Li diritti e li doveri

C’èreno dapertutto, sparpajàti
a la rinfusa, diritti & doveri
p’er bòn funzionamento de le cose…

Dovéveno èsse belli equilibbràti
secônno li più giusti de’ criteri,
sippuro c’è chi è sempre er più, e chi è ‘r meno.

Questo è quer che – armeno – s’aspettava
chi stava appresso ar chi…ar dove…ar quànno…
ar come ed ar perché de cose e fatti…

Se sò smarcati invece nfra de loro
come a le partite de pallone
che c’è chi segna più…e chi segna meno.

Così che c’è la squadra sempre su…
E ce sta puro quella sempre giù…
E è quella su, che vince er campionato.

Ma…gioca…gioca…ecco…ar giorno d’oggi
che a tavolino, stann’a ddà le coppe,
a chi nn’ ha mai giocato manco ‘n pò…

E invece d’aggiustà quarcosa guasta,
mo’ stann’attrippà – a certi – de diritti
presi all’artri, che mo’…vann’a citrioli…

Ma l’equilibbrio è uscito fòri uguale:
“doveri” a quelli…manco se ne parla,
pe ‘st’artri, li “diritti”…sò tabbù!

E la bilancia arfine s’è aggiustata:
la Borderina canta …a tasche piene…
e puro pe li bbòni va a la grànne!

Pe quelli li doveri sò tabbù!
Pe ‘st’artri li diritti ‘n ce sò più…
E sto paese…ruzzola giù-giù…
ché qui – der “giusto” – ‘n se ne parla più!

Armando Bettozzi

Published in: on luglio 28, 2017 at 07:01  Comments (3)  

Roma…che te succede…Roma…?

Tu nu li stai più a règgeli, li moccoli…
E è da ‘ n ber po’! oramai…Che te succede?
Te sei così cammiàta…’N ce se crede!
Forze è che ‘n c’è più chi te se còccoli?

O è che…n ce stanno moccoli da règge?
Fortuna, a mme quer giorno me l’hai retti
e ancora sto a godémmene l’effetti…
Ma a queli, mo’, de mo’…chi li protegge…?

Chi je la dà ‘na mano…Nun vòi pròpio?
Che stai a ddì?…Sei demoralizzata?…
Gni vòrta…ciaschiduno…è ‘na tranvata…
Stai come chi cià avuto un quarche spropio?..

E tutti li casini che ogni ggiorno
te tòcca a sopportà…?…Eh!…te capisco…
Chiacchiere…assai!…Ma è solo e sempr’er disco
de sonatori che gne frega ‘n corno!

Eh, ssì!…Eh, ggià!…Si ciai raggione, Roma!
Cell’hai a sprofusione! Sii dannato
chiunque te fa stàtte nde sto stato
che si nun passa…te se port’ar coma!

Ma nun sia mai!! Roma, fa’ quarcosa…
Nun so che cosa…Invèntetela te…
Co chi dovrebbe fà, ma…penz’ a ssè,
‘ncomincia a ffàtte…assai più irispettosa!

Armando Bettozzi

Published in: on luglio 16, 2017 at 07:35  Comments (3)  

Chi ‘n capisce…Chi nun sa…

C’è chi ‘n capisce de ‘n capì…ma inzegna
C’è chi ‘n capisce proprio…Ché…c’è nato…
Ma er peggio è chi ‘n capisce e sta ar senato,
e è ggènte strapagata, la più indegna.

C’è chi nun sa ‘na mazza e… spiega tutto;
se crede ‘n padreterno…E è ‘n pòro scemo.
Ma puro noàntri, a vòrte, ‘n distinguémo,
facènnoce, così, fregà de brutto.

C’è chi ‘n capisce…e a vòrte è puro mèjo:
così ‘n se sente cresce…er bòzzo in fronte…
C’è chi capisce troppo…e ggiù da ‘n ponte,
lo bùtteno, ché guai! chi è troppo svéjo!

C’è chi nun dice ‘n cacchio ner discôre,
ma a certi je sta bbène e je conviene.
Ché più sa incasinàcce e più je viene
un quarchecosa…a llui e ar su’ gestore.

Evviva chi sa ddì che nu’ è ‘n saputo,
ché questo è già ‘n bòn segno d’onestà.
Ch’è quer che manca a chi, a sta società
la vò tiené incollata co no sputo.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 30, 2017 at 07:48  Comments (3)  

Ho visto Lara

Nel bianco grande spazio dei desii
scivola come treno nella steppa
un sognar che alla meta punta dritto
senza mai intramezzar fermate alterne.

In questo andar mio senza – in apparenza
scosse – calmo e irrequieto vo viaggiando
nel rimbombo d’incompiuto silenzio
e soltanto ombre scorgo tra le nebbie.

