Distinto … d’istinto

In modo distinto mi vo’ comportare
nel porgermi ad ogni incontrar chicchessia
per quel che è da sempre abitudine mia
in una maniera civile di fare.

Perciò, io, d’istinto, chi vuol stralunare
il modo distinto co’ innata albagia
mi vien da trattarlo … come un che allergia
diffonde e ti vuol di contagio infettare.

Son quei gl’indistinti ripien sol d’istinto
pe’ esser – senza esser… chi conta di più,
a imporre lor voglie, e a tacciar – chi è distinto,

di essere “questo”, e “quest’altro” … a piacere …
Però, se d’istinto a lor t’ergi più in su,
al mo’ più indistinto fan … gratta-sedere…

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 28, 2020 at 07:22  Lascia un commento  

Pensiero a Lisa

T’avrei cercata fin su e giù pei poli
Intorno all’equatore
Lungo meridiani e paralleli
Sul fondale dei mari
Per la via galassia
Tra gli alberi nei boschi
Tra i banchi dei mercati
In ogni vernissage e nei conventi
Nei palazzi o le favelas
Nei musei e nelle chiese
Tra i suoni e le parole
La notte e il giorno senza mai stancarmi…

Se non t’avessi un giorno all’improvviso
trovata e subito riconosciuta.
Come un micetto, perso e tenerello
t’ho presa in braccio e t’ho portata via.

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 31, 2020 at 07:46  Comments (1)  

Finisce il bel tempo

Han cominciato già ad impiastricciare
aeree vastità ch’erano azzurre,
coi grigi chiari…e intensi…fino al nero…
in modo frettoloso…senza cura
che si trasforma a gradi in massa scura.
E tutto questo ben si sa è foriero
di quel che immantinente va a produrre
il cielo…che s’appressa a rovesciare…

E scroscia…! dopo l’esitar di prassi,
dopo il rumoroso rotear ruttante
d’avvertimenti di trovar riparo…
Scroscia potente su città e campagna
quasi danzando al suon che l’accompagna.
Pe un po’ si placa, e poi ci sta il rincaro.
“Però ristora l’aria e è rinfrescante…”…
Così pensando, svelti vanno i passi….

Va fumando sulle strade il bitume
sotto il primo strizzar dei nuvoloni,
e torrentelli presto improvvisati
alla rinfusa scorron presciolosi
con la pretesa di sembrar …marosi…
E a volte, non essendo risucchiati,
divengon piccole o grandi alluvioni
coll’aiuto d’un esondante fiume.

Che tutto copre e tutto porta via…
Dove nemmeno s’era sospettato…
Dove la pioggia al massimo inzuppava
pensieri cespugliosi ed accaniti
o troppo blandi e al nascer rammolliti.
E fino a quel che può la pioggia lava
se il troppo sporco non sia già incrostato.
Comunque senza mai una garanzia.

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 28, 2020 at 07:00  Lascia un commento  

Le marce…indietro…in tribbunale

“A Re’, stai a capìcce quarche cosa?!
Quer tizzio ammazza a quela poveraccia,
je danno 30, che nu è condanna …accia…
Poi fanno marcia indietro…È pe na posa?

È un modo pe potéje dì a la ggènte
che qui quer che te gira se pò ffà,
che garantìscheno l’impunità…
coll’abbonà le pene come gnènte…?!…”

Che questo, è!…Li 30 sò passati
-rivisti ‘i pro e ‘i contro de sta storia –
a quindici sortanto!…pe la …gloria…
no…l’imbecillità! de quei togati…

Ma nu je sòna offesa a quele donne
-ortre che a la pòra disgrazziata –
che tanto fanno contro st’impennata
de ammazza-donne?!…Ma…a chi je rispônne

co tanto marcià contro e, addirittura
je fa: “C’è stata…<tempesta emotiva!>,
com’è che no sproloquio nu j’arìva…?!…
O riciccia…l'<onore> in procedura?!

Ch’è com’a ddì: “Ammazzate!..N ce penzate!…
Che – a saldo! – ve condanna er tribbunale!
E pe quer poco che ve resta, vale…
vale la pena: ve ne libberate!!”

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 3, 2020 at 07:26  Lascia un commento  

C’è a chi je piace tanto la…campagna…

C’è chi se fa la settimana bianca
quann’è ch’è inverno e in giro c’è la neve…
C’è chi d’estate proprio nun se stanca
de stàsse ad abbronzà come se deve…

C’è chi va a stà in montagna e in su arranca
co corda e co piccozza, e se la beve…
C’è chi in città va ar bingo e se lo sbanca,
e manco più ‘i fratelli, se riceve…

C’è chi rimane a casa tutt’er giorno
d’estate e inverno, ché artro nun pò ffà…
o va a ‘ncornà consorti pe llì attorno…

A “questi” invece – gira e t’ariggira –
je piace la…campagna…che ‘n se sa!
Quella…elettorale! Aoh! quanto je tìra…!

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 12, 2020 at 07:26  Lascia un commento  

Dipènne … da l’antenne!

Dipènne … da chi usa penne e antenne…
Dipènne si pò!…oppuro nun pò spènne…
Dipènne da ch’intasca le …prebenne…
Dipènne da chi rubba…da chi svénne…
Dipènne si se deve o nno! arènne,
si deve da salì…o sippuro scénne…
che ce capisca o nno! ne le vicènne…
Dipènne si è quarcuno che pò offènne
e quale protezzione lo difènne.
Dipènne quanto in basso vòle scénne:
si trema e poi se smorza…o ce s’accènne!
Dipènne quant’è bbòno ad intraprènne
e quanto ne la fanga sa risprènne…
si ‘r velo a ricoprì ‘gn’infamia, stènne…
Dipènne da si quanto se sa vénne
e quanto spergiurà ar modo solenne,
e quanto ‘n se vergogna de fà intènne
pe’ vero er fàrzo…E lo pò ffà in … perènne!
Si un popolo ‘n se tira su … l’antenne.
Si un popolo sa solo dìsse: “Ammènne!”

