Merletto

 

Gelida gioia

per occhi stupiti,

bianchi merletti,

che lascian rapiti.

Lento lavoro,da magica idea,pare esorcismo

la bianca livrea.

Nebbia mutata,preziosi i ricami,

pare un incanto

che veste dei rami.

 

Pero Colonna Romano

Published in: on marzo 28, 2021 at 07:22  Comments (3)  

Sulla porta

Prima del passo c’è un verbo di pianura

dove la pioggia minaccia sugli esausti

e il cielo è calibrato di aironi, unica guida

nel regno degli dei mai veduti. Prima ancora

della mia fronte ampia paterna c’è stupore

ragione d’esser stato il tuo amore per un giorno.

C’è l’onda senza mare che tutto colma il dire

e questo bel tacere che fa di miele il tempo

la gazza e il niente foglie a febbraio.

C’è il tuo corpo

il sasso levigato dal fiume delle ore

quell’armonia che fa di te, donna, il mio creatore.

Prima d’uscire c’è l’aria luminosa

la consapevolezza di sé, fiore dell’aia

la fretta dei gerani nell’umido di terra.

Ci sono queste braccia che amo sollevare

come prendessi del sole il suo frumento

o della gioventù il filo teso, ora che sciama.

 

Massimo Botturi

Published in: on marzo 28, 2021 at 07:17  Lascia un commento  

La perla della mora

 

LA PERLA DE LA MORA

Una mora de Trípoli tenía
Una perla rosada, una gran perla:
Y la echó con desdén al mar un día:
?«¡Siempre la misma! ¡ya me cansa verla!»

Pocos años después, junto a la roca
De Trípoli… ¡la gente llora al verla!
Así le dice al mar la mora loca:
?«¡Oh mar! ¡oh mar! ¡devúelveme mi perla!»

§

Una mora di Tripoli aveva

una perla rosa, una gran perla

ma un giorno la gettò con sdegno al mare

“Sempre la stessa! Sono stanca di vederla!”

Pochi anni dopo là sulla rocca

di Tripoli la gente piange nel vederla.

La mora impazzita chiede al mare

“O mare, o mare ridammi la mia perla!” 

 

JOSÉ MARTÍ

Published in: on marzo 28, 2021 at 06:51  Lascia un commento