Gennaio 1946

Milano, cieche viscere ti colano
per le vie, di macerie nere; i fumi
che dai camini volano
son torvi e verdi; la vita, acre e sciatta.

Ma di quassù visibili
sono, nell’aria netta, l’Alpi. Ecco
lontane, irraggiungibili,
bianche e celesti le grandi montagne.

FRANCO FORTINI

Published in: on febbraio 6, 2021 at 07:15  Lascia un commento  

Gocce di dolore

Su percorso acclive

il cielo grigio

fa sentire l’eco

di rintocchi

che nottetempo

assale

e mi conduce

a raccattare pezzi,

il desiderio

agita le mani

ma la tua pelle

pare non sentire,

l’onda del cuore

non trova

una spiaggia

dolce da accarezzare,

batte sugli scogli

e si frantuma

in gocce di dolore.

 

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on febbraio 6, 2021 at 07:12  Comments (2)  

Come l’universo

Con le nostre
Immense fragilità
Davanti a noi ora
Più che mai,
Viaggiamo l’esistente,
Un viaggio al buio,
A tentoni,
Senza sapere,
Senza sentire,
Senza una fine,
Provati, stanchi,
Affardellati, piegati,
Nascosti, sofferenti,
Impazziti, arrabbiati,
Con troppe parole,
Muti, impauriti,
Inorriditi, in mezzo
Al nulla…ma
È sera stasera,
Anche stasera…
La vita ha una forza
Incredibile e travolgente,
Inarginabile, inarrestabile,
Inconfutabile, luminosa e
Piena di futuro e
Di persone che verranno
Portando cuori e speranze,
Progetti, idee,
Traiettorie di emozioni
Come l’universo…
Come l’universo,
Perciò noi siamo qui.

Piera Grosso

Published in: on febbraio 6, 2021 at 07:05  Comments (2)