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 15, 2020 at 07:24  Lascia un commento  

Crescere…

Correva sgambettando in casa e fuori,
contento d’esser nato e crescer sano.
Vedeva illuminarglisi pian, piano
la strada di sorrisi…sogni…fiori….

E intanto era sereno ed era ricco
di amici, e per le amiche anche attraente…
Studiava ed era immerso nella gente
per cui sempre di più era un di spicco.

I primi amori – mai dimenticati –
le scelte…le passioni…il suo sentire,
in fondo a sé valori da nutrire…
La delusione nel vederli…andati…

L’amore della vita, più maturo,
gl’impegni, la famiglia, il mondo esterno…
Lo sconcio d’un politichese eterno…
Il dubbio balenante pel futuro.

Finché, adesso, è un frutto irrancidito,
con ogni fiore intorno ormai seccato…
S’è trasformato: è incredulo e smagato,
perché quel suo sperare l’ha tradito.

Il partorir filosofie del male,
insieme a un governar che solo offende,
per sé lascian l’ impronte e le prebende,
e chi non conta perde quel che vale.

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 24, 2020 at 07:10  Lascia un commento  

Addio Italia!

Questo è l’unico vero successo
d’un paese rimasto in regresso
e che crede che fare un congresso
porti il popolo a avere un…amplesso.

L’ <invasione> ne stan sobillando:
“Dai, venite! Vi stiamo aspettando!”
Nel frattempo noi stiamo sfasciando
il paese, che sta…spopolando.

Qui si vive – o si muor – (quel che sia),
di cancrenosa-burocrazia,
che nessun, mai, cacciar vuole via:
è un manicomio!…è una follia…!…

Ti stan facendo con noi ostile
-tu ch’hai insegnato al mondo lo stile! –
Pecore…spinge via dall’ovile
la tua vergogna, Italia servile!

Che maledetta sia l’opinione
di chi ti vuole…giù a pecorone.
Maledicon! Le notre persone
spinte al lavoro in altra nazione.

Piace, per dir: “Vedete, anche noi
migranti eravamo, e ora, e poi…!
Bella Italia…ai dimenticatoi…
Vecchi…sol, buoni…pei crematoi.

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 8, 2020 at 07:27  Lascia un commento  

Se cadrà il governo

È lui! È lui! È lui che rompe il patto!
È lui che in questi giorni va di matto!
Se poi…! Se poi..! Se poi cadrà il governo
la colpa è tutta sua! Mio è il costerno!
Io batto! Io batto! per terra i miei piedini,
così, come san far solo i bambini!
Vedete! Vedete! Vedete mi ricatta!
Lui vuole far! io no: mai! quella tratta!…
M’impunto! M’impunto! M’impunto…son di coccio!
Perciò tutto il progetto glielo boccio!
Seppure! Seppure! Seppure è incominciato!
Non solo: – è già da tempo finanziato! –
Seppure! Seppure! Seppur dovrem pagare
enormi multe! senza traforare!
Chi meglio! Chi meglio! Chi meglio sbatte i piedi!
Nel mentre i sorrisetti, fò…li vedi?…
I conti! I conti! I conti parlan chiaro!
Li ho fatti fare a un modo un po’… da baro!
Ci ho messo! Ci ho messo! Ci ho messo…fantasia:
No treni!…Tir!..E inquinamento, sia!
Lavoro!? Lavoro!? Lavoro?!…Embeh…già manca…!…
E chìssene se cresce…e c’è chi…arranca!
D’altronde! D’altronde! D’altronde è <in alleanza>
che il “reddito” c’è “di cittadinanza”!
È chiaro! È chiaro! La TAV non s’ha da fare!
per quella ciurma mia d’accontentare!
È solo! È solo! È solo per puntiglio!
Ma se non mollo…i voti…li ri-piglio!

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 15, 2019 at 07:00  Lascia un commento  

La moda der “manna”

“Mànna qua”…”Mànna llà”…’N tot pe’ ognuno
‘n fa male a nisuno…Si che mode…!
Che oramai le stann’a…ffàlle sode!
L’unica è a penzà a quer che nisuno

daggià ha penzato…e che già ce incassa…
“Mannàte!…Pe sarvà!…P’aiutà!…”,
dicènno anche quanto hai da mannà!
Ma mmo’… nu è troppo?…E er troppo…nu scassa?…

Tutt’ er giorno in tutte le tivvù…
Su pe internet…Ce pìeno pe tonti…
‘N fanno manco vedé ‘i renniconti…
Penzi a l’imbròji…e ‘n ce credi più!

Vòi fà li sòrdi?…Ècco…Trovato!
Vedémo ‘n po’… a chi se pò aiutà…
Ah, sì!…le purci pe ffà grattà
cristiani e cani…Ché va sarvato

er gratta-gratta, che…si scompare
nun se vedrebbe più quer bèr gesto
che pe quanto possa èsse indiggesto
e a ‘n certo quarmòdo anche vorgare,

è…cosa umana…Pe cui, mannàte!
Sarete tesserati purciari
co diritto, ne li giorni pari,
de indimenticabbili grattate!

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 21, 2019 at 07:30  Lascia un commento