Questa nebbiolina

A Lisa

Questa nebbiolina avvolge
momenti appesantiti
dal ticchettar d’ogni giorno che sale
e che scende
di adesso,
e par nascondere quei ch’oltre ogni nebbia
appaion, però, chiari, e luminosi
con la pelle levigata, e i capelli al vento…

La musica che forte si diffonde
e assieme all’abbaiar stizzoso
va a rimbombar per l’aria, non nasconde
la melodica colonna sonora, dolce,
che al rimembrar si scioglie come miele
e note all’alma effonde,
e brividi riporta – quasi sembra ieri –
di quando il fiato, in noi
facevano mancare…

Armando Bettozzi

Annunci
Published in: on dicembre 5, 2017 at 07:24  Comments (1)  

D’estate all’imbrunire

D’estate, all’imbrunire, pe’ una via
della campagna tra l’odor del fieno
a casa ritornavo dove il pieno
svuotavo d’ogni sensazione mia.
Le raccoglievo sempre, lungo il giorno
girando per il borgo e andando giù
tra le colture e il fiume, e a tornar su
nel caseggiato, di gerani adorno.
Sfioravano, i rondoni, ancor la piazza,
pei plateali voli ancor rimasti
fra le ali, e gli aerei spazi aperti e vasti
(non come il passerotto, che svolazza).
Dentro quei muri antichi m’accoglieva
il fresco, e mamma approntava la cena,
lei, sempre a fare con dovizia e lena,
che babbo, solo al sabato riedeva.
Calmamente continuava la sera
a scendere…Ma era ancor assai chiara
l’aria, e tra noi quattro e gli altri era gara
nell’esser capo o almen portabandiera.
Ma poi s’andava ognun chi qua…chi là…
senza un da far preciso, ma inventando…
E quando i tocchi eran dodici, era quando
insieme rientravamo…da mammà.
La sera era passata da qualche ora,
della chiesa il portone era già chiuso,
ma ancor sentivi incenso e canto in uso:
“Mira al tuo popolo, o bella Signora!”
Spesso, ad occhi chiusi, lo guardo, il borgo
seppure qualche volta un poco duole
vedere dove nato era il mio sole
con tutto quanto quel che ancor vi scorgo.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 22, 2017 at 07:40  Comments (2)  

L’urtima ottobrata

Si che giornata! Tutta che sprofuma
de raggi de st’ormai fine ottobbrata,
che a sgargamèlla beve la vampata
ancora infin’a tardi…Ma mo’ sfuma

er bèr marchingegno-slunga-giornata
e er buio rincomincia a venì in fretta
ché er tempo vòle côre e nun aspetta,
che abbasta a ddà la luce a la serata!

Gua’, Betti’! È l’ urtimo tramonto a st’ora,
che un tempo fàrzo arigàla, pe st’anno…
Fàmose còje che se stàmo amànno
financh’er sole, de môccolo, odora.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 10, 2017 at 07:18  Comments (2)  

La…superiorità der tipo…superiore

C’è in giro un male (ma c’è sempre stato)
capace de fà bbène a certa ggènte,
perché la tiene su!…Sippuro è un …gnènte
appett’ a chi vò ffà passà…sbajàto.

Er fatto è ch’è ‘n pallone stragonfiato…
Se sente d’èsse unico!…se sente…
Se sent’ “er più” !…È propio strafottente
co quela puzza ar naso da…sfigato,

ché è tutto farzo!…ché a gurdàllo drento
è rancoroso fracico…è invidioso….
Ma fà vedé ch’ è fico e paravento.

Si un occhio stràbbico lo guarda storto,
lui se la pìja! Pròpio come ‘n coso…
Ma poi vò ffà vedé che ‘n cià mai torto.

Come fussi ‘n poràccio
te guarda da su a ggiù tutto borioso
e a le vòrte te fa sentì no straccio.

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 26, 2017 at 07:03  Comments (3)  

Alba e Tramonto

Un’ora c’è, al nascere e al morir del giorno
che nell’un caso e l’altro ha luce uguale,
di quel celestin-rosato naturale
sia che ci siano o no, nuvole attorno.

Unico color si fanno: di lei il rosa,
di lui il celeste – che son quei colori
dei nostri lui e lei che, coi loro amori,
nuove albe dan, con alma generosa.

Come Alba che regala gli oggi e i domani.
E in quell’ora – che ha lo stesso colore –
Tramonto – anch’egli col suo quadro d’autore –
porta i riposi, e…ci unisce le mani.

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 14, 2017 at 07:26  Comments (3)  

Possan del sol gl’illuminanti rai

Possan del sol gl’illuminanti rai
le nebbie dissipar da quelle menti
che – qual di certe tele i filamenti –
nell’impotenza tengono e ne’ lai…

Nel mentre – come amanti son dei guai –
al danno spingon con vivaci accenti,
i tanti – in quella coltre – non vedenti,
che indotti son perfino a esserne gai.

Di quelle – i lievitar – montan disagi,
e focolai accendon d’infezioni,
e di più gravi mali son presagi.

Che possa la tua storia, o Bel Paese
indurre a ripensar quei portamenti,
perigliosi! …. com’è a te – ormai – palese.

