Er ferraro

Pe mmantené mmi’ mojje, du’ sorelle,
E cquattro fijji io so c’a sta fuscina
Comincio co le stelle la matina
E ffinisco la sera co le stelle.

E cquanno ho mmesso a rrisico la pelle
E nnun m’arreggo ppiú ssopr’a la schina,
Cos’ho abbuscato? Ar zommo una trentina
De bbajocchi da empicce le bbudelle.

Eccolo er mi’ discorzo, sor Vincenzo:
Quer chi ttanto e cchi ggnente è ’na commedia
Che mm’addanno oggni vorta che cce penzo.

Come!, io dico, tu ssudi er zangue tuo,
E ttratanto un Zovrano s’ una ssedia
Co ddu’ schizzi de penna è ttutto suo!

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI

Published in: on ottobre 24, 2020 at 07:16  Lascia un commento  

Amo la neve

Il sole del tramonto
rannicchiato
lungo gli itinerari
scrive poesie di monti,
l’onda bianca
presa da solchi nitidi
scintilla
sulle pendici
maestosi silenzi
abbraccia il cielo,
laggiù brilla un laghetto
blu cobalto
specchia cime
di alberi sommerse,
ora la luna tenera
compare
confonde col silenzio
lo sciabordio velato
delle fronde …
amo la neve,
sfiora il sentimento
altitudini immense
come un quadro
dove ti trovi dentro
coi colori
dell’estasi divina.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on ottobre 24, 2020 at 07:03  Comments (6)  

L’alloro

Non tace più

Si accartoccia
tra le palpebre
dell’aria campestre
ed al suo fianco
piante, odori
di rosmarino, basilico,
prezzemolo
… e quadrifogli

Un dono d’altri tempi
quando la sua fine
era lontana
neppure tra le fessure
dei confini
inesistenti

Giace la terra
languida
alle sue carezze

Adesso spira
la foglia grande
della sua eternità

E mia nonna
sempre ad abbracciare
con i suoi occhi
l’umile dono
adesso diventato grande,
l’umile abbandono
al suo nome nome
solo amato,
come un figlio.
Rolando.

Glò

Published in: on ottobre 24, 2020 at 06:54  Comments (2)