A spasso con l’ombrello

Anche andarsene a spasso con l’ombrello
pur se ha di brutto, ha anche assai di bello…

Non certo quando cade giù arrabbiata,
ma quando è pioggerella moderata.

Guarda il bagnato sull’asfalto nero
quanto riluce! splende, per davvero!

E sembra che ci sia più intimità
che per le stradeè più che rarità.

Eè musica l’andar, col ticchettio,
‘l frusciar, e, nelle pozze, lo sciacquio…

Va per il naso quell’odor di fresco!
Eè proprio per assaporarlo, che esco.

E muta, il cielo: quando un po’ rischiara,
e quando s’ingrigisce e di più…spara.

L’ombrello or pende qui…or pende là…
pel verso che alla pioggia il vento dà.

E quando troppo soffia, occor frenarlo
con piccole manovre: ognun, sa farlo!

Ci son gli schizzi delle ruote in corsa…
Allora,è nell’ombrello, altra risorsa:

lo abbassi giù a fare il paraschizzi
e se non va…a casa, i panni, strizzi…

Ma prima, mandi un …bell’augurio al tizio
e pure questo, può essere uno…sfizio!

Ma sì! Che belloè andare con l’ombrello
pregando che ritorni il tempo bello!

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 25, 2021 at 07:03  Lascia un commento  

Che pulentata…!

Beh…visto che a magnà sò sempre loro,
sortanto loro infino a strafogàsse:
politicanti&affini…che er decòro
je s’è sdrucìto fino a scancellàsse,

che più li sto a sentì, più me ciaccòro,
me viè a le vòrte de penzà ar da fàsse…
Me viè ‘sta matta idea e me ciàccaloro:
che er popolo, co quele …vacche grasse

ce facci ‘n’abbuffata de pulenta!
Se pìa ‘n paiolo grosso, grosso, grosso…
se métteno giù drento…e a fiamma lenta,

se còceno…girànno e riggirànno
côr mestolone infino a squjà ll’osso…
Ma…in quanti!… ‘i baffi, stanno già leccànno!!…

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 9, 2021 at 06:55  Lascia un commento  

San Valentino

 

San Valentino, dacce l’occasione
De avé na vòrta ne la vita
Quer senzo de felicità infinita
Che un granne amore pieno de passione
Sa dà a chi vò provà quell’emozzione
Che arimarà pe sempre accustodita
Ner còre, come na quarsìa pepita
È messa in cassaforte, a protezzione…
Così lei resta llì na vita intera
Pe ffàllo stà ar calluccio ogni momento
Quer còre, e si è che schioppa na bufera
E ce se trova immèzzo, è proprio allora
Che lei è più che mai ‘r medicamento
Che in quer gran buio fa sortì l’aurora.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 26, 2021 at 07:26  Lascia un commento  

‘Na cosetta fina

Perché venìsse ‘na cosetta fina
per capà bbène quelo che se bbùtta,
ce vorébbe ch’ogni azzionàccia brutta
più prima d’anniscònnese in cantina,

o sciacquonàsse via pell’acque nere,
o èsse ripassata e già scordata
in quarche notizziario de giornata,
vienìsse inforconata su un bracére

pe’ ffàlla abbrucià tutta la nottata
e “illumminà” er ciarvèllo de la ggènte.
Ma infin’a qui, ‘n sarebbe ancora gnènte…
La cenere, che puro va buttata

sarebbe ricca e bbòna colazzione
pe’ er galantòmo de quell’azzionàccia…
Dovrà mannàlla ggiù sotto minaccia
de annà a finì più pèggio de ‘n barbone!

Così, che l’aria, ar solito ‘nzuppata
de cattiverie e nefannézze varie,
s’aripulìsce tutte l’urticarie
che stann’a ruvìnàcce ogni giornata…

Artro che ambiente, allora!…Artro che ambiente…!…
Ma quanno potrà mai trionfà così
‘st’ecologgìa incapace de smartì
lo schifo a vista…Penza er trasparente…!…

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 10, 2021 at 07:29  Lascia un commento  

Bonismo

Bonismo è quella cosa
che fa esaltar chi l’pratica.
Bontà bisunta e appiccicosa,
che ‘l più spesso è assai manipolata,
pe’ oscuri scopi spinta e guidata.
Sceglie con chi esser generosa…
Psicosi sistematica
di massa, assai costosa.

Stranieri annaffia con rovescio imbuto.
Ma a chi ha bisogno qui…nega l’aiuto.

Ben s’apparenta a fanaticheria:
chi ne fa parte è una persona pia;
chi n’è fuori è invece…oltraggiosa e ria.

Farcita è di bugie fin’all’eccesso
sia fuor che dentro il pubblico consesso
e rende un bel paese…un brutto cesso.

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 17, 2021 at 07:31  Comments (1)  

Italia dei diritti e…dei voleri

Repubblica fondata sul…decoro
che spesso e volentieri è…indecoroso
dacché sol coi diritti e coi …voleri
(nell’oggi che vuol essere…amoroso)
per certi di noi qui, e pei forestieri
e in accanito modo più per loro,
ci s’incorona come fosse alloro.

