La rosa bianca

Rosa bianca2.jpg

Guardo
non penso
non peso 
la rosa bianca
è apparsa in un istante
era in un mondo distante 
dove io non sto e la mia fantasia arranca
dove non poso mai una mano
e dove non credo possa stare un corpo sano
quelle sono estensioni
sono i voli dei droni
al telecomando non gli comandi
affranti gli uomini piangono i tanti desolati destini
alterchi amori odii senza fini
ma nel mondo che non c’è dove nascono le rose
esiste solo il foglio bianco che appoggiano le spose
accarezzo il petalo di seta
profumo che penetra la pelle
e l’aria
vetro che mi circonda
rugiada che disseta
docile leggera come rosa bianca
mite
invade
i miei pensieri al nerofumo

Enrico Tartagni

Annunci
Published in: on febbraio 16, 2018 at 07:29  Comments (1)  

Magico

Magico mistero l’equilibrio
del pericolo
il fantastico pensare
che esisti tu
in uno spicchio del mio cuore
ed io distratto tra le luci svanite della notte
raccolgo il mistero del mio domani…
ma quale domani domani
che io non so se stanotte respirerò
l’aria del domani.

Enrico Tartagni

Published in: on febbraio 5, 2018 at 07:22  Comments (2)  

Istantanea virtuosa

Se nel Sahara ci pianto un fiore
una rossa rosa
color del Sole
non so se l’acqua allo stelo
ne disseta il sogno vegetale
so nel cuore che al miraggio
tremolante di questa vita
evanescente
s’attacca la speranza
che naviga sul mare
dalle stelle al cielo del Sahara

Enrico Tartagni

Published in: on gennaio 22, 2018 at 07:33  Comments (3)  

Dimensione d’amore

Distanti vicini lontani
accanto
mi apri le braccia
ed io
che sono nel sogno.
Sei nuvola
sei angelo
lassù in alto
dimensione d’amore.
Fantasia per volare
adesso
e domani
speranza
e si muore.
Mi serve un piano d’amore
e tu
che m’apri le braccia
dimensione d’amore.

Enrico Tartagni

Published in: on gennaio 13, 2018 at 06:58  Comments (3)  

Amore

Immagine leggera
confuso dallo specchio
voglio scriverti una parola nuova
inesistente
le memory card mi cancellano il passato
gli strappi che colpiscono la mente
e i tasti che schivano i miei colpi
… e sono stato tanto tempo in analisi
dal tempo …
sfogliano le pagine staccate ad una ad una
poi coi miei stessi occhi ripassate
lucide di patine e pensieri senza immagini
airlock
respiro
sfido
lo specchio dove tu sei ancora impressa
con un tuo sorriso che mi lascia dentro
led lumi e bui oscuri
monitor di pixel intasati
e mi scontro dove l’universo riversa tutti i suoi spazi
free d’ogni passato inserisco input ed on line
devo trovare una parola nuova…insistente…
amore

Enrico Tartagni

Published in: on gennaio 4, 2018 at 07:21  Comments (1)  

M’incanto d’usignoli

Ogni mio giorno ha una sua via,
ogni mio tempo un suo senso,
oggi cammino sul tuo sentiero, signore,
non so dove conduce,
è stretto, fiorito d’ogni fiore,
mi rallegro di colori, m’incanto d’usignoli intorno…
Oh, creature, mi spiegate l’amore, confidate speranza,
porgete tenerezza, mi lasciate all’abbandono,
non so che vuol dire,
io vi sussurro paure,
poi sorrido al vostro sorriso,
per non morire solitario.

Enrico Tartagni

Published in: on dicembre 26, 2017 at 07:27  Comments (3)  

Il mio levigato bagno

Capelli grezzi spaventati
incubi della testa
medusa impietrita
alla mia vista
da vetro riflesso
unico mortale scalo
sulla rotta stracciata d’argonauta
luogo recondito al mondo
che sconvolge il passato
e mi cancello il futuro
dentro lo specchio d’oro
di una vita in viaggio
a conquistarne un regno
nel levigato bagno
mi pettino capelli gretti per farmi re

Enrico Tartagni

Published in: on dicembre 15, 2017 at 06:53  Comments (1)  

Di uno spavento…

Spavento di un Amore immenso…
di uno spavento
non mi sono mai ripreso
quello della nascita
mi rifarò con quello della morte
dove t’aspetterò
per l’eternità
Amore mio immenso
che dall’altra parte dell’universo
mi hai raggiunto
ed io…
ed io navigavo dritto
Comandante Harlock romantico
tra le stelle che tenevo in mano
in carte astronautiche disegnate su etereo Nulla
che cullavo negli occhi
potente di me stesso…
mio Astro luminoso
illumina il mio mondo di tenebre.

Enrico Tartagni

Published in: on dicembre 6, 2017 at 07:36  Comments (2)  

Co(s)mica

Non c’è un sole
non ci sono stelle
fumi d’incensi
polvere e supernove
non c’è Venere
nebbia su Plutone
non c’è Giove
in superfici a gas
occhi rossi
tifoni
in controsenso
orbite scagliasassi
comete sfiondano
d’Urano non ne sanno
trema Nettuno
la Terra e la sua Luna
lo Spazio muove
e si rimuove
dama e buchi neri
il bianco lo confonde
nei momenti invuoti
interstellar tutti i pensieri
motocosmo che sposta il Mondo
e le altre stelle
di meteoriti
Marte  trafitto s’abbatte
brucia Mercurio
esplode Saturno tra gli anelli
scuote il manto a queste stelle
il gran Destriero
s’accende un Sole
ultimo Universo…
etc etc

Enrico Tartagni

Published in: on dicembre 2, 2017 at 07:38  Comments (2)  

Centro della stella

Di te,
mi apparterrà la storia,
luminoso quell’attimo divino,
spirito essenziale
entrato in me sopra te,
universo visto in luci inenarrabili,
morbida voluttuosa
gioiello di diamante inestimabile
sei, il centro della stella,
perfetta inafferrabile
m’accompagni,
è questo che penso,
quando entro nel tuo appartamento.

Enrico Tartagni

Published in: on novembre 23, 2017 at 07:47  Comments (2)