Segni premonitori

Da qualche tempo
particolari insignificanti
della mia vita riemergono
come lampi dal buio
del passato.
Situazioni disparate, belle e brutte che,
al ricordo,
mi fanno sorridere o immalinconire.

Quei bagliori sono un segno?
Mi avvicino forse alla meta finale?
Quella città, che mi ospiterà,
sospesa tra fede e speranza,
dove c’è tutto e nulla,
buio e luce,
dolore e gioia,
ha un teatro dove si proietterà
il film dei miei innumerevoli perché,
finalmente risolti.
Ci sarà qualcuno che riavvolgerà il film della mia vita?
Nessuno.
L’ultima visione è unica, riservata, definitiva.

Nino Silenzi

Published in: on marzo 10, 2021 at 07:32  Comments (2)  

Io vulesse trovà pace

 

IO VULESSE TRUVÀ PACE

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!”

Senza sentere cchiù ‘a ggente
ca te dice:”io faccio…, io dico”,
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglià.

Senza senter’ ‘a famiglia
ca te dice: “Ma ch’ ‘e fatto?”
Senza scennere cchiù a patto
c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricett’ in farmacia…
l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
Chesta sì…Chell’ata no.

Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ ‘a tanta porte
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!”

EDUARDO DE FILIPPO

Published in: on marzo 10, 2021 at 07:32  Lascia un commento  

‘Na cosetta fina

Perché venìsse ‘na cosetta fina
per capà bbène quelo che se bbùtta,
ce vorébbe ch’ogni azzionàccia brutta
più prima d’anniscònnese in cantina,

o sciacquonàsse via pell’acque nere,
o èsse ripassata e già scordata
in quarche notizziario de giornata,
vienìsse inforconata su un bracére

pe’ ffàlla abbrucià tutta la nottata
e “illumminà” er ciarvèllo de la ggènte.
Ma infin’a qui, ‘n sarebbe ancora gnènte…
La cenere, che puro va buttata

sarebbe ricca e bbòna colazzione
pe’ er galantòmo de quell’azzionàccia…
Dovrà mannàlla ggiù sotto minaccia
de annà a finì più pèggio de ‘n barbone!

Così, che l’aria, ar solito ‘nzuppata
de cattiverie e nefannézze varie,
s’aripulìsce tutte l’urticarie
che stann’a ruvìnàcce ogni giornata…

Artro che ambiente, allora!…Artro che ambiente…!…
Ma quanno potrà mai trionfà così
‘st’ecologgìa incapace de smartì
lo schifo a vista…Penza er trasparente…!…

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 10, 2021 at 07:29  Lascia un commento