Maga

Se fossi… se fossi… ad esempio; una maga

farei fiorire

amore

in ogni cosa

su ogni scorrimento

dal tetto al pavimento

ai cuori

alle guerre

alle terre spezzate

dalle bocche affamate

per ogni bambino

un lampione acceso vicino

il lungo dito magico sarei

tocco di pane e pace…

Sotto l’azzurro cobalto

con il pianeta in movimento

darei il verso giusto al tempo

manciate di stelle e frutti

serene profezie a tutti

“Musiche chiare

muovete le ali sui mari tra i flutti!”

profumi dolci, conchiglie dorate

ricchezze senza crucci!

Appari… qui

abracadabra!

scia del vento che completi le parole

sulla via che corre

alla magìa

alberi immortali maturino

con palme di poesia

per stroncare lungo i viali

i pregiudizi razziali

e attraverso la strada delle gioie

non ci sia più avarizia

s’alzino tra le impronte

abbracci d’amicizia!

 

Aurelia Tieghi

Annunci
Published in: on giugno 25, 2019 at 07:46  Lascia un commento  

Plancton

Oggi nuoto nel tutto
del plancton fluorescente
luminose scie
piacere della mente
climatizzano il bagno
alla veemenza.
Mi coprirò di squame!

Aurelia Tieghi

Published in: on giugno 17, 2019 at 07:37  Lascia un commento  

I mille perchè

 

Qual’ è la forza che ci tiene—–che sostiene, l’immensità dello spazio?
Una ruota, come fossimo nel cerchio di hula hoop primordiale
Ruotano i mari ————ruotan terre, soli cuori, alberi, fiori
Venti solari condensano———mille atmosfere aurorali

Ci si chiede perché —-come siano possibili tali esistenze?

L’universo—————–è un grande cerchio d’amore?
O solo l’inferno di stelle che esplode——implodendo?
Forse, unicità magmatica o—sfera vitale e devastante?
Mai si saprà l’inizio, la sua fine—–si potrà forse scoprire
immergendo navicelle nei baratri———-dei buchi neri?
Faxsimili planetari sembrano, ogni volta——– toccarsi
diversificano———————————–senza mutarsi
pur distanti anni luce——–emanano aloni privi di piume
saettano—————————–tra miliardi di galassie
sassi scalpitanti————–possono scalfire ovunque
o colpire all’improvviso—————dilaniandoci.

Aurelia Tieghi

Published in: on giugno 8, 2019 at 07:29  Lascia un commento  

Un rivolo

Un rivolo Scriba
cola
nel callo della primavera
Un flusso
quando il cuore comanda
Un rivolo silenzioso
tra le primule
è fiume in piena…

Aurelia Tieghi

Published in: on maggio 27, 2019 at 06:56  Lascia un commento  

Mille perchè

Qual’ è la forza che ci tiene—–che sostiene, l’immensità dello spazio?

Una ruota, come fossimo nel cerchio di hula hoop primordiale

Ruotano i mari ————ruotan terre, soli cuori, alberi, fiori

Venti solari condensano———mille atmosfere aurorali

Ci si chiede perché —-come siano possibili tali esistenze?

L’universo—————–è un grande cerchio d’amore?

o solo l’inferno di stelle che esplode——implodendo?

Forse, unicità magmatica o—sfera vitale e devastante?

Mai si saprà l’inizio, la sua fine—–si potrà forse scoprire

immergendo navicelle nei baratri———-dei buchi neri?

Faxsimili planetari sembrano, ogni volta——– toccarsi

diversificano———————————–senza mutarsi

pur distanti anni luce——–emanano aloni privi di piume

saettano—————————–tra miliardi di galassie

sassi scalpitanti————–possono scalfire ovunque

o colpire all’improvviso—————dilaniandoci.

 

Aurelia Tieghi

Published in: on maggio 11, 2019 at 06:56  Lascia un commento  

Dal cammino…

Dal cammino dei piedi

deriva il mio credo

ma quando s’illumina la via

della poesia

metto le ali di Icaro

per cadere nel mare di cera…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on maggio 3, 2019 at 06:53  Lascia un commento  

Tagli

Hanno tagliato alberi

erano alti

con le chiome appuntite

fluenti carezzavano l’orizzonte

i pioppi del viale

perenni fondali alla finestra

bussole

tra i tetti e le antenne luccicanti

oh i miei alberi!

Li guardavo piegarsi

sui binari del vento

erano frecce del sud-est

Miseri… i miei vessilli ondeggianti

suggerivano il cambio del tempo.

Ahimè

hanno tagliato i rami

ora resi bassi

tronchi tesi

inerti e scoperti

sfondi viola tempestosi.

 

Aurelia Tieghi

Published in: on marzo 19, 2019 at 06:50  Lascia un commento  

Fuoco

Ti aggiungo al calendario del domani

faccio mio il tuo ritorno

o fuoco che in-canti, danzi

acquisti un senso di faville ribelli

scoppietti nel tunnel dei capelli

espelli apici brucianti

ti liberi, tra fumi cangianti…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on marzo 11, 2019 at 07:47  Lascia un commento  

Abbiamo

Abbiamo cuori come libri

tra gl’incavi dei nostri corpi

leggi e piaceri

che ci donano

dettagli antichi

Abbiamo arti dell’oblio

che si lasciano cullare

poi s’avvinghiano

dove cola l’amore

per ricominciare

Abbiamo bocche

che ci fanno tremare

e aderiscono frementi

sulla storia dei sensi

abbiamo palpebre

nei cerchi dell’anima

che carezzano la notte…

 

Aurelia Tieghi

Published in: on marzo 4, 2019 at 07:45  Comments (2)  

Alberi spogliati dall’ocra

Una cascata naturale
la bufera viscerale anima il vento
giunge al canale degli occhi

Dentro la pigrizia d’ottobre
Il tappeto della quercia
si congiunge alla terra
brancola ancora nei colori del sole

Aurelia Tieghi

Published in: on febbraio 24, 2019 at 07:46  Comments (2)