Le marce…indietro…in tribbunale

“A Re’, stai a capìcce quarche cosa?!
Quer tizzio ammazza a quela poveraccia,
je danno 30, che nu è condanna …accia…
Poi fanno marcia indietro…È pe na posa?

È un modo pe potéje dì a la ggènte
che qui quer che te gira se pò ffà,
che garantìscheno l’impunità…
coll’abbonà le pene come gnènte…?!…”

Che questo, è!…Li 30 sò passati
-rivisti ‘i pro e ‘i contro de sta storia –
a quindici sortanto!…pe la …gloria…
no…l’imbecillità! de quei togati…

Ma nu je sòna offesa a quele donne
-ortre che a la pòra disgrazziata –
che tanto fanno contro st’impennata
de ammazza-donne?!…Ma…a chi je rispônne

co tanto marcià contro e, addirittura
je fa: “C’è stata…<tempesta emotiva!>,
com’è che no sproloquio nu j’arìva…?!…
O riciccia…l'<onore> in procedura?!

Ch’è com’a ddì: “Ammazzate!..N ce penzate!…
Che – a saldo! – ve condanna er tribbunale!
E pe quer poco che ve resta, vale…
vale la pena: ve ne libberate!!”

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 3, 2020 at 07:26  Lascia un commento  

Solo l’amore vince

L’invidia si insinua come gramigna
che il sole non riesce a seccare
né il gelo né il vento
La lotta col mondo non ti permette
d’emergere dalla nebbia dei dubbi
La lotta è impari col mondo duro
di pietre impastate
da rocce crepate
dagli scrosci improvvisi della violenza
La debolezza dei timori
la paura della sconfitta
intralciano
il programma che hai tracciato
nel tuo pensiero
Ti aggrappi ti insinui strisci
pur di risalire e cerchi
finché credi nella tua verità
Rubi il dentro del tuo sentire
tenti di allontanarlo
perché odora d’amore
per non essere travolto da qualcosa
che vale di più…di più…
Ma l’umanità di cui sei fatto prevale
e le miserie dell’uomo
si distruggono
perché solo l’amore vince
solo l’amore è verità

Giuliana Angeli

Published in: on aprile 3, 2020 at 07:18  Comments (4)  

Nevicata

La bella neve! scendete, scendete,
Leggiadri fiocchi danzanti nei cieli;
Come perlucce coprite, pingete
I tetti, i tronchi, la mota e gli steli.
Dacchè l’ottobre, soffiando, spruzzando,
Ingiallì tutta la vasta campagna,
Fuor da’ miei vetri, ove, fievole urtando,
La farfalluccia del freddo si lagna,
Mi morîr cinque di rosa arboscelli,
E spirò l’anima a Dio la violetta;
Senza l’ammanto di viti i cancelli
Sembran soldati disposti in vedetta.
Pur questa notte una mano furtiva
L’innaffiatoio rubommi in giardino!
(Se fu per la fame che alcun lo rapiva,
Iddio nol vegga l’agreste bottino).
Intirizzisco se schiudono l’uscio,
Ma qui la stufa borbotta tepente:
Oh benedetto il mio piccolo guscio,
Per me, nevata, sei tutta innocente!
Fa il tuo mestiere: scendete, scendete,
Leggiadri fiocchi danzanti nei cieli;
Come perlucce coprite, pingete,
I tetti, i tronchi, la mota e gli steli…
Della mia donna nel fervido cuore
Aleggia sempre una brezza gentile,
E quando ricco il poeta è d’amore
Anche il gennaio somiglia all’aprile

EMILIO PRAGA

Published in: on aprile 3, 2020 at 07:10  Lascia un commento