A mio padre

A quest’ora rantolavi in un letto
la paura ti faceva tremare
il dolore ti pugnalava il petto
ti mancava il respiro e sapevi
che era tardi per le cose non fatte
e la vita fuggiva in un attimo
La tua mano protesa a chiamarmi
in silenzio con occhi di pianto
forse un gesto per accarezzarmi
una tardiva carezza soltanto
come a chiedermi perdono
per dovermi abbandonare
Il tuo braccio rimase sospeso
mi tendesti aperta la mano
forse un ultimo tenero abbraccio
poi di colpo si abbassò di peso
e volasti per sempre lontano.

Sandro Orlandi

Published in: on febbraio 8, 2021 at 07:34  Comments (4)  

Punti di vista

Do vecete se ‘ncontran al mercà,

una la pianz e la conta: “Pora mi, 

me xe mort el me marì.

El lavava le scudele

E me regalava le pi bele.”

L’altra la rit a crepapele

E la conta: “Beata mi

El xe mort el me marì

el me tirava le scudele

el rompeva le pi bele.

L’era un gran  brut baloss

magnava la carne

e a mi me dava i oss.”

 

Danila Oppio

Published in: on febbraio 8, 2021 at 07:01  Lascia un commento  

Furcella

Na Strada stretta
addo’ nu’ passa n’ombr’e sole,
‘e nisciuno passe pe chesta strada
sul’a gente do’ quartiere,
se veden ‘e panne spase
balcuni vicin’a nato,

e chi passe dint’a stu vico
adda pregà a Ddio si esce vivo,
è nu vico ca sponta dinta forcella,
addò stann’e riebbete,
‘o contrabbando,
e mariuncielli,

è nu quartiero e Napule
addò soffrono a miseria,
è comm’a chisti c’è né stanno ancora llate,
se dice ca Napule è diviso in due,
addò sta miseria
e addò stann’e signore.

ENZO SICILIANO

Published in: on febbraio 8, 2021 at 06:54  Lascia un commento