Maretta…sotto, sotto…E puro sopra…

In giro nfra lombrichi e vermi vari
c’è maretta…c’è odor de ribbellione
a seguito de’n fatto d’eccezione
che va a toccà li gusti alimentari…

Secônno quarche scellerato, infatti,
la dieta òjo d’uliva e pommidori,
fettina, ‘n po’ de pasta e vari odori…
nun va più bbène manco pe li gatti!

‘N so chi – li cosi sui ‘n se li sa ffà –
st’ a mmétte in testa a tutti che li vermi
sò er cibbo der futuro, e da li schermi
st’a predicà … st’a ffà pubbricità…

“Noi scioperàmo…E ‘n fàmo più li buci!
E senza più li buci, li teréni
saranno duri e pieni de veleni…
Basta, perciò, a passà ste idee truci!”

‘Na Chianina, che stava pascolànno
sentènno de ste cose prènne a ddì:
“A mme ‘n me dite gnènte: io sto qui
p’ èsse “fiorentina”!…Che ìte cinaciànno…!”…

E bachi…e grilli…e larve e cavallette
se méssero a inizzià un casino tale
che ognuno co quer ciarvèllo gegnàle
pijò er gran fuggi, fuggi…E più, ‘n potette!

Armando Bettozzi

Annunci
Published in: on febbraio 8, 2018 at 07:23  Comments (2)  

Caro anno nuovo

Caro Anno Nuovo, il sospetto c’ è e è forte
che tu sia solo un seguitar dei mali,
sola evidenza di quello ch’è andato.

Per far che un tal sospetto sia infondato
non ti resta che tagliargli le ali!
a ogni male, e al bene far la corte.

Non affidarti soltanto alla sorte
per rimettere tante cose a posto:
tu vieni dall’alto, e sai distinguere.

Non tener chiusi gli occhi, non fingere!
Non stare qual vigliacco ben nascosto,
ma accorri ad aggiustar le cose storte.

Vai avanti, ma…col retrovisore.
E sempre i pro e i contro ben soppesa.
Fermati, anche! A pensar non c’è vergogna…

Lascia il “corretto”, e la…corsa che agogna…
Che a tutti e a tutto bada…No alla spesa!
di chi nel nostro…teatro…è un “primo attore”.

E bada…pensa…rifletti…a ogni…mossa
poiché trascini…eredità che pesa:
“Passato, via!…Roghi e streghe…in riscossa”!

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 26, 2018 at 07:01  Comments (4)  

Lo Stecco Spennacchio de Piazza Venezia

Ce sta e come!…un granne inquinamento!
Ar Comune ciavéveno raggione!
Artro che stop ar traffico puzzone!
Qui tòcca chiude…no pe ‘n giorno: cento!

Stàmo rischiànno l’avvelenamento,
e ce ne sò li segni a sprofusione:
uno de questi sta in…esposizzione
proprio llì in Piazza…e pare er monumento

a ‘la grossa sconfusione mentale
che fa vienì l’inquinamento, appunto,
e ‘n fa sentì vergogna, in modo tale

che l’arbero gigante de Natale
messo a Piazza Venezia – secco e smunto –
stann’a spacciàllo pe arbero…ideale!

E ssì, che c’è costato puro ‘n bòtto!…
Ma è tanto spelacchiato, poverello,
che pare messo llì come modello
de povertà pe noantri…come un motto!

Armando Bettozzi

Published in: on gennaio 12, 2018 at 07:22  Comments (5)  

Ogni stella…un momento d’amore

Le stelle…!
Tante…e tante…!
Quanti gli attimi d’amore
dal primo ignoto, fantasioso affacciarsi
alla meraviglia del meraviglioso esserci
che da qui passa
e che ad accendersi va, puntino
tremolante, nella spaziosa, sognante notte eterna.

Ci sono, e ci saranno,
nel mai finito accendersi,
tutte le mie, un giorno,
e doppie saranno: la tua e la mia
sempre insieme accese
che un cielo sol non basterà a tenere.

Pur se neanche tutte insieme
mai faranno quella luce
che il sol da solo dà,
pe’ accendere ogni vita
che ogn’altra luce accende,
lui padre, e madre,
d’un mondo, che…non ci sarebbe…
se non di ghiacciato, eterno buio di cristallo.

Qual immenso bene, invece!…
– Guarda! – che ogni attimo d’amore ha acceso
nei mai sazi spazi,
per le lattee, luccicanti, ispirate galassie!…
Come lucciole per sempre incastonate!
Dovrebbero rendercene, un po’…
Chè va a iniziarne, qui, scarseggio pernicioso…
Finché, almeno, possano esser ricopiate,
ricostituite…
e ancor lassù inviate, a dar vividi segni
che amore – qui non è finito, e non andrà a finire.

