Emilia, se i tuoi gesti indovinassi

Emilia, se i tuoi gesti indovinassi
di quando ti fai bella in quello specchio .
che può vederti, beato, nel vecchio .
angolo della stanza, e i pochi passi

che fai per rimirarti tutta sola,
io mi contenterei. Dicendo: come
ella fa adesso forse anche in mio nome
segretamente, qualche volta, vola

a riguardarsi per vedere se è bella
e tocca i suoi capelli e la sua testa
piega sul seno e timida cancella

un che di men pudico: e non le resta
nessun orgoglio, e come pura ancella

CARLO BETOCCHI

Published in: on marzo 12, 2020 at 07:39  Lascia un commento  

C’è a chi je piace tanto la…campagna…

C’è chi se fa la settimana bianca
quann’è ch’è inverno e in giro c’è la neve…
C’è chi d’estate proprio nun se stanca
de stàsse ad abbronzà come se deve…

C’è chi va a stà in montagna e in su arranca
co corda e co piccozza, e se la beve…
C’è chi in città va ar bingo e se lo sbanca,
e manco più ‘i fratelli, se riceve…

C’è chi rimane a casa tutt’er giorno
d’estate e inverno, ché artro nun pò ffà…
o va a ‘ncornà consorti pe llì attorno…

A “questi” invece – gira e t’ariggira –
je piace la…campagna…che ‘n se sa!
Quella…elettorale! Aoh! quanto je tìra…!

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 12, 2020 at 07:26  Lascia un commento  

La luce delle tenebre

Svaniscono le tenebre

al fragore della luce

si svela il volto del cielo

trapunto di chiare stelle

danza la notte

al passo di pallida luna

il tempo compone l’eterno canto

in sabbia finissima

che scorre fugace

nella clessidra del nuovo giorno

 

Roberta Bagnoli

Published in: on marzo 12, 2020 at 07:21  Comments (4)