Talora nell’arsura della via

Talora nell’arsura della via
un canto di cicale mi sorprende.
E subito ecco m’empie la visione
di campagne prostrate nella luce…
E stupisco che ancora al mondo sian
gli alberi e l’acque,
tutte le cose buone della terra
che bastavano un giorno a smemorarmi…

Con questo stupor sciocco l’ubriaco
riceve in viso l’aria della notte.

Ma poi che sento l’anima aderire
ad ogni pietra della città sorda
com’albero con tutte le radici,
sorrido a me indicibilmente e come
per uno sforzo d’ali i gomiti alzo…

CAMILLO SBARBARO

Published in: on aprile 22, 2021 at 07:35  Lascia un commento  

Quel nero insistente

A John Mpaliza

Quel nero insistente
ha tanta energia
al tempo inclemente
oppone utopia.

Con neve cadente
o freddo e foschia
lui esalta fervente
la terra natia.

Invita alla Pace
e l’urlo ora sale,
con voce sagace

dell’Africa il male
denuncia e il rapace;
Pace urla e non strale.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on aprile 22, 2021 at 07:34  Lascia un commento  

18 aprile 2021

Primavera di speranza
primavera disperata
e la nebbia si dissolve
finalmente
ma c’è un sole un po’ sbiadito
poca luce arriva al cuore
la mattina è ancora fredda
ci vorrebbe un po’ d’amore
anche i fiori scoloriti
senza gioia sbocciano in pochi
senza vita
anche loro sono avviliti
Primavera di speranza
primavera disperata
e l’estate che pure avanza
sembra inutile
già finita
ma nel blu dell’infinito
ricompaiono le rondini
che garriscono felici
incuranti si rincorrono
con le loro giravolte
portano via ogni dolore
cancellando la tristezza
mi riscaldano d’amore.
Chi può esser lieto sia
del presente non v’è certezza.

Sandro Orlandi

Published in: on aprile 22, 2021 at 06:50  Comments (2)