I bambini ci guardano

.
Dallo schermo
Vedo sei occhietti 
Spaesati
Disorientati
Occhi adorati
Che attendono da me
Risposte
Quasi modello di resistenza
Io sola in casina
Mascherata
.
Allora disegno e disegno natura
Che avanza e luce
Appendo 
Fotografo
Vivo
Racconto vecchie storie di casa
E quegli occhi
Pian piano
Ascoltano
Palpano
Credono
Sperano
.
Tinti Baldini
Published in: on marzo 22, 2020 at 07:49  Comments (7)  

Pensiero

Pensiero, io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
Qualcosa che lacrima a volte, e a volte dà luce.
Pensiero, dove hai le radici?
Nella mia anima folle o nel mio grembo distrutto?
Sei così ardito vorace, consumi ogni distanza;
dimmi che io mi ritorca come ha già fatto Orfeo guardando la sua Euridice,
e così possa perderti nell’antro della follia.

ALDA MERINI

Published in: on marzo 22, 2020 at 07:04  Lascia un commento  

I cinque sensi

Me ne starei per un’eternità,
accovacciato tra le dolci pieghe
di questa sabbia ancora tiepida,
con gli occhi consegnati a donna luna.
Si sente odor di sale che mi avvolge
e mare ascolto, mai così vicino.

Mi chiedo se, almen per l’occasione,
là, dietro le quinte, l’alba impaziente,
voglia tardar non poco la sua l’uscita
per guadagnare il suo cambio scena
giacché gustar la notte io vorrei,
tutta e di più!

Aurelio Zucchi

Published in: on marzo 22, 2020 at 06:55  Lascia un commento