O castetate, fiore

O castetate, fiore
che te sostene Amore!
O fior de castetate,
odorifero giglio,
cun molta suavitate
si de color vermiglio;
et a la Ternetate
t’arapresent’a odore.
O specchio de bellezza,
senza macchia reluce!
La mea lengua è ‘n manchezza
de parlarte con voce;
l’alma servi en nettezza
senza carnal sozzore.
O luce splandiante,
lucerna si preclara;
da tutti si laudante
et en pochi si cara.
Le to dolce semblante
placevel’ so’ al Signore.
O tesauro envento,
che non te pò’ estimare,
né auro né argento
non te pòzzo aprezzare;
qual om de te sta lento,
sì cade en gran fetore.
O rocca de fortezza,
en qual è gran tesoro,
de for se pare asprezza
e dentro è mèl savoro;
non se cce vòl pigrezza
a guardare a tuttore.
O manna saporita
ched è la castetate!
L’alma conserva tita
con molt’adornetate;
poi che del corp’è ‘scita,
sì trova suo Fattore.
Alma che vai ad marito
de castetate ornata,
lo tuo marito è tito
e tu t’è’ sì ben portata!
Lo cel te sirà oprito
e fàttote granne onore.
Alma che stai ennarrata
de lo Sposo diletto,
sèrvate ben lavata,
lo tuo volto sia netto,
che non si’ arenonciata
e fàttote desonore.
Alma, non t’è bastanza
pur sola una gunnella;
se non ci ài plu adornanza,
ià non ce parrai bella;
nell’altre vertute avanza,
che te dian bel colore.
Alma, lo tuo vestire
sì è de le vertute;
nulla ne pòi avere
che siano sceverute.
Pur brigale d’envenire
cun totto tuo valore!
Alma, per te vestire
Cristo ne fo spogliato;
per to plage guarire,
Isso fo vulnerato;
lo cor se fe’ aprire,
per rennerte vigore.
O anima, or te pensa
en que L’ài tu cagnato;
per vil placer ‘n offensa
tu L’ài abandonato;
el corpo sì t’è ‘n placenza
e fatto l’ài tu’ amadore.
Alma, lo corpo è quello
che t’à iurata morte;
guàrdate ben da ello,
ch’ello à losenghe molte
et è malvaso e fello
et ète tradetore.

JACOPONE DA TODI

Published in: on aprile 17, 2020 at 07:39  Comments (2)  

Pattume planetario

Nello spazio
scorie di progresso
imbrigliano il pianeta
cosa fare per annientarle?
Intanto afferrano la terra
in una presa ferrea
scandagliano il futuro…
Intanto intossicano
il presente tribolato
da ferree tempeste
padroni temporanei
di uno spazio
una volta vitale
pattume planetario…

Antonietta Ursitti

Published in: on aprile 17, 2020 at 07:27  Lascia un commento  

Oh…e anche Pasqua è passata

in questo tempo che se ne va
coi giorni goccia a goccia

posso ascoltare di notte il silenzio

e come solo rumore il suono dolce
e persistente del fiume che scorre
C’è sempre un mare ad attendere

Un fluire libero che l’anima sente

azzurrabianca

Published in: on aprile 17, 2020 at 07:20  Comments (1)