La ca sla colina

.
La ca sla colin-a l’é bela
Maria la varda peui dis:
Am piasrìa podèj catèla,
Sarìa ‘l mè paradis!
L’é bianca la ca sla colin-a,
L’é bianca come ‘n linseul,
S’it la varde a smija ch’a grigna,
L’é pròpi la ca che a veul.
L’é gròssa la ca sla colin-a,
Tante stansie con finestre e pogieuj,
Starìo pròpi bin là ansima
Mi, mè òm e ij mè fieuj.
Mè pare fasìa ‘l murador
L’é mòrt ancora spòrch ëd càussin-a,
L’ha fala chiel la ca sla colin-a,
L’ha fala për quatr ësgnor.
E lor a ven-o d’istà
Stan mach doi mèis peui van via,
La ten-o mach basta ch’a sìa
E mi a son sensa ca.
La ca sla colin-a l’é bela
Maria la varda peu dis:
Mi podreu mai catèla,
Për ij pòver a-i-é nen paradis!
.
§
.

La casa sulla collina è bella

Maria la guarda e poi dice:

Mi piacerebbe poterla comprare,

Sarebbe il mio paradiso!

E’ bianca la casa sulla collina

È bianca come un lenzuolo,

Se la guardi sembra che rida

E’ proprio la casa che vorrei.

E’ grande la casa sulla collina,

Tante stanze con finestre e balconi,

Starei proprio bene là in cima,

Io, il mio uomo e i miei figli.

Mio padre faceva il muratore

E’ morto ancora sporco di calcina,

L’ha fatta lui la casa sulla collina,

L’ha fatta per quattro signori,

Loro vengono d’estate,

Ci stanno solo due mesi poi vanno via,

La tengono basta solo che ci sia,

Ed io sono senza casa.

La casa sulla collina è bella

Maria la guarda e poi dice:

Non potrò mai comprarla,

Per i poveri non c’è paradiso!

.
GIANMARIA TESTA
Published in: on settembre 25, 2020 at 07:06  Lascia un commento  

Carta vince carta perde

Carta vince…! Carta perde…! Signori,
vènghino al circo tutti, qual pinocchi…
Vènghino…! Qui è il paese dei balocchi,
e delle fiabe…Senza professori…

Solo fate e folletti dagli umori
cangianti, e dalle idee pastrocchi
col mangiafuoco che strabuzza gli occhi
che a chi non fa il pagliaccio…lo fa fuori…!

Venghino tutti al tendone pel voto
e la giostrina con la sua asticella
indicherà il programma…ora ignoto.

Giocate al Carta-vince-Carta-perde,
e da quest’Italia già assai zimbella,
via! il rosso…il bianco…La lasciamo al…verde!

Armando Bettozzi

Published in: on settembre 25, 2020 at 06:59  Lascia un commento  

Fiore di roccia

Un fiore solitario tra le rocce
sol di rugiada assorbe poche gocce
quel poco che gli basta per brillare
e sopravvive senza protestare.

Lui è certo che non avrà figliocce
l’acqua gli arriva con il contagocce
meglio dell’uomo sa come sfruttare
quel bene che si sta spesso a sprecare.

Sereno se ne sta nella fessura
il sole coglie e gli colora il viso,
la vita può sembrare ad altri dura

ma resta lì, spera non sia reciso
e pur se soffrirà un po’ l’arsura
splende come un bellissimo narciso.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on settembre 25, 2020 at 06:53  Lascia un commento