionale,
i limiti del tempo provo a rispettare,
le rughe in viso valutare
anche se il fanciullino che c’è dentro
sempre sgambetta e non mi vuol lasciare.

Ma un siffatto mondo negligente
l’animo ormai mi straccia,
più non sopporto il folle esternar della gente
quel dondolare stupido e incostante,
quel passar noncurante
tra l’ombre della sera e il vivido mattino
tra la sobrietà necessaria
e la ricerca d’un bicchier di vino.

Non ho bisogno che alcun mi dica
la differenza tra un tramonto e un’alba
al mattino il sole abbaglia in faccia,
l’osservo tenero la sera
quando pigro e lento scende in mare
penso che forse l’alba potrebbe non spuntare
ed anche il cuor del miscredente
si rassegna all’inutile preghiera.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on marzo 8, 2020 at 07:31  Lascia un commento  

Eucalipti

Come soldati in parata
allargano radici
su zolle senza vento.
In attesa dei Tartari
fanno la guardia
alla geometria dei campi.
Nel frattempo
foglie con vesti lanceolate
danzano al ritmo
dell’ultimo refolo alla moda.
Vaneggeremo l’ultima ora
nel nido della tortora
cercando semi di grano avanzati.

Lorenzo Poggi

Published in: on marzo 8, 2020 at 07:13  Lascia un commento  

Le poesie delle donne

Le poesie delle donne sono spesso
piatte, ingenue, realistiche e ossessive,
mi dice un critico gentile dagli occhi a palla

Mancano di leggerezza, di fumo, di vanità,
sono tutte d’un pezzo come dei tubi,
non c’è garbo, scioltezza, estro;
sono prive dell’intelligenza maliziosa
dell’artificio, insomma non raggiungono
quell’aria da pomeriggio limpido dopo la pioggia.
Forse è vero, gli dico. Ma tu non sai
cosa vuol dire essere donna. Dovresti
provare una volta per piacere anche se
è proibito dal tuo sesso di pane e ferro.
Ride, strabuzza gli occhi. “A me non importa
se sia donna o meno. Voglio vedere i risultati
poetici. C’è chi riesce a fare la ciambella
con il buco. Se è donna o uomo cosa cambia?”
Cambia, amico dagli occhi verdi, cambia;
perché una donna non può fare finta
di non essere donna. Ed essere donna
significa conoscere la propria soggezione,
significa vivere e respirare la degradazione
e il disprezzo di sé che si può superare
solo con fatiche dolorose e lagrime nere.

DACIA MARAINI

Published in: on marzo 8, 2020 at 07:05  Lascia un commento