Dimentica di quale vero alloro
sempre s’è cinta bilanciando al giusto
i diritti e i doveri in sintonia,
pria d’inoltrarsi in tale passo angusto
(padre e madre di social malattia),
e non di quel…pseudo capolavoro
che invade camere, governo e foro.

Giustizia vola via da mille e un foro
per tutto uno sbagliato intendimento
che fa strafar le leggi in gestazione
e poi le applicazioni a piacimento,
secondo un’accertata negazione
del “prima sia il dovere”…e del disdoro,
di cui chi vuol delinquer fa tesoro.

Sono i doveri asperità passata,
senza un futuro, e presto cancellata
sarà dai dizionari e dalla scuola.
Di tutta questa storica parola
ne lasceranno un po’ per i più…micchi,
senza distinguer tra poveri e ricchi,
basta che sian bravi ed obbedienti
a leggi e istituzioni, e sian credenti.

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 27, 2021 at 07:24  Comments (2)  

La môje (e ‘r marito)

 

La môje, ancora acerba! va riccòrta…
Se tiè ar callùccio finacché è matura
ch’è tutta bbòna, e che ‘n se bbùtta gnènte…

Poi, quànno che s’è sfatta (e ‘n se n’è accorta),
e inizzia a èsse solo scocciatura,
ne còji un’antra…che sii ancora ar dente.

Che avòja a ffà qua e llà ‘na potatura!…
(come cammiàssi ‘la ròta de scorta
dopo avé ffàtto un cacchio de incidente).

Si ‘nvece fussi tu…la fregatura,
e llèi volesse méttete a la porta
perché oramai sei fràcico e opprimente?…

Ma ogni pianta cià…la rifioritura
‘gnisempre, infinacché nu è proprio morta…
Perché…’N pò èsse uguale pe la ggènte?
Certo ch’è uguale! Abbasta a usà …la mente.

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 14, 2021 at 07:22  Lascia un commento  

Zuppa a la fregnacciara

Metti chilàte de materia griggia
tutta ‘nzuppata co apertura mentis
e ripulìta da l’incrostazzioni
de un modo serio de penzà, e de fà,
raschia er bòn senzo ancora appiccicato,
fa’ spurgà er giusto che nun serve a gnènte,
aggiungi scolatura de fregnàcce
e spicchi belli grossi de “demago”,
e quant’abbasta de scollegamenti
da quella brutta broda de reartà.
Mescola er tutto e fàcce ‘n’infornata…
Quanno ch’è pronto spàrmece le…vòje
scejènno le più strane e fantasiose
adatte ar vortastòmmico pe’ quelli
sensìbbili a sto tipo de ricètte
(sò tutti?…beh…ma ssì…chissenefrega…),,
ma che però ce sta a chi je confànno…
Mescola er tutto, e pe’ finì in bellezza,
piàzzace su ‘na quarche cijeggìna
così…perché l’aggùsti mèjo, l’occhio…
Ed ècco bell’e pronta la ricetta
pe ffàje ammucchià sempre più er bottino
(si ‘n caso ce voleva a ddà ‘na spinta…):
la ròbba da rivénne ar mercatino.

Armando Bettozzi

Published in: on dicembre 20, 2020 at 07:34  Lascia un commento  

L’aquilone del mare

Razza, che sul pelo dell’acqua sguazzi,
o sul fondale serpeggi del mare,
in questa vasca ti vedo remare
verso di me, ché non hai larghi spazi…

Forse m’illudo, ma sembri capire,
e al mio richiamo, da quel lato opposto
la rotta inverti, e appressatomi tosto,
dalla mia mano ti lasci lambire.

Sembri aquilon che pel mare svolazza
come fa quel, che su in cielo s’innalza.
Però ai capricci del vento sobbalza…
Tu, l’onda domini: sei più di razza!

Armando Bettozzi

Published in: on dicembre 4, 2020 at 07:46  Comments (1)  

Tempo di guerra

Con i lacci delle scarpe
ci pescavano le carpe
lungo il fiume a fondo valle
con i mucchi delle balle
tutte stese pe’ arginare
l’acque pronte a straripare…

Altri sacchi, tanti…tanti…
dagli spari sibilanti
proteggevano il paese
dove almen sei volte al mese
ci passavano i soldati
anche con i carri-armati.
Era il tempo della guerra
però – ancora – madre terra
dispensava le verdure
pur se in mezzo alle paure…

La campana della pieve
con un tocco lieve, lieve
radunava le persone
quando a sera, la funzione
li faceva stare insieme
per dar forza ad una speme.

Nella madia c’era poco…
Ma bollivano, sul fuoco,
le patate un po’ annerite
ma pur sempre saporite!

Nonna, sempre dice questo:
un bel giorno trovò il cesto
delle uova tutto pieno…
Tutto il cielo era sereno…
Sì!…La guerra era finita!
Stava a rifiorir…la vita

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 18, 2020 at 07:10  Lascia un commento