Pure quando starò in una tomba

Pure quando starò in una tomba!…
Visto il tanto timore e il rispetto,
il suonar di grancassa e di tromba,
e il veleno che circola in petto

a chi spera ch’io presto soccomba;
quanto tutto di quello che ho detto
è “preso”!… pur se già maledetto…;
e di me quanto l’aria rimbomba,

d’ogni lato, nel bene e nel male,
e ancor oggi io sto qui… qui a contare…
a riempirne un programma…un giornale…

vorrà dir pur qualcosa: che cosa?
Che la storia mi sta a scritturare,
contro ogni urto d’ogni onda invidiosa.

Armando Bettozzi

Annunci
Published in: on settembre 11, 2019 at 07:21  Lascia un commento  

Prima del giorno dopo

Prima del giorno dopo
tutto si poteva…
Così, modestamente la speranza
diceva
o l’insensato sogno
o il furbo inganno.

E il nuovo giorno, poi, con sé portava
d’ogni sentire…un nuovo rinnovarsi.

Soltanto a volte
portava un po’ di…fatto…
Ma mai portava un…fatto tutto intero…
e che ben fatto, soprattutto, fosse.

Prima del giorno prima
il sole, illuminava….
Poi, prima del giorno dopo s’oscurava…

E adesso,
ch’è un po’ prima dopo…e un po’ dopo prima
c’è solamente un pizzico di rima.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 26, 2019 at 07:28  Lascia un commento  

Se cadrà il governo

È lui! È lui! È lui che rompe il patto!
È lui che in questi giorni va di matto!
Se poi…! Se poi..! Se poi cadrà il governo
la colpa è tutta sua! Mio è il costerno!
Io batto! Io batto! per terra i miei piedini,
così, come san far solo i bambini!
Vedete! Vedete! Vedete mi ricatta!
Lui vuole far! io no: mai! quella tratta!…
M’impunto! M’impunto! M’impunto…son di coccio!
Perciò tutto il progetto glielo boccio!
Seppure! Seppure! Seppure è incominciato!
Non solo: – è già da tempo finanziato! –
Seppure! Seppure! Seppur dovrem pagare
enormi multe! senza traforare!
Chi meglio! Chi meglio! Chi meglio sbatte i piedi!
Nel mentre i sorrisetti, fò…li vedi?…
I conti! I conti! I conti parlan chiaro!
Li ho fatti fare a un modo un po’… da baro!
Ci ho messo! Ci ho messo! Ci ho messo…fantasia:
No treni!…Tir!..E inquinamento, sia!
Lavoro!? Lavoro!? Lavoro?!…Embeh…già manca…!…
E chìssene se cresce…e c’è chi…arranca!
D’altronde! D’altronde! D’altronde è <in alleanza>
che il “reddito” c’è “di cittadinanza”!
È chiaro! È chiaro! La TAV non s’ha da fare!
per quella ciurma mia d’accontentare!
È solo! È solo! È solo per puntiglio!
Ma se non mollo…i voti…li ri-piglio!

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 14, 2019 at 07:06  Comments (1)  

Lupi solitari

Sarà anche “solitario” finché vuoi…
Ma pur se essendo “solo”, lui m’ammazza
me ne deve fregare…qualche…”mazza”,
e devo consolarmi con quei suoi

problemi esistenziali…? Per cui spari…
mazzate…botte da orbi….coltellate
fan meno male…Dico: che cianciate!
Che sia “inglobato” o “solo” …. il danno è pari!

Di lupi il branco dentro il bosco fitto
dà più timor di quello che dà “UN” lupo?!
Macché!… Se io non ho difesa, cupo!
è il terror mio per quel che mi vien dritto!

Terror pur sempre è…a che, nascondere…
Per non tremare troppo…e tremar meno…?…
Che sia tanto, o poco, ‘l forte veleno
uccide e basta!…Importante è non bere!

E più importante è far che non si mesca
il mortale veleno al desinare
sempre – perciò – più occorre controllare
con spesse lenti…pe’ estirpar chi…tresca,

per far che secchi il seme che dà vita
al frutto della morte
sempre insita, finché una strega invita
ad ingoiar…la mela malasorte.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 5, 2019 at 07:21  Lascia un commento  

La verità

Questo è quer che se pò ffà…
Più de questo nun se pò!
E d’artrônne – a quer che so –
stàmo qui per imparà…
Nun ve state ad eccità…
Nu spreméteve er ciarvèllo
a inventàvve questo…quello…
Ntanto, noi, restàmo qua!
N ve sta bbène? Embeh…se sa…
Ma – però, più ciattaccàte,
più viè fòri che cercate
solo de vienì – voi! – qua.
Nun pò èsse…nun pò stà:
chi l’Italia vò difènne
cià un nimico che pretènne
de potéllo martrattà…
ché – sta a ddì: “Sta … a cavarcà
questo…quello…l’ônne…er mare…!”…
Ma…pò èsse?…Ma te pare…?
Chi sta a ddìllo! Lo sta a ffà!
“Propagànna!…” stann’a urlà…
O…è quer che fanno loro
che se merita quer…coro,
senza se…e senza ma…?!
Visto che àrtro ‘n sanno fà
si no spènnese sortanto
pe ‘n proggètto – un loro vanto –
de fà smòv’er mônno, qua!
E a chi prova a limità
tutto quer che c’è ammischiato,
quello è un orco e va cacciato
ché nun deve governà!
La politica…se sa…
è na cosa compricata…
va capita…criticata:
scéji quella…che te va.
Ma c’è sempre chi ‘n ce sta,
che vò impone quer che vò:
“S’è votato!…” “Embeh?…N ce sto!”…
Questa qui! è la verità!

