La resurrezione di Gesù

Son tre giorni che Gesù Cristo è morto:
una volta spirato fu schiodato
e tra il grande dolore e lo sconforto
nel sepolcro fu messo e sigillato.

Ma il creator della vita ora è risorto
ché Dio Padre giammai l’ha abbandonato
ed insieme hanno già rimesso il torto
anche a chi a quella croce l’ha inchiodato.

Sono gli angeli a darne la notizia
alle donne che andavan con gli unguenti…
E che invece han trovato una letizia

senza pari…era morto sul Calvario…
ma la morte l’ha vinta, ed alle genti
ha lasciato il suo viso in un sudario.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 25, 2021 at 07:17  Lascia un commento  

Un canto sembra scender giù dai monti

Un canto sembra scender giù dai monti,
e per le valli par che si diffonda.
Col sibilo del vento si confonde.
è degli alpini il coro, quando al fronte
salivano coi muli e le mitraglie,
la penna nera, e i lor sommessi canti,
per cacciar via invasore e i suoi affronti,
e avere in cambio, forse, una medaglia.
Di su le cime guardano il Paese
che non sa più nemmeno quel ch’è stato…
di quanto sangue, allora fu investito
per una Patria libera, e coesa.
Quanto, oramai, di quei valori resta?
Se l’ascoltasse ognuno, questa eco,
che echeggia ancora, e dà la pelle d’oca,
sarebbe verso essa – almen! – più onesto.

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 12, 2021 at 07:49  Lascia un commento  

Seguendo la scia al contrario

Mondo che non sei più tondo
e neanche quadrato sei più
ma soltanto massa informe sei
perché eri bello e ti voglion brutto.

Apriti, mondo come un pozzo…
Come fa un vulcano come quando si apre…
Come un terremoto che spacca tutto…
E ingoia chi vuol stravolgere la tua terra e il tuo mare!

Chi stravolgere vuole il pensiero…
Chi vuol distruggere la tua anima…
Il tuo credo … la tua tradizione … il bonsenso … l’arte…
Tutti quelli, ingoiali nel tuo pancione di fuoco.

Solo passeran le svogliature
quando le stranezze avran coperto tutto
e l’anormale vorrà tornar normale.
O, gravida la bolla di sapone scoppierà!

Armando Bettozzi

Published in: on giugno 9, 2021 at 07:49  Lascia un commento  

Poeta di concetto

Son stato un impiegato di concetto.
‘Poeta di concetto’, pure, sono.
Ho in odio quei che mancan di rispetto;
di chi si dice buono, son più buono.

Combatto chi … governar vuole e è inetto:
bugie ne canto, e falli, e lo canzono.
L’informazion di parte la rigetto.
Cui mai, finché potrò, sarò io prono.

Ché son patriota, e amo il mio paese.
E libero, lo voglio, e rispettato.
Amo il buon senso e no il politichese.

La mia famiglia amo, e il mondo intero.
Che nel bisogno vero va aiutato.
Rispetto chi rispetta il mio pensiero.

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 26, 2021 at 07:29  Lascia un commento  

Er teatrino

Ma quante vòrte che me cià portato
mi’ padre ar Pincio a véde quer teatrino
de crete, pèzze, fili e fantasia…!

Restavo a bbocca operta ‘ntusiasmato
a stà a guardà e sentì ‘gni burattino;
ridevo e nun volevo annà più via.

Stàveno sempre a pìasse a bastonate
li burattini, e a queli malandrini
je dàveno ggiù…Càcchio! che sonate!…
E je piaceva a granni e regazzini.

Calava er siparietto, e in quer momento
te ce sentivi proprio assai contento
che er pupazzetto bbòno aveva vinto:
mo’ ce lo so perché: perché era finto!

E invece, mo’, er teatrino ce lo fanno
pupazzi tutti griggi, in carne e ossa….
che de continuo sbajeno ogni mòssa
e ad ogni sbajo noi pagamo er danno,
edè tarmente pieno de magagne,
che si uno ride,è…solo pe nun piagne.

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 11, 2021 at 07:27  Lascia un commento  

A spasso con l’ombrello

Anche andarsene a spasso con l’ombrello
pur se ha di brutto, ha anche assai di bello…

Non certo quando cade giù arrabbiata,
ma quando è pioggerella moderata.

Guarda il bagnato sull’asfalto nero
quanto riluce! splende, per davvero!

E sembra che ci sia più intimità
che per le stradeè più che rarità.

