Il Meco

EL MECO

La barba bianca, longa
a tuta facia
el me parea en profeta.
L’era sgalembro
ma el gheva en portamento
da gran sior.
Du oci grandi e furbi
el te vardava drento
perché el volea saver
tuto de tuti,
da gran curioso
e gran discorador.
L’avea studià
per far la profession
de l’avocato
ma l’è restà dotor
tuta la vita.
Da quando i l’à portà
en Casa de Riposo
-e no l’è più tornà-
la piassa de Cavrin
no l’è pì quela,
la s’à come catà
sensa parola.
Ghe manca el difensor:
el Meco, gran dotor.

§

La barba bianca, lunga
a tutta faccia
mi sembrava un profeta.
Era sciancato
ma aveva un portamento
da gran signore.
Due occhi grandi e furbi
ti guardava dentro
perché voleva sapere
tutto di tutti
da gran curioso
e gran parlatore.
Aveva studiato
per fare la professione
dell’avvocato
ma è rimasto dottore
tutta la vita.
Da quando lo hanno portato
in Casa di Riposo
-e non è più tornato indietro-
la piazza di Caprino
non è più quella
si è come trovata
senza parola.
le manca il difensore:
il Meco, gran dottore.

Bruno Castelletti

Published in: on aprile 28, 2021 at 07:19  Lascia un commento  

Vi racconto una storia

VE CONTO UNA STORIA


Na casa en montagna lontan dal paese
d’inverno, de sera e tuto che tase.
La baia la cagna tacà a la cadena
la baia a la lunache ride a le stéle.

E drento en cusina al ciar de candela
se move n’ombria, n’ombria de dona
vestia de nero, restà da per éla
co ‘n man la corona, i lavri che prega.

Na rechiemeterna al Toni, el so omo,
partì per el Belgio e morto en miniera
e n’Avemaria al fiol che no torna
al fiol che no torna dal fronte de guera.

Na guera busiarda, na guera putana
ma a ci ghe ne ‘nporta se pianze na mama?

§

Una casa in montagna distante dal paese
d’inverno, di sera e tutto che tace.
Abbaia la cagna legata alla catena
abbaia alla luna che ride alle stelle.

E dentro in cucina al chiarore di candela
si muove un’ombra, un’ombra di donna
vestita di nero, rimasta da sola
con in mano la corona, le labbra che pregano.

Un eterno riposo al Toni, suo marito
partito per il Belgio e morto in miniera
e un’Avemaria al figlio che non torna
al figlio che non torna dal fronte di guerra.

Una guerra bugiarda, una guerra puttana
ma a chi importa se piange una mamma?

Bruno Castelletti

Published in: on aprile 11, 2021 at 07:11  Comments (1)  

Speranza

SPERANSA

Ò sempre sentù dir
da i veci del paese
che l’erba pì cativa
la nasse nel to orto.
Ghe n’è de robe storte!
Mi no ghe n’ò pretese
ma spero de no vérghela
sta sorte
de no patir sto torto
da vivo e po da morto.

§

Ho sempre sentito dire
dai vecchi del paese
che l’erba più cattiva
nasce nel tuo orto.
Ce ne sono di cose storte!
Io non ho pretese
ma spero di non avere
questo destino
di non dover patire questo torto
da vivo e poi da morto.

Bruno Castelletti

Published in: on marzo 20, 2021 at 07:13  Lascia un commento  

Il giornale

EL GIORNAL


Parole de me nona:
te digo che ‘l giornal
l’è come en musso,
el porta tuto quel
che i vol cargarghe
adosso.

Pensava da bociassa:
me nona l’à sbalià
volendo savér massa

ma dopo ò constatà
che quela de me nona
pensando mal, da dona,
l’era la verità.

§

Parole di mia nonna:
ti dico che il giornale
è come un somaro,
porta tutto quello
che vogliono caricargli
addosso.

Pensavo da bambino:
mia nonna ha sbagliato
per far vedere di saperla lunga

ma poi ho constatato
che quella di mia nonna
pensando male, da donna,
era la verità.

Bruno Castelletti

Published in: on marzo 4, 2021 at 07:10  Lascia un commento  

Il più furbo

EL PÌ FURBO

Capita ne la vita -ricòrdatelo ben-
de dover far ‘na selta
tra quel che te par giusto
e quel che te conven.
Mi no ghe n’ò encertesse
pensando a le parole
che ‘l me diséa me nono:
varda che quel pì furbo
l’è sempre el galantuomo!

