Parentesi ( ) [ ]

… perché nel recinto del tempo si allevano paure come pollame da macello?
Paura di volare verso il firmamento.
Paura sospesa nel dormiveglia
demone
mascherata da angelo.

Paure nuove
attorcigliate da ghirlande di crisantemi
Paure indefinite, acque scontrose.

Paura arricchita
pulsante
che filtra nella sera deserta.

Paura d’oltreoceano sulle reminiscenze
Paura di latta, scarlatta o
spessa, come la pietra.
Paura scottante, scomposta, poco distante
crudeltà primitiva…

(non “gettare la spugna”mai)

Aurelia Tieghi

Published in: on gennaio 12, 2020 at 07:18  Comments (1)  

Blanda risacca

Blanda risacca
goccia sulla bocca
sale nella lingua
dentro una folata di verbo serale
Imminente
una foglia caduca
dal volo finale
che dispiega la linfa
invitante.
Chissà
forse potrò
sentire ancora
un riversare
di cascata
ispirata
dal fondale
ri-verso nel mare
un fiume di poesia…

Aurelia Tieghi

Published in: on dicembre 22, 2019 at 06:53  Comments (2)  

Uragano e alberi

alberi

fortezze frangivento

con radici sempreverdi

nei litorali di salsedine

ancore avvinghiati a

dimore di semi sparsi

linee vegete fra correnti di tifoni

alberi colmi di marosi

insinuati nella terra

Pioppi rossi sui cipressi neri

muraglie, contro il mare del tempo…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on dicembre 12, 2019 at 06:53  Comments (2)  

Canta

fiume-lao_2_small_opt

Canta adesso semplice foce

canta il miracolo dell’acqua

prima che cali il sogno!

Canta adesso

ruscello della gora

canta ora nella gola!

Canta adesso

goccia sulla carta

canta ora, saziami!

Canta adesso

esausta speranza

canta ora, onda illusoria

cantami, un’altra storia! 

 

Aurelia Tieghi

Published in: on dicembre 4, 2019 at 06:50  Lascia un commento  

Tramonto

Amore

il giorno di fuoco sembra finire in te

in un alone di luce

Nel tramonto appari sfumato

come il profumo emanato dalle colline

Così inciso in bottiglia d’elisir

superi i nostri giorni eccitati

mentre pian piano

l’orizzonte lontano

t’inghiotte nella notte…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on novembre 27, 2019 at 07:40  Lascia un commento  

Autunno

spalanca pure i tuoi cancelli 

che possa rivederti ancora

con i colori dell’acqua sulla terra cruda

con i semi dei giorni profondi come il mare

con ombrelloni grigi nell’oro del sole scolorito

So che mi regalerei

un lungo sospiro di stagione

ore impilate nelle maglie della sabbia

Autunno

vedo il tuo corpo ossuto tra i marosi

che scrolla l’ultimo giorno estivo…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on novembre 19, 2019 at 07:36  Comments (1)  

Sole

Abbasso gli occhi

o mio sole, oggi

bruci le ciglia

sei così vivido

nudo

inebriante

mi nutri

mi sazi

ma non riesco a fissarti

ho palpebre stanche

e pelle ondulata

m’acceca la troppa luce…

sei come una ventola esplosiva

corri col vento e batti al centro del mio petto

ora qui davanti a me

stella danzante o poesia tu sia

in inverno, sfiorandomi la bocca

o al primo pensiero d’estate mattutina

quando vena di te come un girasole

ti dono l’antico riguardo

d’amore.

 

Aurelia Tieghi

Published in: on novembre 12, 2019 at 07:34  Comments (4)  

Gelsomini

attesi germogli nascosti dalle foglie
ora rubano all’eterno
l’invadente vestito del mattino
a perdifiato s’allungano
in giardino, volano
riflessi opalini su capitelli assolati
gesti dolci dell’odore
scultore vigoroso nel risveglio delle api
balsamo
a pronunciare, preveggenza di terra…

Aurelia Tieghi

Published in: on ottobre 30, 2019 at 07:28  Comments (1)  

Strada

Strada
aspettami
arrivo da te
ad ogni ventata sconfinata
mi togli quel non so che
quell’affanno

L’azzurro e il mare ti affiancano
affetto e passione vincono
Corro spesso là tra
i sogni agognati, illuminati
come presepi

Strada
ti rincorro innamorata
sopra quella volta inebriata
dalla tua meta.

Aurelia Tieghi

Published in: on ottobre 12, 2019 at 07:09  Lascia un commento  

Chiedo

chiedo un ponte
per innocenti
nella giusta posizione
un ponte dei miracoli
per non spiegare le ali
un dio dell’assistenza
una mano grata
uno stabile cavalcavia
dove scivoli la via
della sicurezza umana

(E’ CHIEDERE TROPPO?)

Chiedo una via vera
una giustizia
una preghiera
per non inciampare
nel dolore…
(non ho più parole)

Aurelia Tieghi

Published in: on settembre 19, 2019 at 07:22  Comments (6)