Eè musica l’andar, col ticchettio,
‘l frusciar, e, nelle pozze, lo sciacquio…

Va per il naso quell’odor di fresco!
Eè proprio per assaporarlo, che esco.

E muta, il cielo: quando un po’ rischiara,
e quando s’ingrigisce e di più…spara.

L’ombrello or pende qui…or pende là…
pel verso che alla pioggia il vento dà.

E quando troppo soffia, occor frenarlo
con piccole manovre: ognun, sa farlo!

Ci son gli schizzi delle ruote in corsa…
Allora,è nell’ombrello, altra risorsa:

lo abbassi giù a fare il paraschizzi
e se non va…a casa, i panni, strizzi…

Ma prima, mandi un …bell’augurio al tizio
e pure questo, può essere uno…sfizio!

Ma sì! Che belloè andare con l’ombrello
pregando che ritorni il tempo bello!

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 25, 2021 at 07:03  Lascia un commento  

Che pulentata…!

Beh…visto che a magnà sò sempre loro,
sortanto loro infino a strafogàsse:
politicanti&affini…che er decòro
je s’è sdrucìto fino a scancellàsse,

che più li sto a sentì, più me ciaccòro,
me viè a le vòrte de penzà ar da fàsse…
Me viè ‘sta matta idea e me ciàccaloro:
che er popolo, co quele …vacche grasse

ce facci ‘n’abbuffata de pulenta!
Se pìa ‘n paiolo grosso, grosso, grosso…
se métteno giù drento…e a fiamma lenta,

se còceno…girànno e riggirànno
côr mestolone infino a squjà ll’osso…
Ma…in quanti!… ‘i baffi, stanno già leccànno!!…

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 9, 2021 at 06:55  Lascia un commento  

San Valentino

 

San Valentino, dacce l’occasione
De avé na vòrta ne la vita
Quer senzo de felicità infinita
Che un granne amore pieno de passione
Sa dà a chi vò provà quell’emozzione
Che arimarà pe sempre accustodita
Ner còre, come na quarsìa pepita
È messa in cassaforte, a protezzione…
Così lei resta llì na vita intera
Pe ffàllo stà ar calluccio ogni momento
Quer còre, e si è che schioppa na bufera
E ce se trova immèzzo, è proprio allora
Che lei è più che mai ‘r medicamento
Che in quer gran buio fa sortì l’aurora.

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 26, 2021 at 07:26  Lascia un commento  

‘Na cosetta fina

Perché venìsse ‘na cosetta fina
per capà bbène quelo che se bbùtta,
ce vorébbe ch’ogni azzionàccia brutta
più prima d’anniscònnese in cantina,

o sciacquonàsse via pell’acque nere,
o èsse ripassata e già scordata
in quarche notizziario de giornata,
vienìsse inforconata su un bracére

pe’ ffàlla abbrucià tutta la nottata
e “illumminà” er ciarvèllo de la ggènte.
Ma infin’a qui, ‘n sarebbe ancora gnènte…
La cenere, che puro va buttata

sarebbe ricca e bbòna colazzione
pe’ er galantòmo de quell’azzionàccia…
Dovrà mannàlla ggiù sotto minaccia
de annà a finì più pèggio de ‘n barbone!

Così, che l’aria, ar solito ‘nzuppata
de cattiverie e nefannézze varie,
s’aripulìsce tutte l’urticarie
che stann’a ruvìnàcce ogni giornata…

Artro che ambiente, allora!…Artro che ambiente…!…
Ma quanno potrà mai trionfà così
‘st’ecologgìa incapace de smartì
lo schifo a vista…Penza er trasparente…!…

Armando Bettozzi

Published in: on marzo 10, 2021 at 07:29  Lascia un commento  

Bonismo

Bonismo è quella cosa
che fa esaltar chi l’pratica.
Bontà bisunta e appiccicosa,
che ‘l più spesso è assai manipolata,
pe’ oscuri scopi spinta e guidata.
Sceglie con chi esser generosa…
Psicosi sistematica
di massa, assai costosa.

Stranieri annaffia con rovescio imbuto.
Ma a chi ha bisogno qui…nega l’aiuto.

Ben s’apparenta a fanaticheria:
chi ne fa parte è una persona pia;
chi n’è fuori è invece…oltraggiosa e ria.

Farcita è di bugie fin’all’eccesso
sia fuor che dentro il pubblico consesso
e rende un bel paese…un brutto cesso.

Armando Bettozzi

Published in: on febbraio 17, 2021 at 07:31  Comments (1)