Senza sobbalzi sulla via allisciata
scorriamo bucando l’aria di ghiaccio
finché d’un d’essi ecco un raggio di sole…
E piano, piano l’occhio a quel s’abitua…

Oltre, son già tutti in fiore, i ciliegi…
Vermiglie rose fanno da tappeto…
Guidano dove un’ombra è messa a fuoco.
Un sussulto…Vedo Lara, che aspetta…

Intanto, ho scritto per lei una poesia…
Raccolgo una rosa, e i doni le porgo.
Per me i suoi biondi capelli ha già sciolto…
E la primavera ci fa da alcova…

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 14, 2017 at 07:25  Comments (4)  

Nuova messe di premi

E’ tempo di raccolto, e il Cantiere ci offre una nuova messe di premi! Ho il piacere di comunicarvi che ieri sera 10/6/17 ad Abano Terme (PD) si è svolta la cerimonia di premiazione del XII Premio Letterario Nazionale “Voci Città di Abano Terme” nell’ambito del quale tre nostri amici poeti hanno conseguito prestigiosi riconoscimenti: a Santi Cardella sono state assegnate la Menzione d’onore per la poesia in dialetto “U gira soli”  ed il premio speciale della giuria per la poesia in metrica “Rinuncia a evadere”, mentre ad Armando Bettozzi è andata la Menzione di merito per il brano “La befana de oggigiorno” per la poesia dialettale e a Piero Colonna Romano la Menzione di merito per la poesia in metrica “Punta Buonfiglio a Manarola”. Nel proporvi qui di seguito i brani vittoriosi vi invito ad un applauso per i nostri valenti amici con l’augurio di proseguire brillantemente nella loro carriera poetica!

§

U gira soli

Sicilia, ’nta ’n’aricchia t’aiu a parrari

d’un misteriu ca tegnu dinta o cori

fattu ca nun mi fa cchiù arragiunari:

dunni va ’u suli quannu scinni e mori?            

S’ammuccia nicu nicu ’nta li grutti

di li vulcani sparsi sutta ’u mari,

astuta a luci e nni fa fissa a tutti

ca arristamu alluccuti a talïari?

Ma doppu comu fa ’stu schifïusu

a spuntari ’nto cielu sbarigghiannu

supra i pissiani dunni sta Maria?

e dda mi lassa stupitu e cunfusu

quannu s’affaccia tenniru e cantannu

sutta a li cigghia di la bedda mia!

Santi Cardella

§

 

Rinuncia a evadere

In tutto il mondo non esiste un fiore

cui la bellezza fugga dallo stelo,

ma il tuo sorriso provoca un languore

che nasce in terra e va a fiorire in cielo.

Come brezza che spira sulla pelle,

tu accendi il fuoco e fai sognar le stelle.

Fior del passato e fiore di stagione,

colore del mio astro preferito,

i tuoi begli occhi sono una prigione

in cui la detenzione è il premio ambito.

Hai il fascino d’un bosco sempre verde

nei cui sentieri l’anima… si perde.

Santi Cardella

§

La befana de oggigiorno

Puro oggi, la Befana è pe la cappa
che porta a pupi e fanelletti bbòni
li regaletti, e subbito, poi, scappa
delusa ner vedé tante quistioni

che proprio nun s’appiàneno pe gnènte,
e che la peggio è che oggiggiorno, ormai,
de lei se sta a scordàsse, tanta ggènte…
che prima, si ‘n vieniva…mmmh! ‘n sia mai!

E mmo’, pe tutt’er bene che cià ffàtto
(che a tutti cià voluto e ce vò! bbène)
èccoje er grazzie de sto mônno matto
che nu je frega più si viè…o nun viene.

Ma nun badàcce…nun te la stà a prènne…
Ché quella è ggènte poveraccia e basta!
Che penza che a stà senza le leggènne
se vive mèjo…Ma nu’ è più intusiasta!…

E si uno nu’ è intusiasta…è guasi morto…
Vòr dì che se stracina…ma nu’ è, vivo;
e che la pagherà, ché a tajà corto,
nun cià anticorpi contro er corosìvo.

Armando Bettozzi

§

Punta Buonfiglio a Manarola

Il cielo brilla ed è quieto il mare,

ascolto l’onda carezzar gli scogli,

riflette l’acqua verdi colli e cogli

di quella pace il lieve respirare.

 

In quel silenzio cerco il mio riposo

e trovo calma ed ho sereno il cuore.

Lieve una vela va senza rumore,

trasporta sogni che sognar non oso.

 

Si svaga la mia mente nel turchese

e le speranze mie son sempre tese

a viver di quiete tra quell’onde,

 

lo sguardo affonda dove si confonde

del mar la linea con l’azzurro velo,

sospeso è il tempo e nulla pare vero.

 

Salso respiro e nel profondo scende

la grazia dell’incanto che mi prende.

Piero Colonna Romano

Published in: on giugno 11, 2017 at 09:07  Comments (11)  

Er cartellino e li furbetti… E li furboni!

