Gerico

È raro sentire cantare in strada
molto più raro sentire fischiare
o fischiettare
se qualcuno lo fa
l’aria sembra fargli spazio
ti sembra che un refolo muova
la flora dei tuoi pensieri
ti metta dove prima non eri;
ma come passa chi fischia
la noia stende le vertebre al sole
e tu rientri dov’eri
dietro il douglas dei serramenti
dentro il livore
degli appartamenti
al tango delle dita sul tavolo ti chiedi
da quali trombe scosse
scrollate le mura
per quali brecce potremo vedere
– fresca –
come un sogno appena sbucciato
la terra che calpesteremo, allegri.

PIERLUIGI CAPPELLO

Published in: on febbraio 16, 2021 at 07:33  Lascia un commento  

La luce delle tenebre

Svaniscono le tenebre

al fragore della luce

si svela il volto del cielo

trapunto di chiare stelle

danza la notte

al passo di pallifa luna

il tempo compone l’eterno canto

in sabbia finissima

che scorre fugace

nella clessidra del nuovo giorno

 

Roberta Bagnoli

Published in: on febbraio 16, 2021 at 07:23  Comments (4)  

Una vita contorta

Quand’io ti penso tu giammai saprai
neppur saprai le volte che ti penso
se il mio è amore oppure odio intenso
neppure questo lo saprai giammai.

So che sei persa, ti sei cercata i guai,
recuperarti non ha più alcun senso
su quello che tu fai c’è il mio dissenso,
quello che hai perso solo tu lo sai.

Che devo dirti? Sono stato un pazzo
ma tu lo sai davver quanto t’ho amata
ero tornato ad essere un ragazzo

e non è vero, no, non ti ho plagiata
m’avevi trasformato in un pupazzo
bevo or senza addolcir la limonata.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on febbraio 16, 2021 at 07:16  Lascia un commento