Salvare la pelle

PORTARLA FORA

(Avocati e dotori)

L’è ormai na storia vecia
ma ve la conto stesso.
En giorno te m’è dito
a pian en de na recia:
stà meio en rato
en boca del to gato
de ‘n poro cristo
en man de l’avocato.
Sensa pensarghe sora
mi son nà fora drito:
no l’è per parlar mal
de tanti che conosso
e né question de onor
per via del mestier,
ma pensa a l’ospedal
e pensa al to dotor!
Vardandome de sbiesso
co l’aria da fabioco
te ghè zontà de bruto:
sa vutu dir, alora?
Che spero propri de portarla fora
mi t’ò risposto, seco.

§

(Avvocati e medici)

È ormai una storia vecchia
ma ve la racconto ugualmente.
Un giorno mi hai detto
sottovoce in un orecchio:
sta meglio un topo
in bocca del tuo gatto
di un povero cristo
nelle mani dell’avvocato.
Senza pensarci sopra
io sono uscito con queste parole senza divagare:
non è per parlar male
di tanti che conosco
e né per questioni di onore
per via del mestiere (che faccio),
ma pensa all’ospedale
e pensa al tuo medico!
Guardandomi di traverso
con l’aria da finto tonto
hai aggiunto senza tanti giri di parole:
cosa vuoi dire, allora?
Che spero proprio di salvare la pelle
io ti ho risposto, bruscamente.

Bruno Castelletti

Published in: on gennaio 15, 2020 at 06:59  Comments (1)  

L’avvocato

L’AVOCATO

Mi no capisso tutto sto bordel
su l’avocato.
Secondo el me giudissio
gh’è tanta maldicensa;
pì facile dir mal
che farde sensa.
Gh’è quei che va disendo:
anca se el me avocato
el par en poro can,
l’è uno che sa tuto
el magna lege e pan.
E tanti che risponde:
el me avocato envesse
a far bela figura
l’è uno che ghe tien;
de lege lu el sa poco
però el conosse el giudice
el lo conosse ben…

§

Io non capisco tutto questo parlare
sull’avvocato.
Secondo il mio giudizio
c’è tanta maldicenza;
più facile dir male
che farne a meno:
Ci sono coloro che dicono:
anche se il mio avvocato
sembra un povero diavolo
è uno che sa tutto
mangia legge e pane.
E molti che rispondono:
il mio avvocato invece
a far bella figura
è uno che ci tiene;
lui di legge sa poco
però conosce il giudice
lo conosce bene…

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 29, 2019 at 07:27  Comments (2)  

Tempi di carestia

TEMPI DE CARESTIA

E magna ti
che magno anca mi,
a forsa de magnar
no è restà pì gnente
da far fora.
Adesso i governanti
i sèita a strolegar
per narghe en cao
ma dopo, en conclusion
l’è sempre pèso.
Sa gh’è da far alora?
Borbota el galantom:
bisognarà magnarse
la parola.

§

E mangia tu 
che mangio anch’io,
a forza di mangiare
non è rimasto più niente
da far fuori.
Adesso i governanti
continuano a darsi da fare
per venirne a capo
ma dopo, in conclusione
è sempre peggio,
Cosa bisogna fare allora?
Farfuglia il galantuomo:
bisognerà mangiarsi 
la parola.

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 13, 2019 at 07:11  Lascia un commento  

Cose da poveretti

ROBA DA PITOCHI

Per vègnerghene fora
bisogna tribular
eliminar le spese
seitar a laorar
fin che se more,
predica ci comanda
zo da Roma.
Se no se fa cossì
l’Italia la va en tochi
E tuti a domandarse:
sa diseli i pì siori?
Risponde el poro can
che no i ghe c’entra… lori,
l’è roba da pitochi!

§

Per venirne fuori
bisogna tribolare
eliminare le spese
continuare a lavorare
finché si muore,
predicano quelli che comandano
giù a Roma.
Se non si fa così
l’Italia va a pezzi!
E tutti a domandarsi:
cosa dicono i più ricchi?
Risponde il povero cristo
che non c’entrano… loro,
sono cose da poveretti!

