Sono tornato

Un’aquila di gabbiano
attraversa il cielo plumbeo
stridendo nel vento di scirocco
e il campanone batte le ore
con colpi profondi
che sanno di passato.
Il giardino della piazza
è stato ripulito per le prossime elezioni
e un micio assonnato
mi osserva indifferente
da sopra un rudere.
Frastuono di clacson al semaforo
dal finestrino di un taxi
un braccio si protende
per indicarti senza ritegno
dov’è che dovresti andare.
Nel bar si lavora alacremente
dietro al bancone
un’operosità ostentata
mentre l’aroma dei cornetti
si spande e pervade l’aria.
Affollatissima la via del mercato
coi suoi colori e umori
e ai piedi di un lampione
spavalda
cresce rigogliosa una pianta di malva.
S. Giovanni dall’alto mi scruta severo
ma S. Francesco mi perdona
con sguardo bonario.
Sono a Roma
la mia città
sempre la stessa
da migliaia d’anni
rassegnata allegria
battuta pronta
e risata sorniona.

Sandro Orlandi

Published in: on maggio 6, 2021 at 07:48  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2021/05/06/sono-tornato/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Versi ispirati che rendono, con bella maestria, l’atmosfera odierna dell’ex Caput Mundi, sempre ricca di fascino. Un caro saluto. Piero


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: