Carezza mi sfiora

(“Un mantello di lucciole”  dipinto di Maristella Angeli)

CARESS TOUCHES ME

I caress the light
I lift my face
distant horizon
light at its end
I walk barefoot
the earth is warm
light feet
to fill itself with light
is slight thing
heart flutters
in unison he beats
breathing tasty
steps, heartbeats
the gaze waiting
a caress touches me.

§

Accarezzo la luce
sollevo il viso
orizzonte lontano
luce al suo termine
cammino scalza
la terra è calda
i piedi leggeri
colmarsi di luce è cosa lieve
palpito del cuore
all’unisono batte
col respiro affannato
passi, palpiti
sguardo in attesa
una carezza mi sfiora

Maristella Angeli

(Poesia partecipante al DylanDay 2021 evento internazionale in onore di Dylan Thomas che si terrà il prossimo 14/5/2021)

Published in: on marzo 16, 2021 at 07:27  Comments (2)  

Restare ancora

Amo gli alberi, il cielo,
Il sole e la pioggia,
L’aria, il mare, il tempo
Che scorre, il battito dei cuori,
Amo i baci e le carezze e
Ogni pensiero buono,
Ogni sentimento vero,
Amo gli occhi, le labbra,
Le braccia e le gambe
Che fanno camminare e
La capacità di lottare,
Amo ascoltare il mondo
Coi suoi rumori e silenzi e
Le storie umane della gente.
Amo il superamento delle difficoltà
E la pace dopo e tutti gli atomi
Che compongono l’universo.
Ed è perciò che desidero
Con tutta me stessa restare ancora
E guarire perché sono affascinata e
Piena d’amore per ogni cosa e
Persona esistente.

Piera Grosso

Published in: on marzo 16, 2021 at 07:27  Lascia un commento  

Mare della sera

MAR DE LA TARDE

Lo que antes era fino concierto,
hoy es una sinfonía:
cobre de los intrumentos
en las cuerdas de oro del día.

La marcha heroica de la tarde
los sones del mar armonizan;
mas la batuta del sol desaparece
y la confución se inicia
los sonidos falsos de rocas-oboes
y apresuramiento en las olas flautistas.

Bajo el incendio de las nubes
el desorden se precipita,
y la vanguardia de las sombras
calla los cantos y rompe la lira.

§

Quello che era un bel concerto
oggi è una sinfonia:
il rame degli strumenti
sulle corde d’oro del giorno.

I suoni del mare armonizzano
l’eroica marcia pomeridiana;
ma la bacchetta del sole scompare
e inizia la confusione
i suoni falsi degli scogli-oboe
e la fretta nelle onde flautiste.

Nell’incendio delle nuvole
il disordine sta precipitando,
e l’avanguardia delle ombre
zittisce i canti e spezza la lira.

ENRIQUE GONZÁLEZ ROJO    (1928-2021)

Published in: on marzo 16, 2021 at 06:59  Lascia un commento