Bruno Castelletti

Published in: on novembre 25, 2019 at 07:13  Comments (1)  

L’ànema e la roba

Disea me nono
disea me pupà:
l’ànema a Dio
la roba a ci la va!
Ma a i giorni nostri
mi conosso tanti
-e posso sicurarve
i è i più siori-
che i se comporta
en de sto modo qua:
la roba i se la tegne
tuta lori
e l’ànema i la vende
a bon mercà.

§

L’anima e la roba

Diceva mio nonno
diceva mio padre
l’anima a Dio
la roba a chi spetta!
Ma al giorno d’oggi
io conosco molti
-e posso assicurarvi
che sono i più ricchi-
che si comportano
in questo modo:
la roba se la tengono
tutta per loro
e l’anima la vendono
a buon mercato.

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 30, 2019 at 07:31  Comments (2)  

La zonta

Su tute le strade
de mile contrade
gh’è gambe che core
che core, che core.

Fadighe e fadighe
de pore formighe
che tase, che móre.

L’è aqua che passa
che sensa na trassa
finisse nel mar.

De tante speranse
de tanto penar
no resta somense
ma solo ilusioni
de ‘n mucio de sogni.

De tuta sta zente
no resta pu gnente
en gnente de gnente.

Passiensa, l’è stesso
perché quel che conta
l’è vìver adesso.
O vuto la zonta?

§

L’aggiunta

Su tutte le strade
di mille contrade
ci sono gambe che corrono,
che corrono, che corrono.

Fatiche e fatiche
di povere formiche
che tacciono, che muoiono.

È acqua che passa
che senza lasciare traccia
finisce nel mare.

Di tante speranze
di tanto penare
non restano sementi
ma solo illusioni
di un mucchio di sogni.

Di tutta questa gente
non resta più niente
un niente di niente.

Pazienza, è lo stesso
perché quello che conta
è vivere adesso.
O vuoi l’aggiunta?

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 12, 2019 at 07:01  Comments (1)  

Me presento

Son nato a la Ferara
contrà de i Casteleti
ma po son vegnù grando
zo ne la Val de Orsa
che l’è soto a Brentin.

Quando da puteleto
naséa a far en giro
en de sti du paesi,
a ci me domandava
ci séra e ci no séra
la scola che faseva
ci l’era me pupà
da ‘ndove che vegneva
tute ste robe qua,
ciapàndola a la larga
seitava a scantonar
e no ghe rispondeva

perché me vergognava
a dir: mi son da Orsa
en posto for dal mondo
da Dio desmentegà.

Sì,l’era come dirghe
a quei che stava en piassa
-entendopiassa Brà-
mi vegno da la Giassa.
Ma adesso che la Val
l’è deventà famosa
e l’è fotografà
su ‘n mucio de riviste
per via de sto sport
che i ciama torentismo
-metendo ensieme l’acqua
co ‘n poco de alpinismo-
a quei che me domanda:
ma ti ci sétu ci?
de bota ghe rispondo:

mi son da Orsa
mi son da Orsa, mi…

§

Sono nato a Ferrara*
contrada dei Castelletti
ma poi sono cresciuto
giù nella Valle di Orsa
che è sotto il Comune di Brentino.

Quando da ragazzino
andavo a fare un giro
in questi due paesi,
a chi mi domandava
chi ero e chi non ero
la scuola che frequentavo
chi era mio padre
da dove venivo
tutte queste cose insomma
prendendola alla larga
continuavo a scantonare
e non gli rispondevo

perché mi vergognavo a dire:
io sono da orsa
un posto fuori dal mondo
da Dio dimenticato.

Sì, era come dire
a quelli che abitavano in piazza
-intendo Piazza Brà-
io vengo da Giazza.
Ma adesso che la Valle
è diventata famosa
ed è fotografata
su molte riviste
grazie a quello sport
che chiamano torrentismo
-mettendo insieme l’acqua
con un po’ di alpinismo-
a quelli che mi domandano:
ma tu chi sei chi?
subito rispondo:

io sono da Orsa
io sono da Orsa, io…

Bruno Castelletti

* Ferrara di Monte Baldo (VR)

Published in: on ottobre 4, 2019 at 07:02  Comments (1)