Il Meco

EL MECO

La barba bianca, longa
a tuta facia
el me parea en profeta.
L’era sgalembro
ma el gheva en portamento
da gran sior.
Du oci grandi e furbi
el te vardava drento
perché el volea saver
tuto de tuti,
da gran curioso
e gran discorador.
L’avea studià
per far la profession
de l’avocato
ma l’è restà dotor
tuta la vita.
Da quando i l’à portà
en Casa de Riposo
-e no l’è più tornà-
la piassa de Cavrin
no l’è pì quela,
la s’à come catà
sensa parola.
Ghe manca el difensor:
el Meco, gran dotor.

§

La barba bianca, lunga
a tutta faccia
mi sembrava un profeta.
Era sciancato
ma aveva un portamento
da gran signore.
Due occhi grandi e furbi
ti guardava dentro
perché voleva sapere
tutto di tutti
da gran curioso
e gran parlatore.
Aveva studiato
per fare la professione
dell’avvocato
ma è rimasto dottore
tutta la vita.
Da quando lo hanno portato
in Casa di Riposo
-e non è più tornato indietro-
la piazza di Caprino
non è più quella
si è come trovata
senza parola.
le manca il difensore:
il Meco, gran dottore.

Bruno Castelletti

Published in: on aprile 28, 2021 at 07:19  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2021/04/28/il-meco/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: