Miraggi

Noi col miraggio negli occhi
di un viaggio senza carovane
la riva verde e rose rampicanti
e il fiume che canta sottovoce

conosco la sua onda, il verso che la guida
le fronde inginocchiate a baciarne il corso
fino a conquistare terra, l’intrico d’uve brune
fra i gigli rossi appesi a incorniciare il cielo

ali che sognano di varcare i mondi
così, come nel sogno, noi di saper volare.

Poesia classificatasi al terzo posto assoluto al concorso nazionale per poesia e narrativa breve “Premio Piemonte Letteratura” di Torino.

astrofelia franca donà

Published in: on aprile 20, 2021 at 07:47  Lascia un commento  

L’educazione cattolica

Nelle sole parole che ricordo
Di mia madre – che «Dio
Diceva – è in cielo in terra
e in ogni luogo» – la gutturale gh

Disinvolta intaccava il luò d’un l’uovo
contro il bordo d’un piatto
Serenamente dopo in cielo in terra
Dal guscio separato in due metà

Scodellava sul fondo il tuorlo intatto
La madre sconosciuta parlava
Religione entrava
Nella mia tenera età.

GIOVANNI GIUDICI

Published in: on aprile 20, 2021 at 07:06  Lascia un commento  

Senza dire nulla

Camminai di buona lena, fiero
e questa volta il mar non era meta
perché di fianco già mi respirava.
Era tramonto da zittire il tempo
ed affrettai la corsa per paura
che l’impaziente sera lo rubasse.

L’avevo vista avvolta nell’azzurro
in una festa della primavera
e fu amore, solamente amore,
a farsi mare, fuoco cielo e terra
nel mentre mi sentivo quasi un re.

Finito ch’ebbi il mio bel tragitto,
sostai un po’ davanti alla scogliera
e l’occhio si posò sulle caviglie
baciate dalla forsennata schiuma.
Un brivido viaggiò lungo il mio corpo,
io fui geloso di onde che amavo.

Mi avvicinai senza dire nulla
e senza dire nulla lei si accostò.
E fu amore, solamente amore
a farsi mare, fuoco cielo e terra
intanto ch’io mi sentivo un re.

Aurelio Zucchi

Published in: on aprile 20, 2021 at 07:05  Lascia un commento