Napulitana

Uocchie de suonno, nire, appassiunate,
ca de lu mmele la ducezza avite,
pecchè, cu sti gguardate ca facite,
vuje nu vrasiero mpietto mm’appicciate?…

Ve manca la parola e mme parlate,
pare ca senza lacreme chiagnite,
de sta faccella janca anema site,
uocchie belle, uocchie doce, uocchie affatate!…

Vuje ca nziemme li sciure v’arapite
e nzieme cu li sciure ve nzerráte,
sciure de passione mme parite.

Vuje, sentimento de li nnammurate,
mm’avite fatto male e lu sapite…
uocchie de suonno, nire, appassiunate!…

SALVATORE DI GIACOMO

Published in: on maggio 27, 2021 at 07:42  Lascia un commento  

Il mare che mi manca

È il suo profumo che, adesso, mi manca…
il fresco amalgama d’aria e sale
che fa del silenzio un invito a sperare
nel sorgere proprio, accanto al sole.
Le spalle posate sul nero scoglio,
i piedi leccati dall’onda indolente,
guardavo la retta schiarirsi tutta
perché distinguessi il mare dal cielo.
Ed eran raggianti i sorrisi da aprire
a quel nuovo giorno d’oro e magia
così come il sole che, all’apparire,
del trono del tempo si appropriava.

Aurelio Zucchi

Published in: on maggio 27, 2021 at 06:56  Lascia un commento  

Forse il mare

Servono a questo le nuvole, ora so.

A tener basso maggio sugli orti

e a fare rose, mischiate con la crusca

e il sudore dei bambini.

Mi son mancati tanto quei tonfi d’altalena

le risonanze ai muri dei mille e più palloni.

Qui dietro c’è un parchetto di rondini felici

e margherite come piovesse.

Quasi noia, la perfezione senza una voce.

Quasi noia.

Sul chiodo c’è il cappello che ha preso la mia forma

per terra gli stivali della misura giusta;

adesso che capisco le nuvole, le tocco

mi basta alzare un dito ed è come far valige.

Partire per altrove col numero lasciato

non si sa mai ché può capitare

forse il mare.

 

Massimo Botturi

Published in: on maggio 27, 2021 at 06:54  Lascia un commento