La felicità

LA CONTENTESSA

Cossa saràla mai la contentessa?
La pianta del dolor che se scavessa.
Se dopo la rebuta con pì forsa
alora la speransa la se smorsa.
Ma po la contentessa con ci stàla?
Co i siori che fa festa drento en sala
con tanto de possada e de piron
o ensieme co i pitochi
che pocia el so bocon
nel piato su i zenoci?

§

Cosa sarà mai la felicità?
La pianta del dolore che si spezza.
Se poi rinasce con più forza
allora la speranza si spegne.
Ma poi con chi s’accompagna la felicità?
Con i ricchi che fanno festa dentro la sala da pranzo
con tanto di coltello e di forchetta
o assieme con i poveretti
che intingono il loro boccone
nel piatto sulle ginocchia?

Bruno Castelletti

Published in: on maggio 29, 2020 at 07:42  Lascia un commento  

Alfredo

L’ALFREDO

Picolo, tracagnoto
lustro come en poéo
i oci che rideva.
E quando el t’encontrava
te se slargava el cor da l’alegria
ma tuto l’entusiasmo el se smorsava
pena che ‘l te vegneva lì darente
perché, sto sacramento
el gheva sempre en mente
de tórte le misure
per prepararte en tempo
en bel vestito novo,
fato de legno duro,
da métertelo entorno
ne l’ora de l’adio.
Maestro de la musica
gran sonador d’armonica
a olte el n’envidava
zo ne la so botega.
Lì se faseva festa enfin matina.
E quando i goti più no i se contava
e i canti i se missiava co le stéle,
alora se rideva a crepapèl,
se scancelava i debiti e le tasse
vardando quei pì curti de servel
che i se proava drento ne le casse.

§

Piccolo, tarchiato
con la faccia linda come un bambino
gli occhi che ridevano.
E quando ti incontrava
ti si allargava il cuore dalla gioia
ma tutto l’entusiasmo si smorzava
appena ti veniva lì vicino
perché, questo simpaticone
aveva sempre in mente
di prenderti le misure
allo scopo di prepararti per tempo
un bel vestito nuovo
fatto di legno duro
da metterti addosso
nel giorno della dipartita.
Maestro di musica
gran suonatore di armonica
a volte ci invitava
giù nella sua bottega.
Lì si faceva festa fino al mattino.
E quando i bicchieri di vino più non si contavano
e i canti si mescolavano con le stelle,
allora si rideva a crepapelle,
si cancellavano i debiti e le tasse
guardando quelli più corti di cervello
che facevano le prove dentro nelle casse da morto.

Bruno Castelletti

Published in: on aprile 27, 2020 at 07:25  Comments (1)  

Un posto prenotato

EN POSTO PRENOTÀ

Pèssega, pèssega
se no te perde messa!
Conosso pori cristi
che sèita a pessegar
enfin che i scampa
ma i riva sempre tardi
al fum de le candele.
E se i rivesse en tempo
no i savarìa gnanca
endò sentarse.
Alora me domando:
cissà se ‘n l’aldelà
i gavarà per sempre
en posto prenotà.

§

Affrettati, affrettati
altrimenti perdi la messa!
Conosco poveri cristi
che continuano a correre
finché campano
ma arrivano sempre tardi
al fumo delle candele.
E se arrivassero in tempo
non saprebbero neppure
dove sedersi.
Allora mi domando:
chissà se nell’aldilà
avranno per sempre
un posto prenotato.

Bruno Castelletti

Published in: on marzo 21, 2020 at 07:40  Lascia un commento  

La giustizia

LA GIUSTISSIA

L’è tanto tempo ormai
che fago sto mestier
ma forsi capirò
propi dal bon
-quando che sarò morto-
perché co la resón
se passa al torto.
Me scrive ‘n amigo:
bele parole
me cavo el capel!
Ma dime en verità
da galantom:
t’è mai capità
col torto pì marso
de vérghe resón?

§

L’è tanto tempo ormai
che faccio questo mestiere
ma forse capirò
proprio per davvero
-quando sarò morto-
perché con la ragione
si passa al torto?
Mi scrive un amico:
belle parole
mi levo il cappello!
Ma dimmi in verità
da galantuomo:
ti è mai capitato
con il torto più marcio
di avere ragione?

Bruno Castelletti

Published in: on febbraio 28, 2020 at 07:03  Lascia un commento  

La favola del lupo e dell’agnello

LA FOLA DEL LUPO E DE L’AGNEL

G’ò domandà a ‘n amigo
che l’è come en fradel:
la setu ti la fola
del lupo e de l’agnel?
Mi l’ò emparà a memoria
quando naseva a scola
e dolo no l’ò pì desmentegà.
Subito l’à tasù
e no l’à gnan fiatà
po, serio, el m’à risposto:
ma ti ne la to vita
me ditu quanti lupi t’è encontrà?

§

Ho domandato ad un amico
che è come un fratello:
la sai tu la favola
del lupo e dell’agnello?
Io l’ho imparata a memoria
quando andavo a scuola
e poi non l’ho più dimenticata:
Subito è rimasto in silenzio
e non ha neppure fiatato
poi, serio, mi ha risposto:
ma tu nella tua vita
mi dici quanti lupi hai incontrato?

