Il giornale

EL GIORNAL

Parole de me nona:
te digo che ‘l giornal
l’è come en musso,
el porta tuto quel
che i vol cargarghe
adosso.

Pensava da bociassa:
me nona l’à sbalià
volendo savér massa

ma dopo ò constatà
che quela de me nona
pensando mal, da dona,
l’era la verità.

§

Parole di mia nonna:
ti dico che il giornale
è come un somaro,
porta tutto quello
che vogliono caricargli
addosso.

Pensavo da bambino:
mia nonna ha sbagliato
per far vedere di saperla lunga

ma poi ho constatato
che quella di mia nonna
pensando male, da donna,
era la verità.

Bruno Castelletti

Published in: on gennaio 12, 2021 at 07:23  Lascia un commento  

Il più furbo

EL PÌ FURBO

Capita ne la vita -ricòrdatelo ben-
de dover far ‘na selta
tra quel che te par giusto
e quel che te conven.
Mi no ghe n’ò encertesse
pensando a le parole
che ‘l me diséa me nono:
varda che quel pì furbo
l’è sempre el galantuomo!

§

Capita nella vita
tienilo bene in mente
di dover fare una scelta
tra ciò che ti sembra più giusto
e ciò che ti conviene.
Io non ho incertezze
pensando alle parole
che mi diceva mio nonno:
guarda che il più furbo
è sempre il galantuomo!

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 19, 2020 at 07:27  Comments (1)  

Il Cesarino

EL CESARINO

Al luni de matina i muradori
i gheva na gran sé.
Gò en mente el Cesarino
‘n ometo picenin, brusà dal sol
co i oci enbotonè
ma furbi da falcheto.
A olte endél parlar
ghe sucedeva che ‘l s’encoconava.
En luni de bonora
el s’à tacà a la boca
en fiasco de quel rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
sensa tirar el fià per en bel poco.
Madona, mi g’ò dito
se seguitè cossita el bevì tuto!
Lu el m’à vardà co l’aria da sornion
po chieto el m’à risposto:
l’è ‘n fondo en… en… en…, endó l’è bon!

§

Al lunedì mattina i muratori
avevano una gran sete.
Mi viene in mente il Cesarino
un ometto piccolo, bruciato dal sole
con gli occhi abbottonati
ma furbi da falco.
A volte parlando
gli succedeva di tartagliare.
Un lunedì di buonora
si è attaccato alla bocca
un fiasco di vino rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
senza respirare per un bel poco.
Madonna, io gli ho detto
se continuate così lo bevete tutto!
Lui mi ha guardato con aria sorniona
poi calmo mi ha risposto:
è in fondo do… do… do… dove è buono!

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 3, 2020 at 07:24  Lascia un commento  

Il montanaro

EL MONTAGNAR

Robe da mati.
La boca te la stupe
sol che a i sachi.
Se va disendo en giro
che quando en montagnar
el fa del ben
sucede che co l’aqua
se pol sugar el fen.
E mi che montagnar
de son propi de soca
te lasso enmaginar
l’amaro che gò en boca.

§

Robe da matti.
La bocca puoi chiuderla
soltanto ai sacchi.
Si va dicendo in giro
che quando un montanaro
fa del bene
succede che con l’acqua
si può asciugare il fieno.
E io che montanaro
lo sono proprio di razza
ti lascio immaginare
l’amaro che sento in bocca.

Bruno Castelletti

Published in: on novembre 17, 2020 at 06:52  Comments (1)  

Perdonatemi la domanda

SCUSÈME LA DOMANDA

E tuti i giorni
sempre sta menada
sul giornal
e sempre stessa solfa
a la television.
I dis che morto en Papa
de bota i de fa ‘n altro.
Na regola gran vecia
e che la val ancora.
Ma quante i te ne conta,
i nomi che ven fora!
Scusème la domanda:
no podaresse miga
spetar che, prima, el móra?

§

E tutti i giorni
sempre la stessa tiritera
sul giornale
e sempre la stessa nenia
alla televisione.
Dicono che morto un Papa
immediatamente ne eleggono un altro.
Una regola molto antica
ma che è ancora in vigore.
Ma quante te ne raccontano
quanti nomi saltano fuori!
Perdonatemi la domanda:
non potreste proprio
aspettare che, prima, sia morto?

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 26, 2020 at 07:12  Lascia un commento  

La fede

LA FEDE

En giorno a ‘n funeral
tra fiori, reschiescanti
e udor d’incenso
m’è scapà l’ocio
sul banco lì davanti
endove gh’era scrito
el nome e la fameia
de uno del paese
che contava
e me son domandà:
forsi che ‘l Padreterno
el vol saver
da ‘ndove le vegneva
le orassione,
ci l’era che pregava
per méterlo sul libro
de San Piero?
Darente, en po pì en là
ò visto na veceta
enzenocià per tera,
veleta en testa
e la corona en man,
i oci che sluseva
de ci crede
e ò subito pensà:
questa l’è fede!