Armando Bettozzi

Published in: on dicembre 30, 2017 at 06:52  Comments (1)  

Effimero

Il vento
prepotente ha staccato
ogni foglia
e il ramo è nudo
che strette le teneva
per un tutt’un che a lor sembrava eterno…

Or, solo l’arma attende
che anch’esso stacchi
e il fuoco l’arda,
pe’ effondere all’aria richiami olenti
e alle foglie,
e insieme a quelle, poi, pel ciel svanire…

Armando Bettozzi

Published in: on dicembre 17, 2017 at 07:02  Comments (1)  

Questa nebbiolina

A Lisa

Questa nebbiolina avvolge
momenti appesantiti
dal ticchettar d’ogni giorno che sale
e che scende
di adesso,
e par nascondere quei ch’oltre ogni nebbia
appaion, però, chiari, e luminosi
con la pelle levigata, e i capelli al vento…

La musica che forte si diffonde
e assieme all’abbaiar stizzoso
va a rimbombar per l’aria, non nasconde
la melodica colonna sonora, dolce,
che al rimembrar si scioglie come miele
e note all’alma effonde,
e brividi riporta – quasi sembra ieri –
di quando il fiato, in noi
facevano mancare…

Armando Bettozzi

Published in: on dicembre 5, 2017 at 07:24  Comments (2)  

D’estate all’imbrunire

D’estate, all’imbrunire, pe’ una via
della campagna tra l’odor del fieno
a casa ritornavo dove il pieno
svuotavo d’ogni sensazione mia.
Le raccoglievo sempre, lungo il giorno
girando per il borgo e andando giù
tra le colture e il fiume, e a tornar su
nel caseggiato, di gerani adorno.
Sfioravano, i rondoni, ancor la piazza,
pei plateali voli ancor rimasti
fra le ali, e gli aerei spazi aperti e vasti
(non come il passerotto, che svolazza).
Dentro quei muri antichi m’accoglieva
il fresco, e mamma approntava la cena,
lei, sempre a fare con dovizia e lena,
che babbo, solo al sabato riedeva.
Calmamente continuava la sera
a scendere…Ma era ancor assai chiara
l’aria, e tra noi quattro e gli altri era gara
nell’esser capo o almen portabandiera.
Ma poi s’andava ognun chi qua…chi là…
senza un da far preciso, ma inventando…
E quando i tocchi eran dodici, era quando
insieme rientravamo…da mammà.
La sera era passata da qualche ora,
della chiesa il portone era già chiuso,
ma ancor sentivi incenso e canto in uso:
“Mira al tuo popolo, o bella Signora!”
Spesso, ad occhi chiusi, lo guardo, il borgo
seppure qualche volta un poco duole
vedere dove nato era il mio sole
con tutto quanto quel che ancor vi scorgo.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 22, 2017 at 07:40  Comments (2)  

L’urtima ottobrata

Si che giornata! Tutta che sprofuma
de raggi de st’ormai fine ottobbrata,
che a sgargamèlla beve la vampata
ancora infin’a tardi…Ma mo’ sfuma

er bèr marchingegno-slunga-giornata
e er buio rincomincia a venì in fretta
ché er tempo vòle côre e nun aspetta,
che abbasta a ddà la luce a la serata!

Gua’, Betti’! È l’ urtimo tramonto a st’ora,
che un tempo fàrzo arigàla, pe st’anno…
Fàmose còje che se stàmo amànno
financh’er sole, de môccolo, odora.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 10, 2017 at 07:18  Comments (2)  

La…superiorità der tipo…superiore

C’è in giro un male (ma c’è sempre stato)
capace de fà bbène a certa ggènte,
perché la tiene su!…Sippuro è un …gnènte
appett’ a chi vò ffà passà…sbajàto.

Er fatto è ch’è ‘n pallone stragonfiato…
Se sente d’èsse unico!…se sente…
Se sent’ “er più” !…È propio strafottente
co quela puzza ar naso da…sfigato,

ché è tutto farzo!…ché a gurdàllo drento
è rancoroso fracico…è invidioso….
Ma fà vedé ch’ è fico e paravento.

Si un occhio stràbbico lo guarda storto,
lui se la pìja! Pròpio come ‘n coso…
Ma poi vò ffà vedé che ‘n cià mai torto.

Come fussi ‘n poràccio
te guarda da su a ggiù tutto borioso
e a le vòrte te fa sentì no straccio.

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 26, 2017 at 07:03  Comments (3)  

Alba e Tramonto

Un’ora c’è, al nascere e al morir del giorno
che nell’un caso e l’altro ha luce uguale,
di quel celestin-rosato naturale
sia che ci siano o no, nuvole attorno.

Unico color si fanno: di lei il rosa,
di lui il celeste – che son quei colori
dei nostri lui e lei che, coi loro amori,
nuove albe dan, con alma generosa.

Come Alba che regala gli oggi e i domani.
E in quell’ora – che ha lo stesso colore –
Tramonto – anch’egli col suo quadro d’autore –
porta i riposi, e…ci unisce le mani.

Armando Bettozzi

Published in: on ottobre 14, 2017 at 07:26  Comments (3)