Ricordo

“Ma che colore ha una giornata uggiosa

ma che sapore ha una vita non spesa”

Parole che risuonano nella stanza

e portano indietro l’orologio del tempo.

Riflessa nel vewtro

l’immagine di fanciulla

con occhi fradici di sogni

mentre furtiva asciuga

una lacrima di pioggia e sale

scesa sulla nivea pelle.

 

Roberta Bagnoli

Published in: on gennaio 14, 2021 at 07:27  Comments (6)  

La môje (e ‘r marito)

 

La môje, ancora acerba! va riccòrta…
Se tiè ar callùccio finacché è matura
ch’è tutta bbòna, e che ‘n se bbùtta gnènte…

Poi, quànno che s’è sfatta (e ‘n se n’è accorta),
e inizzia a èsse solo scocciatura,
ne còji un’antra…che sii ancora ar dente.

Che avòja a ffà qua e llà ‘na potatura!…
(come cammiàssi ‘la ròta de scorta
dopo avé ffàtto un cacchio de incidente).

Si ‘nvece fussi tu…la fregatura,
e llèi volesse méttete a la porta
perché oramai sei fràcico e opprimente?…

Ma ogni pianta cià…la rifioritura
‘gnisempre, infinacché nu è proprio morta…
Perché…’N pò èsse uguale pe la ggènte?
Certo ch’è uguale! Abbasta a usà …la mente.

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 14, 2021 at 07:22  Lascia un commento  

Il nome

Il nome non è la persona.
Il nome è la larva.
Di tutti i circostanti,
a malapena è salva
famelica – l’icona.

GIORGIO CAPRONI

Published in: on gennaio 14, 2021 at 07:04  Comments (1)