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 22, 2019 at 07:49  Comments (2)  

Addio Italia!

Questo è l’unico vero successo
d’un paese rimasto in regresso
e che crede che fare un congresso
porti il popolo a avere un…amplesso.

L’ <invasione> ne stan sobillando:
“Dai, venite! Vi stiamo aspettando!”
Nel frattempo noi stiamo sfasciando
il paese, che sta…spopolando.

Qui si vive – o si muor – (quel che sia),
di cancrenosa-burocrazia,
che nessun, mai, cacciar vuole via:
è un manicomio!…è una follia…!…

Ti stan facendo con noi ostile
-tu ch’hai insegnato al mondo lo stile! –
Pecore…spinge via dall’ovile
la tua vergogna, Italia servile!

Che maledetta sia l’opinione
di chi ti vuole…giù a pecorone.
Maledicon! Le nostre persone
spinte al lavoro in altra nazione.

Piace, per dir: “Vedete, anche noi
migranti eravamo, e ora, e poi…!
Bella Italia…ai dimenticatoi…
Vecchi…sol, buoni…pei crematoi.

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 11, 2019 at 07:40  Lascia un commento  

Bettona…non morire

Che capita, ai begli occhi tuoi, Bettona

che sembran tristi, stanchi e sonnolenti?

Forse è il pensar a ognun che t’abbandona

pur se di restar eran gli intenti.

Come persona sei, mansueta e buona,

che mano a mano va perdendo i denti,

rassegnata…Ma tutto questo stona

con la tua storia di esiti vincenti.

Ti vedi mutilare pezzo a pezzo:

la scuola, già, e adesso anche la banca,

perfin la Posta…Priva d’ogni mezzo

ti lasciano intristir, paese amato.

Non avvilir…reagisci…A te non manca

la forte fibra di chi assai ha lottato.

 

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 1, 2019 at 07:21  Lascia un commento  

Er modo nostrano

Chi ancora nu lo sa…se pò confônne
sentènn’ a parlà a ‘n modo …rusticano…
Se pò penzà ch’ è un inzurtà nostrano,
uno se pò offènne…Embè…oddio…dartrônne

sentènn’ a ddì “Mortacci tua!” – pe ddì –
è facile a fraintènne, ma nu è ‘r caso
de fàlla lunga…e ffàsse rode er naso,
ché tra romani se usa a ffà così!

È er modo nostro de fà un comprimento…
de salutà un amico…a un modo antico
e più sò “li mortacci…!…”, e più è amico,
e a nun dìjelo … ‘n sarebbe contento.

Sentènn’a ddì: “sta a côre come ‘n sorcio”,
pe ddì de ‘n giocatore che va in porta,
li soliti sò stati a ddì na scorta
de accuse tanto sceme … Ma qui, accorcio,

tàjo propio!…che si me mett’a ddì
de accuse inventate (che mo’ è de moda)
senza davéro nè-capo-né-coda,
‘n so mica ndo’ se pò arivà a finì…

Ma pe conclude, è mèjo a pecisà:
dì “li mortacci…!” a chi ce vòle male
diventa parolaccia – ed è un normale
rispônne a tono a chi ce fa incazzà.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 18, 2019 at 07:19  Lascia un commento  

Er posto fisso

C’era ‘na vòrta…e adesso ce n’è meno
ch’è un meno che côr tempo aumenterà
finché propio der tutto sparirà
-er Posto Fisso -…diventato…osceno…

Saranno guai sortanto a nominàllo!
Na legge! Ce starà pe garantìllo!
Che manco lo potranno mai capìllo
li giòveni…e figùrate a cercàllo…!…

Saranno le…”generazzioni senza”…
Che, nun sapènno, nu lo cercherànno,
ché manco a scòla je ne parlerànno…
pe via de na forzata reticenza!…

È stato er sogno che cià preso a tutti
e prima o poi a tutti s’è avverato
-o guasi -…Ma un giorno fu dichiarato
fòri-legge…aprènno a tempi brutti…

Senza più er bèr sogno…Pòri regàzzi!…
Però ner diènne-a sta inciso a fòco,
e certo riciccerà…a poco, a poco…
senza mostràsse…pe n creà imbarazzi…

Si sentiranno addosso na stranezza
li giovinòtti, senza na raggione
si nun sarà pe amore, n c’è quistione:
quer sogno è! che … a ffà er morto…n ce s’avvezza!

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 6, 2019 at 07:16  Lascia un commento  

L’ospite ammodo

Natale…?!…Ma n sia mai!…Gesùmmaria!
N vorài mica stà a offènne a tanta ggènte
côr solito presepio…E ‘n sii ‘nvadente!
Che ce costa a ffà…’na galanteria!?

Si ner vedéllo, all’ospite je pìa
lo stato d’anzia…E in più, er sempre presente
tizzio bbòno nostrano s’arisénte,
ché de tutto – de qui – cià antipatia?

Sinnò…pòi èsse preso pe…sguastista…
Ma chi te lo fa ffà…Ma lascia stà!
Ce vò rispetto! Pe ospite e bonista!

Ringràzzia che te fann’ ancora fà
pe la viggija er cappelletto in brodo.
Questo, è!…si vòi èsse <ospite ammodo>!

Pe la Befana….càmmia quarche cosa?…
Ma…n t’abbasta che anche a Piazza Navona
n ce sò più li presepi…e che mo’ è zona
ndo’ n c’è più quela bell’aria gioiosa?!

‘N dovremo mica fàlli de nascosto?!…
Come quànno Diocleziano e Nerone
voléveno ammazzà la religgione,
co tanti sbranati…’nchiodati…aròsto…?!…

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 20, 2019 at 07:07  Lascia un commento