Lo sguardo

 

Insostenibile momento
negli occhi di un bimbo posati su me
nella sua ansia sbigottita
padrone dei sensi
mi strappa pezzi dell’anima
li riattacca immanente ai miei occhi allappati
e scaraventa i miei globi ciechi nell’inferno
di quel che non so più.

Enrico Tartagni

Published in: on settembre 4, 2020 at 07:31  Comments (1)  

Vecchiaia

ALTER

Zuletzt werde ich vielleicht
wie als Kind
wenn ich allein war
wieder freundlich grüßen:
Guten Morgen, Fräulein Blume
Guten Abend, Herr Baum
und mich verbeugen
und sie mit der Hand berühren
und mich bedanken
daß sie mir ihre Zeit gegönnt haben

Nur daß sie mir antworten
und auch Guten Morgen
und Guten Abend sagen
werde ich dann
nicht mehr glauben

Oder vielleicht doch wieder?
Davor habe ich Angst

 

 

§

Alla fine forse
saluterò di nuovo gentilmente
come da bambino
quando ero solo:
“buongiorno, signor fiore”
“buonasera, signor albero”
inchinandomi
e toccandoli con la mano
li ringrazierò
per avermi concesso il loro tempo.
Solo che mi rispondano
dicendomi anche loro “buongiorno”
e “buonasera”
non lo crederò più
O forse si?
è di questo che ho paura.

ERICH FRIED

Published in: on settembre 4, 2020 at 07:28  Lascia un commento  

Il cielo

Io che non credo
fissando il cielo blu
nel futuro che vedo
l’unica stella rimani tu
certe volte vorrei
anche un piccolo segno
una voce o una luce dal cielo
che non sia solo un sogno

Questo Dio invocato
non esiste per me
quanto a lungo l’ho cercato
ma non c’è, anche se
l’ho sempre immaginato
con lo sguardo comprensivo
per chi ha sempre tentato
a tutti i costi di restare vivo

Il suo sguardo paterno
di dolce compassione
mi cullava in un sogno
di desiderio e disperazione
quando esistere è dura
e la vita è nemica
quando il sole si oscura
e la speranza sembra finita

Alzo gli occhi al cielo
urlando il mio dolore
vorrei tanto esistesse

per sentire il suo amore.
certe volte vorrei
anche un piccolo segno
una voce o una luce dal cielo
che non sia solo un sogno

Io che non credo
fissando il cielo blu
nel futuro che vedo
l’unica stella rimani tu.

Sandro Orlandi

Published in: on settembre 4, 2020 at 07:13  Comments (5)