Ma veramente, qua er più gran probblèma
sò er cartellino, e tutti li furbetti?
Vòr dì che stanno tutti a pìà pe scema
la ggènte, queli messi a ffà l’addetti
a amministrà, e a governà giustizzia,
lavoro, economia, invasione, e er resto!
Sì! déveno affossàlla a la furbizzia,
però gne deve diventà ‘n pretesto
pe llassà perde cose più importanti…
E cioè…sempre l’istésse de anno, in anno.
Ma fanno finta de ‘n sapé…E ‘n va avanti!
sto carozzone sempre più in affanno!
Ché…àrtro! che a st’ appresso a ‘gni furbetto!…
Che tante vòrte, si va a ffà la spesa
potrebbe anche dipènne dar capetto
che nu’ je dà ‘r lavoro…E quanto pesa…!
ar dipennènte a stà senza fà gnènte
pe giorni e giorni…Ché er lavoro
lo dànno a queli esterni…ar consulente…
Però nisuno se la pìa co llôro…
Ma pe li casi…tipo all’ospedale,
li furbi vanno presi…e impacchettati…!…
Perché nisuno pò scherzà côr male
dell’ammalati che nun sò curati!
E poi…C’è n’antra considerazzione:
l’assenteisti a ortrànza in parlamento,
-che arùbbeno a sto popolo frescone –
che fàmo…? Pònno fàllo a piacimento?!
Oppuro vanno presi…e…allontanati…
Che…àrtro che ‘na murta! Che a chi tòcca
li fa sortànto ride sganasciati!?
Ma arméno se tappàssero la bbôcca!
Che tanto! hanno sfottuto li tornelli…
Ma mo’, quarcuno che s’è illumminàto
st’a ddì ch’era no sbàjo a ‘ttacc’a quelli…
E che – anzi! -…qui va tutto tornellato!
E infn’a qui sò solo…fregnaccétte…
Ch’er fatto ch’è drammatico davéro
è ch’er marciume, qui, è ‘r sistema intero!
Che…àrtro! che a tiràje le freccette!…

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 28, 2017 at 06:59  Comments (3)  

Puttana per amore

“Se c’è ci sta, e se non ci sta non c’è”…
Dicevano così di Maria Rosa
al civico diciotto a Via del bacio,
con sufficienza, anche con cinismo,
i giovani e non solo, lì a bussare
per quell’amor che lei usava dare,
per niente o quasi…e a volte proprio niente.
Non c’era tra gli “AAA” di allora,
del Messaggero e neanche del Corriere.
Bastava quel tam-tam passa-parola
a provveder la fila giù al portone,
che ad ogni ora dava il bel da fare.
E lei porgeva candide mammelle
tra il rosso dei gerani al davanzale,
per invitarli a turno alla sua alcova
di povera ragazza abbandonata.
Bastava a volte qualche pastarella,
le calze d’etichetta anche scadente.
A una poesia offriva pure il cuore.
Ma i quarti d’ora che lei regalava
eran sublimi più delle “alto bordo”
poiché ognun se lo stringeva al petto,
sforzandosi d’immaginar che fosse
quel lui che…innamorò…e la gettò via…

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 9, 2017 at 07:25  Comments (5)  

Quanto di bel stasera sei vestita

Quanto di bel stasera sei vestita,
che dea bellezza d’affacciarsi sdegna!
Degna sei tu a vincer la partita
di chi tra voi è di beltà più pregna.

Come l’artista nella tela segna,
-mio bell’incanto, stella mia fiorita –
il cuore mio la mente mia impregna
di te per quando, pur, sarai partita.

Quest’io faccio, ora nel guardarti,
che in me, tale bellezza che commuove,
voglio tenere…per mai più scordarti.

La pelle tua lisciar vorrei…palparla…
Sentir con te che tutto mi si smuove,
e tanta dolce smania in te affogarla.

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 22, 2017 at 10:31  Comments (5)  

Vorrei farti sbocciar, bel fiorellino

Vorrei farti sbocciar, bel fiorellino,
su un prato tutto verde e ben curato,
tutto innaffiato, e sempre ben pulito,
con l’ombra giusta e il sole ogni mattino.

Col buon concime adatto e genuino,
con verdi mani che amorevolmente
curano il giaciglio e per te, lor vanto,
fan sì che la tua terra stia a puntino.

Con chi sa liberarti da infestanti
per farti crescere in ambiente sano
e che i nocivi insetti, che son tanti

li caccerebbe…E per più sicurezza,
s’opporrebbe all’insorger del pantano.
Per dare al viver tuo giusta pienezza.

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 5, 2017 at 07:04  Comments (4)  

Quel goccettin di vin che bevo

Quel goccettin di vin che bevo
cacciando va il magon pian, piano.
Mi siedo intanto sul divano
e un po’di peso già lo levo.

Il micettin che m’aspettava
su quel divan di già sta steso.
Or dalle fusa è tutto preso,
restando steso, come stava.

E poi il mio bel micin s’appressa…
Sornion, piedin-piedin s’adagia
-che neanche fosser di bambagia –
sui miei ginocchi…La badessa!

Poi, lenta lenta s’addormenta…
E lento m’addormento anch’io.
Subito entro nel sogno mio,
e niente più or ci tormenta.

Quel calmo suo fusar ci ninna,
me con lei in altra dimensione.
Dove ammesso è nessun magone,
e sol si beve…il buon liquor di zinna.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 21, 2017 at 07:46  Comments (3)