L’ànema e la roba

Disea me nono
disea me pupà:
l’ànema a Dio
la roba a ci la va!
Ma a i giorni nostri
mi conosso tanti
-e posso sicurarve
i è i più siori-
che i se comporta
en de sto modo qua:
la roba i se la tegne
tuta lori
e l’ànema i la vende
a bon mercà.

§

L’anima e la roba

Diceva mio nonno
diceva mio padre
l’anima a Dio
la roba a chi spetta!
Ma al giorno d’oggi
io conosco molti
-e posso assicurarvi
che sono i più ricchi-
che si comportano
in questo modo:
la roba se la tengono
tutta per loro
e l’anima la vendono
a buon mercato.

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 30, 2019 at 07:31  Comments (1)  

La zonta

Su tute le strade
de mile contrade
gh’è gambe che core
che core, che core.

Fadighe e fadighe
de pore formighe
che tase, che móre.

L’è aqua che passa
che sensa na trassa
finisse nel mar.

De tante speranse
de tanto penar
no resta somense
ma solo ilusioni
de ‘n mucio de sogni.

De tuta sta zente
no resta pu gnente
en gnente de gnente.

Passiensa, l’è stesso
perché quel che conta
l’è vìver adesso.
O vuto la zonta?

§

L’aggiunta

Su tutte le strade
di mille contrade
ci sono gambe che corrono,
che corrono, che corrono.

Fatiche e fatiche
di povere formiche
che tacciono, che muoiono.

È acqua che passa
che senza lasciare traccia
finisce nel mare.

Di tante speranze
di tanto penare
non restano sementi
ma solo illusioni
di un mucchio di sogni.

Di tutta questa gente
non resta più niente
un niente di niente.

Pazienza, è lo stesso
perché quello che conta
è vivere adesso.
O vuoi l’aggiunta?

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 12, 2019 at 07:01  Comments (1)  

Me presento

Son nato a la Ferara
contrà de i Casteleti
ma po son vegnù grando
zo ne la Val de Orsa
che l’è soto a Brentin.

Quando da puteleto
naséa a far en giro
en de sti du paesi,
a ci me domandava
ci séra e ci no séra
la scola che faseva
ci l’era me pupà
da ‘ndove che vegneva
tute ste robe qua,
ciapàndola a la larga
seitava a scantonar
e no ghe rispondeva

perché me vergognava
a dir: mi son da Orsa
en posto for dal mondo
da Dio desmentegà.

Sì,l’era come dirghe
a quei che stava en piassa
-entendopiassa Brà-
mi vegno da la Giassa.
Ma adesso che la Val
l’è deventà famosa
e l’è fotografà
su ‘n mucio de riviste
per via de sto sport
che i ciama torentismo
-metendo ensieme l’acqua
co ‘n poco de alpinismo-
a quei che me domanda:
ma ti ci sétu ci?
de bota ghe rispondo:

mi son da Orsa
mi son da Orsa, mi…

§

Sono nato a Ferrara*
contrada dei Castelletti
ma poi sono cresciuto
giù nella Valle di Orsa
che è sotto il Comune di Brentino.

Quando da ragazzino
andavo a fare un giro
in questi due paesi,
a chi mi domandava
chi ero e chi non ero
la scuola che frequentavo
chi era mio padre
da dove venivo
tutte queste cose insomma
prendendola alla larga
continuavo a scantonare
e non gli rispondevo

perché mi vergognavo a dire:
io sono da orsa
un posto fuori dal mondo
da Dio dimenticato.

Sì, era come dire
a quelli che abitavano in piazza
-intendo Piazza Brà-
io vengo da Giazza.
Ma adesso che la Valle
è diventata famosa
ed è fotografata
su molte riviste
grazie a quello sport
che chiamano torrentismo
-mettendo insieme l’acqua
con un po’ di alpinismo-
a quelli che mi domandano:
ma tu chi sei chi?
subito rispondo:

io sono da Orsa
io sono da Orsa, io…

Bruno Castelletti

* Ferrara di Monte Baldo (VR)

Published in: on ottobre 4, 2019 at 07:02  Comments (1)