Il sospetto

Lo vedo uscire dal chinese shop
a passo svelto e capo chino
non è cinese
mi somiglia perfino
ma non voglio certo guardarlo da vicino.
Oggi niente bar
niente mercato
niente spesa
niente passeggiata
al diavolo il lavoro
meglio tornare a casa.
Maledetti cinesi
e gli stranieri tutti
che spandono sofferenza
e con la scusa
di un mondo multietnico
portano morte a casa nostra.
A morte loro invece
e senza alcuna clemenza
novelli untori del XXI° secolo.
Razzista io? Certo,
ma per rimanere vivo
me lo consento finalmente
e me ne frego di tutto
E’ la legge della sopravvivenza.

Sandro Orlandi

Published in: on marzo 9, 2020 at 07:49  Comments (6)  

Storia d’amore

una storia cominciata
assaggiando una fetta di luna
in una notte
profumata di viole
una storia continuata
con l’anima chiusa
a doppia mandata
nell’armadio del cuore
una storia finita
una storia ricominciata
col sole
che gioca a nascondino
con nuvole di incertezza
una storia unilaterale
mai finita
e che mai finirà
nascosta nel silenzio
nella cella del desiderio

Giovanni De Simone

Published in: on marzo 9, 2020 at 07:27  Comments (5)  

Sono come sono

JE SUIS COMME JE SUIS

Je suis comme je suis
Je suis faite comme ça
Quand j’ai envie de rire
Oui je ris aux éclats
J’aime celui qui m’aime
Est-ce ma faute à moi
Si ce n’est pas le même
Que j’aime chaque fois
Je suis comme je suis
Je suis faite comme ça
Que voulez-vous de plus
Que voulez-vous de moi

Je suis faite pour plaire
Et n’y puis rien changer
Mes talons sont trop hauts
Ma taille trop cambrée
Mes seins beaucoup trop durs
Et mes yeux trop cernés
Et puis après
Qu’est-ce que ça peut vous faire
Je suis comme je suis
Je plais à qui je plais
Qu’st-ce que ça peut vous faire
Ce qui m’est arrivé
Oui j’ai aimé quelqu’un
Oui quelqu’un m’a aimée
Comme les enfants qui s’aiment
Simplement savent aimer
Aimer aimer…
Pourquoi me questionner
Je suis là pour vous plaire
Et n’y puis rien changer.

§

Io sono come sono
Sono fatta così
Quando ho voglia di ridere
Rido come una matta
Amo colui che mi ama
È forse colpa mia
Se non è sempre quello
Che amo alla follia
Io sono come sono
Sono fatta così
Cosa volete di più
Che volete da me

Sono fatta per piacere
Non c’è niente da fare
I tacchi sono troppo alti
In vita sono troppo snella
I miei seni troppo sodi
I miei occhi troppo truccati
E poi
Che cosa ve ne importa
Io sono come sono
Piaccio a chi piaccio

Che cosa ve ne importa
Del mio passato
Sì qualcuno ho amato

Certo qualcuno mi ha amato
Come i ragazzi che si amano
Sanno semplicemente amare
Amare amare …
Perché m’interrogate
Sono qui per piacervi
E niente mi può cambiare.

JACQUES PRÉVERT

Published in: on marzo 9, 2020 at 07:11  Comments (1)