§

Un giorno a un funerale
tra fiori, requiescant in pace
e odore di incenso
mi è scappato l’occhio
sul banco lì davanti
dove c’era scritto
il nome e la famiglia
di una persona del paese
importante
e mi sono domandato:
forse che il Padreterno
vuole sapere
da dove venivano
le preghiere
chi era che pregava
per scrivere il suo nome sul libro
di san Pietro?
Vicino, un po’ più in là
ho visto una vecchietta
inginocchiata per terra
veletta in testa
e la corona in mano
gli occhi che luccicavano
di chi crede
e ho subito pensato:
questa è la fede!

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 9, 2020 at 07:29  Lascia un commento  

Al giorno d’oggi

AL DÌ DE ANCÓ

A mi che son de quei
-se vede da i cavei-
che crede ‘n la fameia
en quele de na olta
endó fa meraveia
se i veci no se scolta

no me va propi zo
le usanse al dì de ancó:

che ‘n giorno na putela
fati i disdoto
o via per de lì
la va col so fagoto
-sucedarà anca a mi-
a viver da per ela.

Capisso l’esigensa
de ‘n po de libertà
de ‘n po de ‘ndipendensa
de tanta novità

ma al caldo del so nio
pòdela dirghe adio?

§

A me che sono di quelli
-si vede dai capelli-
che crede nella famiglia
in quelle di una volta
dove fa meraviglia
se non si ascoltano i vecchi

non mi piacciono
le usanze che ci sono oggi:

che un giorno una ragazza
compiuti i diciott’anni
o giù di lì
vada con il suo bagaglio
-succederà anche a me-
a vivere da sola.

Capisco l’esigenza
di un po’ di libertà
di un po’ di indipendenza
di tanta novità

ma al caldo del suo nido
può dire addio?

Bruno Castelletti

Published in: on settembre 20, 2020 at 07:40  Lascia un commento  

Ricchi e poveri

SIORI E PITOCHI

Conosso pitochi
gran siori de sòca
e tanti siorassi
de rassa pitoca.
Coss’èlo che conta?
La bona somensa,
averghe la grana,
o farde anca sensa?

§

Conosco gente povera
di nobili origini
e tanti ricconi
di umili origini.
Cos’è che conta?
La buona semente,
avere i soldi,
o farne anche senza?

Bruno Castelletti

Published in: on giugno 27, 2020 at 07:05  Comments (2)  

La felicità

LA CONTENTESSA

Cossa saràla mai la contentessa?
La pianta del dolor che se scavessa.
Se dopo la rebuta con pì forsa
alora la speransa la se smorsa.
Ma po la contentessa con ci stàla?
Co i siori che fa festa drento en sala
con tanto de possada e de piron
o ensieme co i pitochi
che pocia el so bocon
nel piato su i zenoci?

§

Cosa sarà mai la felicità?
La pianta del dolore che si spezza.
Se poi rinasce con più forza
allora la speranza si spegne.
Ma poi con chi s’accompagna la felicità?
Con i ricchi che fanno festa dentro la sala da pranzo
con tanto di coltello e di forchetta
o assieme con i poveretti
che intingono il loro boccone
nel piatto sulle ginocchia?

Bruno Castelletti

Published in: on maggio 29, 2020 at 07:42  Lascia un commento  

Alfredo

L’ALFREDO

Picolo, tracagnoto
lustro come en poéo
i oci che rideva.
E quando el t’encontrava
te se slargava el cor da l’alegria
ma tuto l’entusiasmo el se smorsava
pena che ‘l te vegneva lì darente
perché, sto sacramento
el gheva sempre en mente
de tórte le misure
per prepararte en tempo
en bel vestito novo,
fato de legno duro,
da métertelo entorno
ne l’ora de l’adio.
Maestro de la musica
gran sonador d’armonica
a olte el n’envidava
zo ne la so botega.
Lì se faseva festa enfin matina.
E quando i goti più no i se contava
e i canti i se missiava co le stéle,
alora se rideva a crepapèl,
se scancelava i debiti e le tasse
vardando quei pì curti de servel
che i se proava drento ne le casse.

§

Piccolo, tarchiato
con la faccia linda come un bambino
gli occhi che ridevano.
E quando ti incontrava
ti si allargava il cuore dalla gioia
ma tutto l’entusiasmo si smorzava
appena ti veniva lì vicino
perché, questo simpaticone
aveva sempre in mente
di prenderti le misure
allo scopo di prepararti per tempo
un bel vestito nuovo
fatto di legno duro
da metterti addosso
nel giorno della dipartita.
Maestro di musica
gran suonatore di armonica
a volte ci invitava
giù nella sua bottega.
Lì si faceva festa fino al mattino.
E quando i bicchieri di vino più non si contavano
e i canti si mescolavano con le stelle,
allora si rideva a crepapelle,
si cancellavano i debiti e le tasse
guardando quelli più corti di cervello
che facevano le prove dentro nelle casse da morto.

Bruno Castelletti

Published in: on aprile 27, 2020 at 07:25  Comments (1)