Armando Bettozzi

Published in: on settembre 27, 2017 at 07:13  Comments (3)  

Roma a ferragosto

Al gran caldo, è, e tuttavia
quant’è bella, Roma mia!
Ferragosto la consegna
meno caotica, più degna
coi silenzi e con gli spazi,
più parcheggi e meno strazi…
Non si va così di fretta,
e un ritardo…lo si aspetta,
pur se son nelle caldane
tetti…cupole…fontane…
piazze…strade…vicoletti…
monumenti e giardinetti…
Verrà, alfine, la frescura…
Bello, sì! Ma fa paura
che con quella tornerà
tutto quel che c’era già…
E anche più! Coi vacanzieri
ritornati tutti…neri
per il fatto ch’è finita
ogni abbronzatura e gita,
e riinizia per intero
quel tran-tran del giornaliero,
reso ancora più sgomento
dal ritorno in parlamento
di sedute inconcludenti,
sciocche, spesso, e irriverenti
verso il popolo nostrano,
in quel sito suo romano.
Ferragosto, torna presto!
Ci rimane solo questo!
Senti…Prima di andar via
vuoi usar la cortesia
di bruciare quei neuroni
che fanno essere cialtroni,
lestofanti…approfittoni…
“pro” con solo i mascalzoni;
mentecatti…menzogneri…
arrivisti…puttanieri…
chi dirige…chi governa…
chi lì in parlamento sverna…
chi tradisce il suo mandato,
tanto – niente, lì – è reato,
e son pronti ad additare
chi s’azzarda a contestare,
a reagire e dire basta
al regime della casta?!

Armando Bettozzi

Published in: on settembre 15, 2017 at 07:12  Comments (3)  

Li diritti e li doveri

C’èreno dapertutto, sparpajàti
a la rinfusa, diritti & doveri
p’er bòn funzionamento de le cose…

Dovéveno èsse belli equilibbràti
secônno li più giusti de’ criteri,
sippuro c’è chi è sempre er più, e chi è ‘r meno.

Questo è quer che – armeno – s’aspettava
chi stava appresso ar chi…ar dove…ar quànno…
ar come ed ar perché de cose e fatti…

Se sò smarcati invece nfra de loro
come a le partite de pallone
che c’è chi segna più…e chi segna meno.

Così che c’è la squadra sempre su…
E ce sta puro quella sempre giù…
E è quella su, che vince er campionato.

Ma…gioca…gioca…ecco…ar giorno d’oggi
che a tavolino, stann’a ddà le coppe,
a chi nn’ ha mai giocato manco ‘n pò…

E invece d’aggiustà quarcosa guasta,
mo’ stann’attrippà – a certi – de diritti
presi all’artri, che mo’…vann’a citrioli…

Ma l’equilibbrio è uscito fòri uguale:
“doveri” a quelli…manco se ne parla,
pe ‘st’artri, li “diritti”…sò tabbù!

E la bilancia arfine s’è aggiustata:
la Borderina canta …a tasche piene…
e puro pe li bbòni va a la grànne!

Pe quelli li doveri sò tabbù!
Pe ‘st’artri li diritti ‘n ce sò più…
E sto paese…ruzzola giù-giù…
ché qui – der “giusto” – ‘n se ne parla più!

Armando Bettozzi

Published in: on luglio 28, 2017 at 07:01  Comments (3)  

Roma…che te succede…Roma…?

Tu nu li stai più a règgeli, li moccoli…
E è da ‘ n ber po’! oramai…Che te succede?
Te sei così cammiàta…’N ce se crede!
Forze è che ‘n c’è più chi te se còccoli?

O è che…n ce stanno moccoli da règge?
Fortuna, a mme quer giorno me l’hai retti
e ancora sto a godémmene l’effetti…
Ma a queli, mo’, de mo’…chi li protegge…?

Chi je la dà ‘na mano…Nun vòi pròpio?
Che stai a ddì?…Sei demoralizzata?…
Gni vòrta…ciaschiduno…è ‘na tranvata…
Stai come chi cià avuto un quarche spropio?..

E tutti li casini che ogni ggiorno
te tòcca a sopportà…?…Eh!…te capisco…
Chiacchiere…assai!…Ma è solo e sempr’er disco
de sonatori che gne frega ‘n corno!

Eh, ssì!…Eh, ggià!…Si ciai raggione, Roma!
Cell’hai a sprofusione! Sii dannato
chiunque te fa stàtte nde sto stato
che si nun passa…te se port’ar coma!

Ma nun sia mai!! Roma, fa’ quarcosa…
Nun so che cosa…Invèntetela te…
Co chi dovrebbe fà, ma…penz’ a ssè,
‘ncomincia a ffàtte…assai più irispettosa!

Armando Bettozzi

Published in: on luglio 16, 2017 at 07:35  Comments (3)  

Chi ‘n capisce…Chi nun sa…

C’è chi ‘n capisce de ‘n capì…ma inzegna
C’è chi ‘n capisce proprio…Ché…c’è nato…
Ma er peggio è chi ‘n capisce e sta ar senato,
e è ggènte strapagata, la più indegna.

C’è chi nun sa ‘na mazza e… spiega tutto;
se crede ‘n padreterno…E è ‘n pòro scemo.
Ma puro noàntri, a vòrte, ‘n distinguémo,
facènnoce, così, fregà de brutto.

C’è chi ‘n capisce…e a vòrte è puro mèjo:
così ‘n se sente cresce…er bòzzo in fronte…
C’è chi capisce troppo…e ggiù da ‘n ponte,
lo bùtteno, ché guai! chi è troppo svéjo!

C’è chi nun dice ‘n cacchio ner discôre,
ma a certi je sta bbène e je conviene.
Ché più sa incasinàcce e più je viene
un quarchecosa…a llui e ar su’ gestore.

Evviva chi sa ddì che nu’ è ‘n saputo,
ché questo è già ‘n bòn segno d’onestà.
Ch’è quer che manca a chi, a sta società
la vò tiené incollata co no sputo.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 30, 2017 at 07:48  Comments (3)