Bruno Castelletti

Published in: on febbraio 7, 2020 at 07:38  Comments (1)  

Salvare la pelle

PORTARLA FORA

(Avocati e dotori)

L’è ormai na storia vecia
ma ve la conto stesso.
En giorno te m’è dito
a pian en de na recia:
stà meio en rato
en boca del to gato
de ‘n poro cristo
en man de l’avocato.
Sensa pensarghe sora
mi son nà fora drito:
no l’è per parlar mal
de tanti che conosso
e né question de onor
per via del mestier,
ma pensa a l’ospedal
e pensa al to dotor!
Vardandome de sbiesso
co l’aria da fabioco
te ghè zontà de bruto:
sa vutu dir, alora?
Che spero propri de portarla fora
mi t’ò risposto, seco.

§

(Avvocati e medici)

È ormai una storia vecchia
ma ve la racconto ugualmente.
Un giorno mi hai detto
sottovoce in un orecchio:
sta meglio un topo
in bocca del tuo gatto
di un povero cristo
nelle mani dell’avvocato.
Senza pensarci sopra
io sono uscito con queste parole senza divagare:
non è per parlar male
di tanti che conosco
e né per questioni di onore
per via del mestiere (che faccio),
ma pensa all’ospedale
e pensa al tuo medico!
Guardandomi di traverso
con l’aria da finto tonto
hai aggiunto senza tanti giri di parole:
cosa vuoi dire, allora?
Che spero proprio di salvare la pelle
io ti ho risposto, bruscamente.

Bruno Castelletti

Published in: on gennaio 15, 2020 at 06:59  Comments (1)  

L’avvocato

L’AVOCATO

Mi no capisso tutto sto bordel
su l’avocato.
Secondo el me giudissio
gh’è tanta maldicensa;
pì facile dir mal
che farde sensa.
Gh’è quei che va disendo:
anca se el me avocato
el par en poro can,
l’è uno che sa tuto
el magna lege e pan.
E tanti che risponde:
el me avocato envesse
a far bela figura
l’è uno che ghe tien;
de lege lu el sa poco
però el conosse el giudice
el lo conosse ben…

§

Io non capisco tutto questo parlare
sull’avvocato.
Secondo il mio giudizio
c’è tanta maldicenza;
più facile dir male
che farne a meno:
Ci sono coloro che dicono:
anche se il mio avvocato
sembra un povero diavolo
è uno che sa tutto
mangia legge e pane.
E molti che rispondono:
il mio avvocato invece
a far bella figura
è uno che ci tiene;
lui di legge sa poco
però conosce il giudice
lo conosce bene…

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 29, 2019 at 07:27  Comments (2)  

Tempi di carestia

TEMPI DE CARESTIA

E magna ti
che magno anca mi,
a forsa de magnar
no è restà pì gnente
da far fora.
Adesso i governanti
i sèita a strolegar
per narghe en cao
ma dopo, en conclusion
l’è sempre pèso.
Sa gh’è da far alora?
Borbota el galantom:
bisognarà magnarse
la parola.

§

E mangia tu 
che mangio anch’io,
a forza di mangiare
non è rimasto più niente
da far fuori.
Adesso i governanti
continuano a darsi da fare
per venirne a capo
ma dopo, in conclusione
è sempre peggio,
Cosa bisogna fare allora?
Farfuglia il galantuomo:
bisognerà mangiarsi 
la parola.

Bruno Castelletti

Published in: on dicembre 13, 2019 at 07:11  Lascia un commento  

Cose da poveretti

ROBA DA PITOCHI

Per vègnerghene fora
bisogna tribular
eliminar le spese
seitar a laorar
fin che se more,
predica ci comanda
zo da Roma.
Se no se fa cossì
l’Italia la va en tochi
E tuti a domandarse:
sa diseli i pì siori?
Risponde el poro can
che no i ghe c’entra… lori,
l’è roba da pitochi!

§

Per venirne fuori
bisogna tribolare
eliminare le spese
continuare a lavorare
finché si muore,
predicano quelli che comandano
giù a Roma.
Se non si fa così
l’Italia va a pezzi!
E tutti a domandarsi:
cosa dicono i più ricchi?
Risponde il povero cristo
che non c’entrano… loro,
sono cose da poveretti!

Bruno Castelletti

Published in: on novembre 25, 2019 at 07:13  Comments (1)  

L’ànema e la roba

Disea me nono
disea me pupà:
l’ànema a Dio
la roba a ci la va!
Ma a i giorni nostri
mi conosso tanti
-e posso sicurarve
i è i più siori-
che i se comporta
en de sto modo qua:
la roba i se la tegne
tuta lori
e l’ànema i la vende
a bon mercà.

§

L’anima e la roba

Diceva mio nonno
diceva mio padre
l’anima a Dio
la roba a chi spetta!
Ma al giorno d’oggi
io conosco molti
-e posso assicurarvi
che sono i più ricchi-
che si comportano
in questo modo:
la roba se la tengono
tutta per loro
e l’anima la vendono
a buon mercato.

Bruno Castelletti

Published in: on ottobre 30, 2019 at 07:31  Comments (2)