Qualcosa di bello

Qualcosa di bello,
Cerco qualcosa di bello,
Qualcosa di buono
Che faccia davvero bene
Al cuore e al resto,
Qualcosa di semplice
Non necessariamente grande
Eppure di emozionante.
Qualcosa che sembri “casa”,
Che renda “casa” questo mondo,
Qualcosa che odori di pane
Appena sfornato e di pace o
Di caffè porto con un sorriso
D’amore la mattina presto.
Cerco un roseto o
Un cespuglio di more o
Un bosco dove camminare
Con chi amo o un luogo
Dove stare tranquilli.
Qualcosa di bello…
E poi in fondo alla strada
Vedere te di nuovo.

Piera Grosso

Published in: on giugno 17, 2021 at 07:49  Lascia un commento  

In fondo al pozzo

Ho fatto un bagno di parole altre
prima di scavare questa pagina bianca
alla ricerca d’un pozzo
dove intingere penna.
Rubinetti impietosi hanno sputato ruggine
e schiarito la voce
prima di balbettare versi sconosciuti.
Mi sono sentito un estraneo
che va a solleticare
l’ascella di Atlante
per vedere
se lascia cadere il mondo.
Poi…
gli echi, i fremiti, gli impeti
di voci sconosciute
sono rientrati nel bosco
dove riposano i segni dementi
di chi vuol fare poesia.
Sto seduto sul bordo del pozzo
e guardo l’acqua giù in fondo,
ma non è inchiostro
se s’affaccia la luna.

Lorenzo Poggi

Published in: on giugno 17, 2021 at 07:36  Lascia un commento  

C’e come un dolore nella stanza

C’è come un dolore nella stanza, ed
è superato in parte: ma vince il peso
degli oggetti, il loro significare
peso e perdita.

C’è come un rosso nell’albero, ma è
l’arancione della base della lampada
comprata in luoghi che non voglio ricordare
perché anch’essi pesano.

Come nulla posso sapere della tua fame
precise nel volere
sono le stilizzate fontane
può ben situarsi un rovescio d’un destino
di uomini separati per obliquo rumore.

AMELIA ROSSELLI

Published in: on giugno 17, 2021 at 06:53  Lascia un commento