Sulla terrazza fiorita

Il mare rimane, il cielo,
Gli alberi anche,
Rimangono i fiori,
Magari non gli stessi
Che vedevamo,
I giorni, le notti.
E restano la pioggia e
Il sole, la luna, qualcosa
Del mondo è uguale,
Altro è già mutato,
Da quando
Non ci sei più.
E stasera c’è vento
Tu mi dicevi “ascoltalo”,
Sa di fronde scomposte,
Ho messo la maglia è fresco,
Vorrei stare sulla
Mia terrazza fiorita con te.
Il canale resta, le gazze in cielo,
Ricordi? E resta l’erba del prato,
Il susseguirsi delle stagioni,
Qualcosa è accaduto,
Qualcosa accadrà,
Da quando non ci sei.
Io resto sola…nel vento
Sulla terrazza fiorita.

Piera Grosso

Published in: on settembre 15, 2020 at 07:45  Comments (3)  

Se la mia vita da l’aspro tormento

Se la mia vita da l’aspro tormento
si può tanto schermire, e dagli affanni,
ch’i’ veggia per vertù degli ultimi anni,
Donna, de’ be’ vostr’occhi il lume spento,

e i cape’ d’oro fin farsi d’argento,
e lassar le ghirlande e i verdi panni,
e ‘l viso scolorir che ne’ miei danni
a lamentar mi fa pauroso e lento:

pur mi darà tanta baldanza Amore
ch’i’ vi discovrirò de’ mei martiri
qua’ sono stati gli anni, e i giorni e l’ore;

e se ‘l tempo è contrario ai be’ desiri,
non fia ch’almen non giunga al mio dolore
alcun soccorso di tardi sospiri.

FRANCESCO PETRARCA

Published in: on settembre 15, 2020 at 07:11  Lascia un commento  

Solitudini estive

Dietro le imposte
serrate
la solitudine
di un pensionato
accaldato.
Nella cucina
rovente
il ventilatore
gira ore di ricordi
mentre
sul tavolo
amici pappagalli
garriscono …
“Buongiorno!”
Colano
gocce di sudore
sul telefono muto
sulla TV cicalante.
Confuso
lascia il bastone
e trascende
un paesaggio lunare.

Graziella Cappelli

Published in: on settembre 15, 2020 at 07:09  Comments (4)