§

Capita nella vita
-tienilo bene in mente-
di dover fare una scelta
tra ciò che ti sembra più giusto
e ciò che ti conviene.
Io non ho incertezze
pensando alle parole
che mi diceva mio nonno:
guarda che il più furbo
è sempre il galantuomo!

Bruno Castelletti

Published in: on gennaio 26, 2021 at 07:10  Lascia un commento  

Il giornale

EL GIORNAL

Parole de me nona:
te digo che ‘l giornal
l’è come en musso,
el porta tuto quel
che i vol cargarghe
adosso.

Pensava da bociassa:
me nona l’à sbalià
volendo savér massa

ma dopo ò constatà
che quela de me nona
pensando mal, da dona,
l’era la verità.

§

Parole di mia nonna:
ti dico che il giornale
è come un somaro,
porta tutto quello
che vogliono caricargli
addosso.

Pensavo da bambino:
mia nonna ha sbagliato
per far vedere di saperla lunga

ma poi ho constatato
che quella di mia nonna
pensando male, da donna,
era la verità.

Bruno Castelletti

Published in: on gennaio 12, 2021 at 07:23  Lascia un commento  

Il più furbo

EL PÌ FURBO

Capita ne la vita -ricòrdatelo ben-
de dover far ‘na selta
tra quel che te par giusto
e quel che te conven.
Mi no ghe n’ò encertesse
pensando a le parole
che ‘l me diséa me nono:
varda che quel pì furbo
l’è sempre el galantuomo!

§

Capita nella vita
tienilo bene in mente
di dover fare una scelta
tra ciò che ti sembra più giusto
e ciò che ti conviene.
Io non ho incertezze
pensando alle parole
che mi diceva mio nonno:
guarda che il più furbo
è sempre il galantuomo!

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 19, 2020 at 07:27  Comments (1)  

Il Cesarino

EL CESARINO

Al luni de matina i muradori
i gheva na gran sé.
Gò en mente el Cesarino
‘n ometo picenin, brusà dal sol
co i oci enbotonè
ma furbi da falcheto.
A olte endél parlar
ghe sucedeva che ‘l s’encoconava.
En luni de bonora
el s’à tacà a la boca
en fiasco de quel rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
sensa tirar el fià per en bel poco.
Madona, mi g’ò dito
se seguitè cossita el bevì tuto!
Lu el m’à vardà co l’aria da sornion
po chieto el m’à risposto:
l’è ‘n fondo en… en… en…, endó l’è bon!

§

Al lunedì mattina i muratori
avevano una gran sete.
Mi viene in mente il Cesarino
un ometto piccolo, bruciato dal sole
con gli occhi abbottonati
ma furbi da falco.
A volte parlando
gli succedeva di tartagliare.
Un lunedì di buonora
si è attaccato alla bocca
un fiasco di vino rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
senza respirare per un bel poco.
Madonna, io gli ho detto
se continuate così lo bevete tutto!
Lui mi ha guardato con aria sorniona
poi calmo mi ha risposto:
è in fondo do… do… do… dove è buono!

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 3, 2020 at 07:24  Lascia un commento  

Il montanaro

EL MONTAGNAR

Robe da mati.
La boca te la stupe
sol che a i sachi.
Se va disendo en giro
che quando en montagnar
el fa del ben
sucede che co l’aqua
se pol sugar el fen.
E mi che montagnar
de son propi de soca
te lasso enmaginar
l’amaro che gò en boca.

§

Robe da matti.
La bocca puoi chiuderla
soltanto ai sacchi.
Si va dicendo in giro
che quando un montanaro
fa del bene
succede che con l’acqua
si può asciugare il fieno.
E io che montanaro
lo sono proprio di razza
ti lascio immaginare
l’amaro che sento in bocca.

Bruno Castelletti

Published in: on novembre 17, 2020 at 06:52  Comments (1)  

Perdonatemi la domanda

SCUSÈME LA DOMANDA

E tuti i giorni
sempre sta menada
sul giornal
e sempre stessa solfa
a la television.
I dis che morto en Papa
de bota i de fa ‘n altro.
Na regola gran vecia
e che la val ancora.
Ma quante i te ne conta,
i nomi che ven fora!
Scusème la domanda:
no podaresse miga
spetar che, prima, el móra?

§

E tutti i giorni
sempre la stessa tiritera
sul giornale
e sempre la stessa nenia
alla televisione.
Dicono che morto un Papa
immediatamente ne eleggono un altro.
Una regola molto antica
ma che è ancora in vigore.
Ma quante te ne raccontano
quanti nomi saltano fuori!
Perdonatemi la domanda:
non potreste proprio
aspettare che, prima, sia morto?

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 26, 2020 at 07:12  Lascia un commento